Partito Comunista di Gran Bretagna

Partito Comunista della Gran Bretagna. Durante la prima guerra mondiale la Federazione socialdemocratica cambiò nome in Partito socialista britannico, rimanendo affiliata al partito laburista. Il successo della rivoluzione bolscevica produsse un riallineamento della sinistra e il Partito Comunista fu fondato nel 1920. La sua richiesta puramente tattica di affiliazione al Partito Laburista fu respinta, ma ottenne due parlamentari nel 1922, uno dei quali sotto i colori laburisti. La forza del nuovo partito era in gran parte nel Galles meridionale e nella Scozia industrializzata. Il Daily Worker è stato avviato nel 1930 ma ha assorbito gran parte dell'energia del partito nel tentativo di mantenerlo. Un modesto successo arrivò nel 1935 quando Harry Pollitt ottenne il 38% dei voti a East Rhondda e Willie Gallacher vinse il seggio del West Fife. Il partito seguì una linea spietatamente stalinista e lo scoppio della seconda guerra mondiale produsse una vigorosa ginnastica intellettuale. Il conflitto antifascista da vincere a tutti i costi nel settembre 1939 divenne una guerra "ingiusta e imperialista" un mese dopo, quando Stalin, ora alleato con Hitler, chiarì che i suoi compagni britannici avevano fatto una diagnosi falsa. L'attacco tedesco all'Unione Sovietica nel 1941 produsse un'altra rivalutazione e il Partito Comunista ebbe un certo successo, per associazione, nel 1942. Ma non seguì nessun grande passo avanti, e sebbene il partito restituisse due parlamentari nel 1945, 12 dei suoi 21 candidati persero i loro depositi . Il peggio sarebbe seguito quando lo sviluppo della Guerra Fredda e le crescenti prove della tirannia di Stalin lo costrinsero sulla difensiva. Alle elezioni generali del 1950 presentò 100 candidati, perse entrambi i seggi e incamerò 97 depositi. Il crollo dell'Unione Sovietica nel 1989 ha imposto un'altra rivalutazione. Un gruppo ha deciso di cambiare il suo nome in Sinistra Democratica: i loro oppositori hanno mantenuto il vecchio nome. Ma alle elezioni generali del 1997 i cinque candidati comunisti hanno votato un ottavo dei voti collettivi del Monster Raving Loony Party.

JA Cannon