Movimento di aiuto agli emigranti

Emigrant aid movement, un piano per promuovere la migrazione in stato libero in Kansas formato all'epoca del Kansas-Nebraska Act del 1854, che prevedeva che le persone di quel territorio dovessero decidere mediante sovranità popolare se il territorio designato dovesse essere suolo libero o schiavo. L'atto si è rivelato un disastro, poiché i sostenitori di entrambe le parti si sono rapidamente spostati nel territorio, causando disordini economici e politici. Il movimento sembra essere nato da un'idea di Eli Thayer, che un mese prima della scadenza dell'atto ha creato il Massachusetts

Emigrant Aid Company, che in seguito sarebbe diventata la New England Emigrant Aid Company. Nello stesso anno fu fondata la Kansas Emigrant Aid Society per aiutare "uomini antischiavista, uomini di temperanza e altri uomini di buon carattere" a stabilirsi in Kansas. Queste società cercavano di attirare fondi offrendo al pubblico stock option, con cui fondarono alcune nuove città e fornirono forniture e attrezzature meccaniche ai coloni. Charles Robinson, un agente della compagnia, ha istituito un governo del suolo libero nella città di Lawrence. I finanziamenti furono scarsi fino alla fine del 1855, quando i promotori del programma adottarono una politica più aggressiva. Le tensioni sono aumentate tra i sostenitori della prostituzione e i sostenitori della libertà e, di conseguenza, la violenza è esplosa in diverse occasioni. Nel 1856, Lawrence fu licenziato dalle forze della prostituzione. Eventi come questo hanno portato i giornalisti a scrivere articoli sensazionali su "Bleeding Kansas". Sebbene meno della metà delle morti violente avvenute in questo periodo fossero dovute alla questione della schiavitù, il movimento ha capitalizzato la violenza per ottenere sostegno al di fuori dello stato. La più grande spedizione in Kansas sotto gli auspici del movimento è stata organizzata da Jefferson Buford dell'Alabama. In tutto, tuttavia, si pensa che solo circa 1,240 coloni fossero sponsorizzati dalla New England Emigrant Aid Company, le cui attività erano in gran parte limitate al nord-est. Sebbene il movimento avesse poco a che fare con la trasformazione del Kansas in uno stato del suolo libero, nel sud del paese fu molto risentito ed è considerato da alcuni una potente causa della guerra civile. Anche così, è ora riconosciuto che la divisione tra le lobby di proselitismo e antischiavista era secondaria rispetto alle contese sulle rivendicazioni fondiarie. È anche vero che la Emigrant Aid Company era insufficientemente finanziata e gestita in modo incompetente. Nel 1857, il movimento era effettivamente defunto. Non aveva fatto altro che polarizzare le opinioni e alimentare le passioni.

Bibliografia

Barry, Louise. "The Emigrant Aid Company Parties of 1854" e "The New England Aid Company Parties of 1855." Trimestrale storico del Kansas 12 (1943): 115-125 e 227-268.

Connelley, William E. Una storia standard del Kansas e dei Kansans. 5 voll. Chicago: Lewis, 1918.

Harlow, Ralph Volney. "L'ascesa e la caduta del movimento umanitario del Kansas". American Historical Review 41 (ottobre 1935): 1–25.

Potter, David M. The Imending Crisis, 1848-1861. Completato e curato da Don E. Fehrenbacher. New York: Harper e Row, 1976.

SenGupta, Gunja. For God and Mammon: Evangelicals and Entrepreneurs, Masters and Slaves in Territorial Kansas, 1854–1860. Atene: University of Georgia Press, 1996.

RobertGhirlanda