Modi e mezzi, commissione

Modi e mezzi, commissione. Uno dei comitati più potenti e prestigiosi della Camera dei rappresentanti, questo comitato ha giurisdizione generale su tutte le misure fiscali, che costituzionalmente devono avere origine nella Camera, ed è responsabile della gestione del debito pubblico, delle leggi tariffarie e commerciali e del sociale Sistemi di sicurezza e Medicare. Fino al 1865, quando fu creato il comitato separato per gli stanziamenti, aveva anche giurisdizione su quasi tutte le misure di spesa. La legislazione originata dal Committee on Ways and Means è un affare privilegiato, il che significa che può ricevere una considerazione minima prima di altri progetti di legge. Spesso le questioni che hanno origine in questa commissione hanno regole molto restrittive o chiuse, che riducono o eliminano gli emendamenti di base.

Istituito nel 1795 e costituito un comitato permanente formale nel 1802, il Committee on Ways and Means è il più antico comitato congressuale. Leader forti, come Thaddeus Stevens, Robert Doughton, Wilbur Mills e Daniel Rostenkowski, l'hanno presieduto. Otto eventuali presidenti, otto futuri vice presidenti e oltre venti presidenti della Camera hanno fatto parte della commissione. Come risultato della sua ampia giurisdizione, il Comitato sui modi e i mezzi è stato al centro di molte delle principali lotte legislative nel corso della storia: finanziare le guerre; gestire il commercio, le tariffe e il debito; creare la rete di sicurezza sociale; e condividere le entrate con gli stati.

Bibliografia

Deering, Christopher e Steven Smith. Comitati al Congresso. Congressional Quarterly Press, 1997.

Kennon, Donald R. e Rebecca M. Rogers. The Committee on Ways and Means, A Bicentennial History, 1789–1989. Washington, DC: Government Printing Office, 1989.

Brian D.Posler