Mamaroneck, New York

Mamaroneck, New York. Raid del 22 ottobre 1776. Durante il ritiro americano da Pell's Point e Harlem Heights a White Plains, New York, il villaggio di Mamaroneck fu abbandonato dagli americani - ingiustificatamente, secondo l'opinione del generale George Washington. L'area fu quindi occupata dal maggiore Robert Rogers e dai suoi famigerati "Queen's American Rangers", una banda aggressiva di lealisti che aveva attaccato le compagnie della milizia locale e fatto irruzione nei depositi di rifornimento. Formarono un campo distaccato di circa 500 uomini vicino all'ala destra britannica a New Rochelle. Il colonnello John Haslet fu selezionato per guidare il suo reggimento del Delaware, rinforzato da alcune compagnie della Virginia e del Maryland fino a una forza totale di 750, in un raid contro Mamaroneck. Con informazioni accurate sulle disposizioni di Rogers, Haslet partì vicino a White Plains, marciò per circa cinque miglia, scivolò inosservato oltre il fianco britannico e zittì l'unica sentinella che copriva l'approccio al bivacco di Rogers. Durante il giorno, tuttavia, Rogers aveva compreso le possibilità di sorpresa lungo questa rotta e aveva piazzato sessanta uomini tra l'unica sentinella e il suo campo principale. L'avanguardia di Haslet inciampò su questa forza insospettata e ne seguì una mischia. Il nemico aumentò la confusione ripetendo il grido: "Arrendetevi, cani Tory! Arrendetevi!" Gli americani sono riusciti a catturare trentasei prigionieri, sessanta moschetti, sessanta coperte molto pregiate e un paio di colori, che hanno evacuato in sicurezza. L'accampamento principale di Rogers ha costretto i predoni a ritirarsi dopo uno scontro a fuoco. Le vittime americane furono tre uccise e dodici ferite; non c'è traccia di perdite nemiche. L'incidente ha sollevato il morale americano.