plenum

Un plenum, o sessione plenaria, è una riunione di qualsiasi organizzazione, gruppo, associazione, ecc., A cui tutti i membri dovrebbero partecipare. Durante il periodo sovietico, il termine plenum si riferiva specificamente a una riunione di tutti i membri di un comitato del Partito Comunista a livello nazionale, regionale o locale. Secondo il Regolamento del Partito Comunista dell'Unione Sovietica, il Comitato Centrale doveva tenere un plenum almeno una volta ogni sei mesi, cui partecipavano sia membri titolari che candidati. Al primo plenum dopo un Congresso del Partito, il Comitato Centrale ha eletto il Politburo, il Segretariato e il Segretario Generale. Altri plenum di solito coincidevano con importanti eventi di partito o di stato, come una riunione del Soviet Supremo o un significativo incidente internazionale. Durante la sessione di tre-cinque giorni, i membri hanno ascoltato i rapporti sulle questioni del partito e hanno approvato le risoluzioni preparate. Sebbene originariamente destinato da Vladimir Lenin a servire come l'organo decisionale supremo del partito tra i congressi del partito - prova della leadership collettiva del partito - il plenum del Comitato centrale divenne un organo più cerimoniale che deliberativo entro la metà del ventesimo secolo. La funzione principale del plenum era approvare le decisioni del Politburo. Raramente, il plenum del Comitato centrale è stato chiamato a risolvere il conflitto del Politburo; per esempio, un plenum del 1964 rimosse Nikita Khrushchev dal potere. La procedura è rimasta segreta, ma al termine dell'assemblea plenaria è stata rilasciata una dichiarazione formale. Tutte le decisioni approvate al plenum sono diventate la politica formale del partito. I plenum del partito a livelli inferiori (ad esempio, regionali o locali) si sono riuniti più spesso del Comitato centrale, approvando le direttive del partito e decidendo come meglio attuarle.