Messico, spedizione punitiva in

Messico, spedizione punitiva in (1916-1917). Il 9 marzo 1916, Francisco (Pancho) Villa, con 485 uomini, attraversò il confine messicano e fece irruzione a Columbus, nel New Mexico, uccidendo diciotto persone. Il raid è stato il culmine di una serie di problemi di confine derivanti dalla rivoluzione messicana e forse dall'errata convinzione di Villa che il presidente Venustiano Carranza avesse scambiato l'indipendenza messicana per il supporto militare americano. Nella speranza di reprimere i disordini al confine e punire Villa, il generale di brigata John J. Pershing è stato ordinato nel nord del Messico con una forza che alla fine ha contato oltre 11,000. Inizialmente, gli Stati Uniti hanno concluso un accordo con il Messico, dando a ciascun paese il diritto di attraversare il confine all'inseguimento dei banditi. Il Messico ha inteso che l'accordo entrasse in vigore in caso di futuri raid, mentre gli Stati Uniti lo interpretarono retroattivamente, per autorizzare la spedizione Pershing. Il governo di Carranza considerava la forza Pershing non invitata un'infrazione alla sua sovranità, ei messicani generalmente erano ostili alla spedizione. In due occasioni le truppe americane e messicane si scontrarono e per un po 'la guerra sembrò imminente. Il presidente Woodrow Wilson ha chiamato la guardia nazionale di tre stati di confine il 9 maggio e quella di tutti gli Stati Uniti il ​​18 giugno. I negoziati tra i governi si sono svolti dal settembre 1916 al gennaio 1917 ma si sono conclusi senza un accordo. Gli Stati Uniti ordinarono il ritiro delle forze di Pershing nel febbraio 1917. Anche se Pershing non arrestò mai Villa, i cui sostenitori si erano ridotti a una piccola banda anche prima della spedizione, l'impresa fornì addestramento all'esercito americano, servì come terreno di prova per l'equipaggiamento e scavalcò Pershing nel suo prossimo incarico come capo delle forze di spedizione americane nella prima guerra mondiale.

Bibliografia

Braddy, Haldeen. Missione di Pershing in Messico. El Paso: Texas Western College Press, 1966.

Clendenen, Clarence C., Gli Stati Uniti e Pancho Villa: A Study in Unconventional Diplomacy. Ithaca, NY: Cornell University Press, 1961.

Katz, Friedrich. La vita e i tempi di Pancho Villa. Stanford, California: Stanford University Press, 1998.

DonaldSmythe/fb