Michaux, anziano

7 Novembre 1884
October 2, 1968

Il leader religioso ed evangelista radiofonico, l'anziano Lightfoot Solomon Michaux, è nato a Newport News, Virginia, uno di tredici figli. Durante la sua giovinezza ha lavorato nell'azienda ittica di famiglia, vendendo pesce ai soldati sui moli. Fu lì che apprese, come avrebbe detto in seguito, "il potere della persuasione".

Da giovane, Michaux mantenne un'attività alimentare all'ingrosso di successo e rimase disinteressato alla carriera religiosa fino al 1917, quando sua moglie, una devota battista, lo convinse a finanziare la costruzione di un ramo della Chiesa di Cristo (Santità) a Hopewell, Virginia. Ben presto Michaux fu chiamato sul pulpito da sua moglie e dai suoi amici, che rimasero colpiti dalle sue capacità retoriche, e divenne il pastore permanente della chiesa. Quando la fine della prima guerra mondiale spopolò Hopewell, la chiesa nascente di Michaux fu costretta a chiudere e alla fine del 1919 tornò a Newport News per organizzare una chiesa sotto la sua stessa denominazione, la Chiesa di Dio.

I servizi di Michaux si sono distinti per la presenza di un numero significativo di bianchi. Nel 1924 Michaux si recò persino a Baltimora per predicare a una congregazione tutta bianca dominata dai membri del Ku Klux Klan. Fu arrestato nel 1926 dopo aver tenuto servizi razziali integrati per contestare le leggi della Virginia che vietavano le riunioni religiose interrazziali. Michaux è comparso in tribunale come suo avvocato. Citando la Bibbia come sua difesa, ha dichiarato: "la parola sacra dell'Essere Supremo non fa alcun riferimento a classe, divisione o razza". È stato multato ma ha continuato a detenere servizi integrati nonostante le ripetute molestie da parte della polizia e dei cittadini.

Nel 1928 Michaux si trasferì a Washington, DC, "per salvare anime su scala più ampia". Lì stabilì un ramo della Chiesa di Dio e nel 1929 iniziò le sue prime trasmissioni radiofoniche dalla stazione locale WJSV. Nel 1933 Michaux fu trasmesso a livello nazionale dalla CBS. Conosciuto come l'evangelista "Happy Am I", Michaux ha usato il suo pulpito radiofonico per sostenere numerose cause, tra cui il presidente Franklin D. Roosevelt e il New Deal. Insieme alle sue dichiarazioni politiche, Michaux ha sviluppato una dimensione sociale per il suo ministero e, attraverso la Chiesa di Dio, ha fornito rifugio e cibo a persone indigenti a Washington durante la Grande Depressione.

Negli anni '1930 Michaux divenne famoso anche tenendo battesimi di massa, prima nel fiume Potomac e dopo il 1938 al Griffith Stadium. Nel campo da baseball, sede della squadra di baseball dei Washington Senators, Michaux battezzava centinaia alla volta in una grande vasca piena d'acqua presumibilmente attinta dal fiume Giordano. I battesimi di massa erano accompagnati da fuochi d'artificio e sfarzo colorato, inclusi carri allegorici, bande musicali ed elaborate rappresentazioni della seconda venuta di Cristo. I battesimi di massa di Michaux continuarono negli anni '1960, quando furono trasferiti in altri grandi luoghi all'aperto. Un giornalista per il Il Washington Post ha osservato, "Michaux ha fatto notizia per molte imprese, ma il predicatore di 'Happy Am I' probabilmente sarà ricordato più a lungo per i suoi incontri di ballo, stravaganze religiose che lo qualificano come un grande showman".

Oltre al suo lavoro religioso e politico, Michaux sviluppò Mayfair Mansions, uno dei più grandi progetti immobiliari di proprietà privata per afroamericani, che aprì a Washington, DC, nel 1946. Negli anni '1950 la popolarità di Michaux tra gli afroamericani diminuì quando ruppe con il Il Partito Democratico approva il presidente Dwight D. Eisenhower. Alla fine della sua carriera Michaux fu coinvolto in controversie sulle sue finanze e su quelle della chiesa, che furono entrambe pesantemente investite nel settore immobiliare. Molti membri della sua congregazione accusarono Michaux di nascondere le informazioni finanziarie della chiesa e di trasferire segretamente i beni sui suoi conti personali. Nonostante le nuvole scure durante i suoi ultimi anni, la Chiesa di Dio di Michaux è rimasta dopo la sua morte come un monumento alla sua carriera di successo e fiammeggiante.

Guarda anche Grande depressione e New Deal; Movimento di santità; Protestantesimo nelle Americhe

Bibliografia

Logan, Rayford W. e Michael R. Winston, eds. Dizionario della biografia dei neri americani. New York: Norton, 1982.

Webb, Lillian Ashcraft. Informazioni sugli affari di mio padre: la vita dell'anziano Michaux. Westport, Connecticut: Greenwood, 1981.

thaddeus russell (1996)