Olio di cherosina

Olio di cherosina. Gli americani sapevano qualcosa dei giacimenti di petrolio già nel 1700, ma il petrolio entrò raramente in commercio fino al 1849, quando Samuel M. Kier di Pittsburgh iniziò a vendere su larga scala "Kier's Petroleum o Rock Oil, Celebrated for its Wonderful Curative Powers". Nel frattempo, altri uomini stavano compiendo passi destinati a rivelare il vero valore del petrolio. James Young di Glasgow, in Scozia, iniziò a distillare oli lubrificanti e illuminanti da una sorgente petrolifera nel Derbyshire, in Inghilterra, nel 1847. Nell'isola del Principe Edoardo, in Canada, Abram Gessner distillò cherosene dal carbone locale già nel 1846. Brevettò il suo processo nel Stati Uniti e vendette i suoi diritti alla North American Kerosene Gas Light Company di New York, che iniziò la produzione commerciale nel marzo 1854. Nel 1859, il paese aveva tra cinquanta e sessanta società che producevano cherosene da carbone, scisto e altri carboni. L'attività è cresciuta rapidamente, sostituendo le lampadine più vecchie come l'olio di balena e la canfina.

Sebbene Kier avesse iniziato a distillare il cherosene dal petrolio nel 1850, aveva fatto pochi progressi e il vero pioniere fu il colonnello AC Ferris di New York, che ottenne la maggior parte della produzione dei pozzi di Tarentum, in Pennsylvania. Nel 1858 il business del petrolio greggio degli Stati Uniti ammontava a 1,183 barili. Poi nel 1859 EL Drake fece il suo epocale sciopero petrolifero nella Pennsylvania occidentale, e l'offerta di petrolio greggio crebbe rapidamente enorme. Nel 1860 più di 200 brevetti erano stati concessi sulle lampade a cherosene e nel giro di anni il cherosene divenne il principale illuminante del mondo. Intorno al 1880 la Standard Oil Company perfezionò una stufa a cherosene sicura. Nel frattempo, i sottoprodotti della fabbricazione del cherosene, come la paraffina, la vaselina e gli oli lubrificanti, avevano occupato un posto importante nella vita americana.

Durante il ventesimo secolo, sono stati trovati usi aggiuntivi per il cherosene - come ingrediente nel carburante per motori a reazione, per il riscaldamento domestico, come solvente per la pulizia e insetticida e, sebbene ampiamente sostituito dall'elettricità, per l'illuminazione. Nel 1972 gli Stati Uniti hanno prodotto circa 2.3 miliardi di barili (42 galloni ciascuno) di cherosene.

Bibliografia

Nero, Brian. Petrolia: The Landscape of America's First Oil Boom. Baltimora: Johns Hopkins University Press, 2000.

Yergin, Daniel. Il premio: l'epica ricerca di petrolio, denaro e potere. New York: Simon e Schuster, 1991.

AllanNevins/cw