Passaggio a nord-ovest in Asia

Il passaggio a nord-ovest è stato a lungo cercato dagli esploratori europei per ridurre la distanza e il tempo necessari alle navi mercantili per viaggiare dall'Europa all'Asia. La maggior parte degli esploratori ha tentato di individuare un canale marittimo nelle acque artiche a nord del Canada. La rotta che alla fine è stata scoperta va dall'Oceano Atlantico sotto l'Islanda e la Groenlandia, attraverso l'arcipelago artico nel Canada settentrionale e lungo la costa settentrionale dell'Alaska nell'Oceano Pacifico.

Gli esploratori spagnoli furono i primi a tentare di localizzare questo mitico passaggio dal lato del Pacifico a partire dal 1539, ma gli inglesi li superarono presto nel numero di gruppi di esplorazione provenienti dall'Atlantico. Martin Frobisher (1535–1594 circa) scoprì Frobisher Bay (1576–1578), John Davis (1543–1605) trovò Cumberland Sound (1585) e Henry Hudson (1565–1611) esplorò sia il fiume Hudson che successivamente la baia di Hudson (1609). Tuttavia, tutti questi sforzi non sono riusciti a trovare un passaggio. Si dimentica spesso che la famosa spedizione del Capitano James Cook (1728–1779) dal 1776 al 1779, che si concluse con la sua morte nelle Isole Hawaii, iniziò come la ricerca di una rotta del Pacifico verso il Passaggio a Nord-Ovest.

I disastri erano comuni. Nel 1845 Sir John Franklin (1786–1847) guidò una grande spedizione che scomparve completamente. Successivamente gli esploratori determinarono che le navi di Franklin furono bloccate vicino all'isola di King William. Dopo aver abbandonato le loro navi e aver fatto ritorno via terra, l'intero gruppo di 129 uomini morì nel 1848. Uno dei motivi della perdita totale potrebbe essere che erano stati riforniti di ottomila barattoli di cibo sigillati con piombo. Dopo 138 anni, test di laboratorio su tre corpi di questa sfortunata spedizione hanno scoperto livelli letali di avvelenamento da piombo.

Alla fine, dopo più di trecento anni di fallimento, un gruppo di esploratori guidato da Robert McClure (1807–1873) completò il Passaggio a Nord-Ovest con una combinazione di rotte marittime e terrestri dal 1850 al 1854. Nel 1906 l'esploratore norvegese Roald Amundsen (1872–1928) 1944) impiegò un totale di tre anni per completare il viaggio via mare. Il primo passaggio di una sola stagione non è stato realizzato fino al 1899, tuttavia, dal canadese Henry Larsen (1964-XNUMX).

Il 1 ° luglio 1957 i tagliatori della Guardia Costiera degli Stati Uniti Storis, Bramble e asta iniziò a cercare un canale più profondo attraverso l'Oceano Artico. Il loro successo è stato la fine storica della sfida di oltre 400 anni per trovare una rotta in acque profonde che consentisse alle grandi navi di fare il passaggio a nord-ovest. Al suo ritorno in Groenlandia, asta divenne anche la prima nave registrata negli Stati Uniti a circumnavigare il continente nordamericano, battendo Spessore a casa da diverse settimane.

Nonostante tutti gli aspetti negativi che il riscaldamento globale può comportare, potrebbe anche aprire il passaggio a nord-ovest per periodi di tempo sempre più lunghi. È stato ipotizzato che entro il 2015 una rotta commerciale priva di ghiaccio apparirà nell'Artico durante i mesi estivi. Se vero, questo passaggio consentirà alle navi che viaggiano tra l'Europa e l'Asia di radersi più di quattromila miglia dalla rotta normale attraverso Panama. Oltre ad evitare ritardi e tasse sul canale, molte grandi navi portacontainer e petroliere non possono entrare nel canale di Panama, quasi centenario, costringendole a prendere la rotta più lunga e pericolosa intorno al Capo Horn del Sud America.