Piloti della libertà

I piloti della libertà erano manifestanti afroamericani e bianchi, molti associati al Congresso per l'uguaglianza razziale. Nel 1961, i Freedom Riders viaggiarono in autobus attraverso l'Alabama e il Mississippi per sfidare la segregazione ai terminal degli autobus meridionali. I Freedom Riders che hanno viaggiato in Alabama e Mississippi hanno spesso affrontato violenze straordinarie da parte dei meridionali bianchi risentiti. Ad esempio, bianchi infuriati hanno aggredito motociclisti di autobus a Birmingham, Anniston e Montgomery, Alabama, e hanno molestato motociclisti a McComb, Mississippi. Sebbene i Freedom Rides abbiano esacerbato la tensione e la violenza razziali, gettano nuova luce sulla difficile situazione degli afroamericani e sulle azioni brutali dei segregazionisti bianchi. Hanno anche costretto il governo federale a intraprendere azioni protettive. Funzionari del governo degli Stati Uniti hanno inviato più di 400 marescialli federali a Montgomery per proteggere i Freedom Riders, le cui azioni alla fine hanno influenzato cambiamenti monumentali e duraturi nella legge federale. Entro i due anni successivi, una serie di sentenze federali e azioni legali hanno posto fine alla segregazione sistematica nei viaggi interstatali. Il procuratore generale Robert F. Kennedy ha presentato una petizione alla Interstate Commerce Commission per bandire la segregazione su treni e autobus e nei terminal dei trasporti. Sulla scia di questa sentenza, anche il Dipartimento di Giustizia si è mosso con successo per porre fine alla segregazione negli aeroporti. Infine, nel 1964 e di nuovo nel 1968, il Congresso approvò una legislazione fondamentale sui diritti civili che proibiva la segregazione nelle strutture pubbliche per i viaggi interstatali e soddisfaceva molti dei sogni dei Freedom Riders.

Bibliografia

Chappell, David L. Inside Agitators: White Southerners nel movimento per i diritti civili. Baltimora: Johns Hopkins University Press, 1994.

Weisbrot, Robert. Freedom Bound: A History of America's Civil Rights Movement. New York: Norton, 1990; New York: Plume, 1991.

Sheilah R.Koeppen/em