Mese della storia dei neri / settimana della storia dei negri

La celebrazione annuale della Negro History Week fu uno degli sforzi di maggior successo dello storico Carter G. Woodson (1875–1950) per rendere popolare lo studio della storia nera. Omega Phi, una delle più antiche confraternite afroamericane, ha celebrato per la prima volta le conquiste dei neri il giorno del compleanno di Lincoln (12 febbraio). Woodson, un membro onorario della confraternita, convinse gli Omega a lasciare che l'Associazione per lo studio della vita e della storia dei negri, che aveva fondato nel 1915, sponsorizzasse la Settimana della storia dei negri nel tentativo di raggiungere un pubblico più vasto. Woodson iniziò la celebrazione annuale nel 1926 per aumentare la consapevolezza e l'interesse per la storia dei neri tra neri e bianchi. Mesi prima della prima celebrazione, ha inviato opuscoli promozionali e opuscoli che suggerivano modi per celebrare ai consigli statali dell'istruzione, scuole elementari e secondarie, college, club femminili, giornali e periodici neri e riviste accademiche bianche. Woodson ha scelto la seconda settimana di febbraio, per commemorare i compleanni di Frederick Douglass e Abraham Lincoln. Ogni anno l'associazione ha prodotto bibliografie, fotografie, libri, opuscoli e altra letteratura promozionale per assistere la comunità nera nella celebrazione. Oltre 100 fotografie di neri erano disponibili per la vendita e opuscoli specializzati includevano bibliografie su vari aspetti della storia afro-americana. Nel 1928 Woodson preparò anche una "Tabella di 152 eventi e date importanti nella storia dei negri", che vendette per cinquanta centesimi. Le celebrazioni della Settimana della storia dei negri generalmente includevano sfilate di personaggi in costume raffiguranti la vita di famosi neri, così come colazioni, banchetti, conferenze, letture di poesie, discorsi, mostre e altre presentazioni speciali.

Durante gli anni '1940, le celebrazioni della Negro History Week divennero sempre più sofisticate e attirarono un pubblico ancora più vasto. Woodson ha compilato e venduto kit, poster e fotografie di grandi dimensioni della Negro History Week che raffiguravano periodi della storia afro-americana. Le organizzazioni delle donne nere e i gruppi di servizio sociale sponsorizzavano conferenze e manifestazioni per i loro membri. Biblioteche, musei e istituzioni educative hanno tenuto mostre speciali. I sistemi scolastici di tutto il paese hanno sponsorizzato istituti per aiutare gli insegnanti a prepararsi. Gli insegnanti assegnavano agli studenti saggi su argomenti nella storia dei neri, li aiutavano a scrivere e produrre opere teatrali e sponsorizzavano concorsi di oratoria e saggi. Wood-son ha attribuito agli insegnanti il ​​merito di garantire il successo delle celebrazioni annuali e ha regolarmente riferito sui loro sforzi nel Journal of Negro History (ora il Giornale di storia afroamericana ) e sulla stampa nera, evidenziando le attività più creative e innovative. In alcuni sistemi scolastici la celebrazione ebbe un tale successo che gli insegnanti fondarono i Negro History Study Clubs, che prestarono attenzione all'argomento durante tutto l'anno scolastico. I politici bianchi facevano proclami annuali in onore della Settimana della storia dei negri, ei bianchi iniziarono a partecipare ad attività speciali. Durante la vita di Woodson la celebrazione è diventata così popolare nella sua popolarità che hanno partecipato bianchi e neri in America Latina, Indie occidentali, Africa e Filippine.

Molti dei contemporanei di Woodson sostenevano che la celebrazione annuale fosse il suo risultato più impressionante. Scrivendo in Crepuscolo dell'alba nel 1940, il sociologo WEB Du Bois (1868-1963) affermò che si trattava del più grande risultato singolo derivante dal Rinascimento di Harlem. Allo stesso modo, lo storico Rayford Logan (1897-1982) sostenne che la Settimana della storia dei negri aiutò i neri a superare il loro complesso di inferiorità e instillò orgoglio e ottimismo razziale. Dopo la morte di Woodson nel 1950, l'Associazione per lo studio della vita e della storia dei negri (ora Associazione per lo studio della vita e della storia afroamericana) continuò a sponsorizzare l'evento annuale, vendendo i kit della Settimana della storia dei negri e assistendo insegnanti, club femminili, e associazioni civiche con le loro celebrazioni. All'inizio degli anni '1970 l'organizzazione decise di estendere la celebrazione all'intero mese di febbraio e di utilizzare il termine Nero. I politici, i media e l'organizzazione che in precedenza avevano sostenuto lo sforzo per promuovere la storia dei neri durante la seconda settimana di febbraio hanno iniziato a festeggiare per tutto il mese, pur continuando a premere per un maggiore riconoscimento della storia dei neri durante tutto l'anno.

Guarda anche Associazione per lo studio della vita e della storia afroamericana; Giornale di storia afroamericana, The; Woodson, Carter Godwin

Bibliografia

Goggin, Jacqueline. Carter G. Woodson, una vita nella storia dei neri. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1993.

Meier, August e Elliott Rudwick. Storia nera e professione storica. Urbana: University of Illinois Press, 1986.

Meier, August e Elliott Rudwick. Esplorazioni nell'esperienza nera. Urbana: University of Illinois Press, 2002.

jacqueline goggin (1996)
Bibliografia aggiornata