Potere di pensiero positivo, il

POTERE DI PENSIERO POSITIVO, IL, un libro che per due anni ha guidato la lista dei best seller della saggistica e ha venduto due milioni di copie negli anni '1950, ha cercato di conciliare il protestantesimo liberale con la società del benessere e con la psicoanalisi. Il suo autore, Norman Vincent Peale (1898-1993), ministro della prestigiosa Marble Collegiate Church sulla Fifth Avenue a New York City, assicurò ai suoi lettori che il successo materiale era un obiettivo cristiano difendibile e che il suo raggiungimento era in gran parte una questione di coltivare il giusto atteggiamento mentale. Nella tradizione della cura della mente, del Nuovo Pensiero e del "vangelo del successo", egli considerava Dio più come un potere benigno operante dall'interno dell'individuo che come il giudice divino del precedente protestantesimo americano.

Peale, con la sua compagna Smiley Blanton, gestiva una clinica religiosa e psicoanalitica nella sua chiesa e pubblicava la rivista ispiratrice Guideposts. Ha anche viaggiato e trasmesso ampiamente, specializzandosi in indirizzi orientati al successo a gruppi di uomini d'affari. Il potere del pensiero positivo (1952) ha capitalizzato sul successo del suo precedente Guida alla vita sicura (1948). Comprendeva passaggi "come fare per" su come superare l'ansia e avere successo negli affari, e racconti ispiratori conformi alle ortodossie borghesi e anticomuniste del momento. I titoli dei capitoli caratteristici sono "Aspettatevi il meglio e prendetelo", "L'afflusso di nuovi pensieri può rifarvi" e persino "Come far piacere alle persone". Proprio come contraddiceva l'ateismo militante di Freud, così mancava il dramma doloroso delle opere psicologiche di Freud. Invece, ha dichiarato blandamente che "si può avere tranquillità, salute migliore e un flusso di energia incessante".

Peale ha capitalizzato il successo del libro, nonostante le aspre critiche da tutti i punti dello spettro religioso - dai protestanti evangelici per la sua libera interpretazione delle scritture, e dai neo-ortodossi per quello che sembrava loro il suo troppo facile abbraccio del materialismo e del consumatore modo di vivere.

Bibliografia

George, Carol. Venditore di Dio: Norman Vincent Peale e il potere del pensiero positivo. New York: Oxford University Press, 1993.

Meyer, Paperino. The Positive Thinkers: Religion as Pop Psychology da Mary Baker Eddy a Oral Roberts. New York: Pantheon, 1980.

Patrick N. Allitt