Payne, daniel alexander

Febbraio 24, 1811
2 Novembre 1893

Daniel Alexander Payne era la figura principale della chiesa episcopale metodista africana (AME) durante la seconda metà del diciannovesimo secolo, un periodo che uno storico definì "l'era del vescovo Daniel Payne". Payne è nato a Charleston, nella Carolina del Sud, da genitori neri liberi che hanno provveduto alla sua prima educazione. Fondò la sua scuola nel 1828 ma fu costretto a chiuderla quando il legislatore della Carolina del Sud proibì l'insegnamento dei neri.

Lasciando Charleston nel 1835, studiò per due anni all'Evangelical Lutheran Seminary di Gettysburg, in Pennsylvania, ma se ne andò per problemi di vista. Ottenne la licenza per predicare e nel 1839 divenne il primo sacerdote afroamericano ordinato dal Sinodo evangelico luterano di Franck. Aprì una scuola mista a Filadelfia nel 1840 e presto fu coinvolto nel movimento contro la schiavitù.

Sebbene Payne prestò servizio per un breve periodo a una congregazione presbiteriana bianca a Troy, New York, non fu mai incaricato di una parrocchia luterana, quindi nel 1841 si associò alla chiesa AME. Esitava ad aderire alla denominazione perché molti membri si opponevano a un clero istruito. La preferenza di Payne per il culto liturgico formale e per i ministri eruditi contrastava con lo stile emotivo e spontaneo di molti pastori e congregazioni della denominazione. Ma i suoi instancabili sforzi per standardizzare il culto AME, migliorare l'educazione religiosa e conservare un registro della storia della denominazione alla fine si sono guadagnati il ​​rispetto dei leader della chiesa. Eletto vescovo nel 1852, ha plasmato il carattere e le politiche della denominazione nei successivi quattro decenni. Sotto la sua guida, la Chiesa AME ha ampliato le sue missioni nazionali e straniere, ha riorganizzato il programma di pubblicazione e stabilito centinaia di congregazioni tra gli schiavi emancipati di recente, un fattore importante nella rapida crescita della denominazione dopo la guerra civile.

Un noto educatore, autore e teologo, Payne fu nominato presidente nel 1863 della Wilberforce University, il primo college controllato dai neri negli Stati Uniti. Ha reso l'istituto solvibile, ha attratto studenti e docenti capaci e ne ha accresciuto la reputazione. Sebbene lasciò la presidenza della Wilberforce nel 1876, rimase attivo nella sua amministrazione fino alla sua morte.

Payne ha scritto numerose poesie, saggi, discorsi e sermoni per la stampa afro-americana. La sua autobiografica Ricordi di settant'anni (1888) e Storia della chiesa episcopale metodista africana (1891) sono importanti contributi alla letteratura afroamericana e preziose fonti per la storia afroamericana del diciannovesimo secolo. Fu una figura di spicco nel Parlamento mondiale delle religioni all'Esposizione colombiana mondiale di Chicago (1893).

Guarda anche Chiesa episcopale metodista africana; Autobiography, USA; Wilberforce University

Bibliografia

Coan, Josephus R. Daniel Alexander Payne: educatore cristiano. Philadelphia: AME, 1935.

roy e. finkenbine (1996)