Ponti e strade a pedaggio

Ponti a pedaggio e strade, un sistema che si è sviluppato come mezzo di miglioramento dei mezzi di trasporto a fronte di finanziamenti pubblici limitati. I governi locali, coloniali e statali, gravati dai debiti, hanno noleggiato autostrade private e società di ponti con l'autorità di costruire, migliorare e addebitare i pedaggi. Mentre i ponti a pedaggio apparvero nel New England nel 1704, le prime strade a pedaggio dell'era dell'autostrada a pedaggio furono in Virginia, che autorizzava i pedaggi su una strada pubblica esistente nel 1785, e in Pennsylvania, che noleggiò la Philadelphia e Lancaster Turnpike da sessantadue miglia nel 1792 .

Dal 1790 al 1850, le strade private a pedaggio furono il principale luogo di trasporto terrestre della nazione. Più di quattrocento turnpikes, molti pavimentati secondo le specifiche dell'ingegnere francese Pierre-Marie Tresaguet, hanno facilitato il commercio, la comunicazione e il movimento verso le aree occidentali. Nel 1830, i canali a pedaggio, i ponti a pedaggio su fiumi importanti come il Connecticut e tra 10,000 e 20,000 miglia di strade a pedaggio private costituivano il cuore della rete di trasporto nazionale. Tuttavia, la mancanza di redditività e concorrenza da parte delle ferrovie, che trasportavano merci pesanti a costi relativamente bassi e ad alta velocità, portò la maggior parte delle autorità di autostrada e ponte a dissolversi entro il 1850, lasciando le loro strade e ponti alla proprietà pubblica.

Una seconda ondata di ponti e strade a pedaggio iniziò negli anni '1920 e '1930. Nel 1927, il Congresso stabilì che gli aiuti federali per le autostrade potevano essere utilizzati per i ponti a pedaggio costruiti, di proprietà e gestiti dagli stati. Le autorità dei ponti a New York, in California e altrove da allora in poi hanno venduto obbligazioni sui ricavi ammortizzate dai pedaggi per finanziare nuovi ponti, tra cui George Washington, Triborough e San Francisco-Oakland Bay. Ma le restrizioni sull'utilizzo degli aiuti federali per la costruzione di strade a pedaggio, insieme al traffico pesante sulle strade esistenti e alle tesorerie a corto di contanti, hanno portato gli stati a creare autorità speciali che hanno progettato e costruito nuove strade a pedaggio, che come i ponti sono stati finanziati attraverso i buoni delle entrate. Queste strade ad accesso limitato e ad alta velocità includevano le parkways dell'area di New York City (a partire dal 1926), la Merritt Parkway del Connecticut (1937), la Pennsylvania Turnpike (1940, la prima a strada a pedaggio del dopoguerra).

Il Federal-Aid Highway Act del 1956, che autorizzava il sistema autostradale interstatale, consentiva a ponti a pedaggio, strade e tunnel di unirsi al sistema se soddisfacevano gli standard interstatali e contribuivano a una rete integrata. Tuttavia, i pedaggi furono vietati su tutte le interstatali oltre le 2,447 miglia di superstrade a pedaggio operative o in costruzione nel 1956; Inoltre, gli aiuti per le autostrade federali non potevano essere utilizzati per nuove strutture di pedaggio, ad eccezione di ponti e tunnel ad alto costo e estensioni di strade a pedaggio esistenti.

Queste politiche scoraggiarono la costruzione di nuove strade a pedaggio, fino a quando la legislazione del 1987 e del 1991 rese disponibili aiuti federali per le autostrade per strade a pedaggio pubbliche e private non interstatali e consentì l'imposizione di pedaggi sulle autostrade non interstatali finanziate dal governo federale. Le strade a pedaggio costruite in seguito includevano la Dulles Greenway privata in Virginia e la tangenziale pubblica E-470 vicino a Denver. Negli anni '1990, Houston, San Diego e Orange County, California, hanno introdotto il pedaggio ad alta occupazione, o HOT, corsie su autostrade altrimenti libere, consentendo ai conducenti solitari di accedere alle corsie riservate al carpool pagando un pedaggio; i critici hanno affermato che questa strategia di gestione del traffico ha creato un sistema stradale stratificato per classe. Nel 2000, la Federal Highway Administration ha elencato 4,927 miglia di strade a pedaggio e 302 miglia di ponti e tunnel a pedaggio a livello nazionale.

Bibliografia

Associazione americana dei lavori pubblici. Storia dei lavori pubblici negli Stati Uniti, 1776–1976. Chicago: American Public Works Association, 1976.

Gómez-Ibáñez, José A. e John R. Meyer. Diventare privato: l'esperienza internazionale con la privatizzazione dei trasporti. Washington, DC: Brookings Institution, 1993.

Klein, Daniel B. "La fornitura volontaria di beni pubblici? Le società Turnpike della prima America". Inchiesta economica 28 (ottobre 1990): 788–812.

Jeremy L.Korr