Musica: società musicali

Società musicali private. Dopo una pausa durante la rivoluzione, l'interesse degli americani per la musica da concerto ha continuato a crescere come prima della guerra. Società musicali sorsero nelle città di tutta l'America e giocarono un ruolo importante nella promozione dell'esecuzione di musica classica. Società musicali private come la St. Cascilia Society di Charleston hanno svolto una funzione sociale e musicale. L'iscrizione era solo su invito. Alle riunioni della società membri e musicisti professionisti hanno eseguito musica insieme per gli ospiti invitati, con un ballo in scena per concludere la serata. Organizzazioni simili furono formate in altre città, tra cui la Musical Society of New York (1791) e la Philharmonic Society of Boston (1809). Queste società private costituirono la base per le successive orchestre pubbliche, ma all'epoca la loro esclusività rifletteva e rafforzava il carattere d'élite del mecenatismo per la musica strumentale da concerto nei primi anni dell'America. Solo i ricchi possedevano i mezzi per sviluppare e assecondare un gusto per tale musica, poiché il costo per acquisire e imparare a suonare strumenti musicali era al di là delle possibilità degli individui più comuni. In effetti, la maggior parte dei musicisti professionisti che eseguivano musica classica strumentale in questo periodo erano immigrati dall'Europa, rivelando la dipendenza della nazione dall'Europa per la sua musica da concerto. Allo stesso modo, praticamente tutta la strumentale classica

la musica eseguita nella prima America nazionale è stata scritta da compositori europei.

La società di Handel e Haydn. Non tutte le società musicali erano così esclusive. La Handel and Haydn Society di Boston ha attirato un vasto pubblico ai suoi concerti pubblici. La società è nata da un "Giubileo di pace" organizzato a Boston dal compositore e organista inglese George K. Jackson nel febbraio 1815 per celebrare il compleanno di Washington e la firma del Trattato di Ghent, che ha formalmente concluso la guerra del 1812. Questa celebrazione ha riunito il maggior numero di musicisti mai riuniti in città per eseguire opere di George Frideric Handel e vari altri compositori. Nel mese successivo a questo concerto trionfante, un gruppo di musicisti e mecenati locali - Gottlieb Graupner, Augustus Peabody, John Dodd, George Cushing e Matthew Parker - ha deciso di formare una società musicale per offrire periodicamente eventi simili. Hanno ufficialmente adottato una costituzione per l'Handel and Haydn Society il 26 aprile 1815.

Musica e progresso culturale. Nel preambolo della loro costituzione i fondatori collegavano l'organizzazione al progresso politico e culturale della nazione, sostenendo: "Mentre nel nostro paese quasi tutte le istituzioni, politiche, civili e morali, sono progredite con passi rapidi, mentre ogni altra scienza e arte è coltivata con un successo lusinghiero per i suoi sostenitori, gli ammiratori della musica trovano la loro amata scienza ben lontana dall'eccitare i sentimenti o dall'esercitare i poteri a cui è abituata nel Vecchio Mondo ". Cercando di far avanzare il nazionalismo culturale promuovendo una profonda ammirazione per la cultura europea, l'Handel e la Hayden Society hanno riunito cantanti dei cori di tutta l'area per dare concerti di musica sacra, in particolare la musica di Handel e Haydn. Al suo primo concerto, il 25 dicembre 1815, l'Handel and Haydn Society eseguì selezioni da Haydn's Creazione e vari oratori di Handel, concludendo con quello di Handel Coro alleluia.