Mcintosh, george

6 Marzo 1886
1 Novembre 1963

George Augustus McIntosh può senza dubbio essere descritto come il leader politico più eminente a St. Vincent e Grenadine nei primi cinquant'anni del ventesimo secolo. Nato nel 1886, era figlio di un padre scozzese, Donald McIntosh, e di una madre vincenziana che lavorava come cuoca. Il suo era un farmacista di professione, iniziando all'età di diciassette anni come tirocinante al Kingstown General Hospital. McIntosh è meglio conosciuto, tuttavia, come leader politico e sindacale.

George McIntosh, o "Dada", come veniva chiamato, entrò per la prima volta nell'arena politica quando divenne uno dei fondatori della St. Vincent Representative Government Association, un'organizzazione che lottava per la reintroduzione della rappresentanza eletta nella legislatura e nella politica di Paese. Come farmacista, veniva consultato regolarmente dalle classi più povere della comunità. La sua creazione di una farmacia vicino al mercato di Kingstown significava che il sabato, dopo aver venduto le loro merci al mercato, i contadini e i lavoratori avrebbero patrocinato il suo negozio, che non si limitava ai prodotti farmaceutici. Fu questo rapporto che lo portò alla ribalta al tempo delle rivolte del 1935, quando fu arrestato perché convinto che fosse lui la mente dietro le rivolte.

A causa del suo rapporto con i lavoratori del paese, lo consultarono al momento delle rivolte e cercarono il suo aiuto per intervenire presso il governatore per chiedere miglioramenti nella loro disastrosa situazione sociale ed economica. Dopo che il suo caso fu archiviato durante il processo preliminare, McIntosh cercò di catturare le energie e le speranze dei lavoratori attraverso la formazione della St. Vincent Workingmen's Cooperative Association, un movimento che era in parte sindacato e in parte partito politico.

Nonostante il fatto che la maggior parte dei suoi sostenitori non potesse soddisfare i requisiti di franchising, l'associazione di McIntosh deteneva la maggioranza dei seggi in parlamento nel 1937 e lo fece fino all'introduzione del suffragio universale per adulti nel 1951. McIntosh portò in parlamento le questioni relative ai lavoratori in un momento in cui anche come leader del suo partito non aveva praticamente alcun potere sotto il sistema di governo della colonia della corona. Ha potuto, tuttavia, evidenziare i loro problemi e ha avuto il loro appoggio come forza extraparlamentare. McIntosh ha sottolineato le questioni incentrate sull'insediamento della terra per i lavoratori ed è stato determinante nel costringere il governo a estendere l'insediamento della terra attraverso il Land Settlement Scheme del 1945. Prese anche la lotta degli Spiritual Baptists, allora chiamati Shakers, una religione che fu bandita nel 1912. Sollevò costantemente la questione in parlamento e preparò il terreno per l'eventuale abrogazione della legge nel 1965. McIntosh prestò servizio anche a Kingstown Consiglio comunale dal 1924 al momento della sua morte, ricoprendo numerose funzioni come presidente. Era in prima linea negli sforzi per formare un'unione politica delle colonie caraibiche di lingua inglese e nell'integrazione del movimento operaio regionale.

McIntosh teneva un ritratto del leader sovietico Joseph Stalin nel suo negozio, indossava una cravatta rossa e tenne, almeno in un'occasione, una cena in onore della rivoluzione russa. Era in prima linea nella politica radicale e progressista, ma secondo Gordon Lewis "non era un insurrezionalista leninista". McIntosh morì nel 1963, ricoprendo ancora un seggio nel consiglio di Kingstown Town.

Bibliografia

Fraser, Adrian. "Contadini e braccianti agricoli a St. Vincent e Grenadine 1899-1951". Ph.D. diss., University of Western Ontario, London, Ontario, 1986.

Gonsalves, Ralph E. Il processo di George McIntosh: Il processo McIntosh e la rivolta dell'ottobre 1935 a St. Vincent e Grenadine, Indie occidentali. New York: Caribbean Diaspora Press, 1996.

John, Kenneth. "La vita politica e i tempi di George McIntosh". Documento presentato alla Conferenza nazionale di St. Vincent e Grenadine, 22–24 maggio 2003. Disponibile da .

John, Rupert. Pionieri nella costruzione di una nazione in un mini-stato caraibico. New York: Unitar, 1979.

Lewis, Gordon K. La crescita delle Indie occidentali moderne. New York: Modern Reader, 1968.

Adrian Fraser (2005)