Nazarbayev, nursultan abishevich

(nato nel 1940), funzionario governativo del Partito Comunista, Sovietico e Kazako.

Nato in una famiglia rurale della Grande Orda kazaka nella regione di Alma-Ata, Nursultan Abishevich Nazarbaev ha terminato la scuola tecnica nel 1960, ha frequentato una scuola tecnica superiore dal 1964 al 1967 e ha sposato Sara Alpysovna, agronomo-economista. È entrato a far parte del Partito Comunista (PCUS) nel 1962, ha iniziato a lavorare sia nel Comitato Sovietico della città di Temirtau che nel Comitato del Partito nel 1969, e da allora è avanzato rapidamente. Nel 1976 si è diplomato al programma esterno della Scuola Superiore del Partito del Comitato Centrale del PCUS, e dal 1977 al 1979 ha guidato il Comitato Karaganda del Partito. Le capacità di Nazabayev come "tecnocrate pragmatico" e il sostegno di mecenati come il potente primo segretario del partito kazako Dinmukhammed Kunayev e Mikhail Andreyevich Suslov e Yuri Vladimirovich Andropov a Mosca hanno assicurato la sua elezione a segretario del Comitato centrale kazako nel 1979,

alla Commissione centrale di controllo del partito sovietico dal 1981 al 1986, alla presidenza del Consiglio dei ministri della SSR kazaka nel 1984 e al Comitato centrale del PCUS nel marzo 1986.

Durante le rivolte che seguirono la cacciata di Kunaev nel dicembre 1986, Nazarbayev cercò di controllare i manifestanti studenteschi. Piuttosto che nuocere alla sua carriera, la sua posizione gli valse un considerevole sostegno tra i nazionalisti kazaki e la lealtà a Mikhail Gorbachev gli assicurò un posto nel Comitato centrale sovietico. Eletto al nuovo Congresso dei Deputati del Popolo, divenne rapidamente il primo segretario del Partito kazako quando scoppiarono nuovamente le rivolte etniche nel giugno 1989. Dal febbraio 1990 fu anche presidente del Soviet supremo kazako, che lo elesse presidente della SSR kazaka in aprile. È entrato a far parte del Politburo sovietico in quel luglio ma, dopo essersi brevemente fermato durante il golpe dell'agosto 1991, ha lasciato il partito sovietico nel settembre successivo. Ha presieduto lo scioglimento del partito kazako in ottobre, e poi ha vinto una massiccia vittoria elettorale il 1 ° dicembre 1991. Come presidente, Nazarbaev ha sovrinteso alla formazione di una Repubblica indipendente del Kazakistan e al suo ingresso nella Comunità degli Stati Indipendenti (CSI). Nonostante profonde divisioni etniche, religiose e linguistiche; crisi economica persistente; Negligenza russa; e aspre controversie politiche all'interno dell'élite, ha mantenuto l'unità e la posizione del Kazakistan all'interno della CSI. A tal fine ha sostituito il parlamento con un'Assemblea popolare nel 1995 e un referendum ha prolungato il suo mandato fino al 2000. Sorprendendo l'opposizione convocando nuove elezioni, Nazarbaev è diventato presidente virtuale a vita nel gennaio 1999 e, con la sua dinastia familiare, domina un potente regime di governo che spesso limita, ma non ha abolito, le libertà civili kazake.