Newyorkese

Nel febbraio 1925, il numero inaugurale del New Yorker rivista è stata pubblicata. Sebbene abbia avuto difficoltà nei suoi primi anni, il settimanale sarebbe diventato alla fine una rivista nazionale famosa per la qualità e l'ampiezza della sua scrittura e dei suoi cartoni animati.

Il New Yorker nasce da un'idea di Harold Ross (1892–1951). Dopo la prima guerra mondiale (1914-18), Ross iniziò a frequentare l'Algonquin Hotel di New York con un gruppo di scrittori e artisti che sarebbero diventati noti come "Algonquin Round Table". Ross è stato preso dall'arguzia e dalla raffinatezza del gruppo e ha deciso che se fosse riuscito a catturarlo in una rivista, avrebbe trovato un pubblico. Ross, che avrebbe curato la rivista per ventisei anni, stabilì i quattro accenti letterari di base della rivista: saggistica, narrativa, poesia e cartoni animati. Il New Yorker ha continuato a eccellere in tutte e quattro le aree, spesso nello stesso numero.

I primi anni di New Yorker presentava contributi regolari di scrittori e artisti come Dorothy Parker (1893–1967), EB White (1899–1985) e James Thurber (1894–1961). Il loro lavoro sofisticato ha contribuito a stabilire la reputazione della rivista come rivista letteraria seria per lettori intellettuali, anche se c'erano critici che hanno definito la rivista "altezzosa". Nel 1946 la rivista entra nella storia giornalistica dedicando un intero numero a Hiroshima di John Hersey (1914–1993). L'opera era un racconto brutale del bombardamento nucleare americano dell'omonima città giapponese durante la seconda guerra mondiale (1939-45).

Dopo la morte di Ross nel 1951, William Shawn (1907-1992) ha assunto la direzione del Newyorkese. Sotto la sua guida, la reputazione della rivista come "la migliore rivista che sia mai esistita" ha continuato a crescere. Scrittori come John Cheever (1912–1982), JD Salinger (1919–) e John Updike (1932–) pubblicarono alcuni dei loro migliori romanzi nel Newyorkese's pagine. Il lavoro del fumettista Charles Addams (1912-1988) ha continuato a presentare un mondo bizzarro che sarebbe diventato la base per La famiglia Addams Programma televisivo e diversi Famiglia Addams lungometraggi. Continuando la tradizione iniziata con la pubblicazione di Hiroshima, sotto la guida di Shawn, la rivista avrebbe dedicato i numeri a opere innovative come A sangue freddo di Truman Capote (1924-1984), Primavera silenziosa di Rachel Carson (1907-1964) e Il fuoco la prossima volta di James Baldwin (1924-1987). Pauline Kael (1919-2001), tra le più famose e controverse critiche cinematografiche americane di sempre, ha trascorso la maggior parte della sua carriera scrivendo per il Newyorkese.

Shawn è stato costretto al pensionamento alla fine degli anni '1980, momento in cui la reputazione della rivista ha avuto un successo. Da quel momento, la sua coerenza editoriale non è stata più quella di una volta. Nonostante ciò, in un'epoca di crescente clamore e di tendenza verso il tabloid nella stampa americana principale, all'inizio del ventunesimo secolo il New Yorker è rimasto un faro per i lettori alla ricerca di una scrittura intelligente e sofisticata.

—Robert C. Sickels

Per maggiori informazioni

Corey, Mary F. The World Through a Monocle: The New Yorker at Mid-century. Cambridge, MA: Harvard University Press, 1999.

Gill, Brendan. Qui al New Yorker. New York: Random House, 1975.

Kunkel, Thomas. Genius in Disguise: Harold Ross del New Yorker. New York: Random House, 1995.

Il newyorkese.http://www.newyorker.com (visitato il 24 gennaio 2002).

Yagoda, Ben. Informazioni su Town: The New Yorker and the World It Made. New York: Scribner, 2000.