Luther (lou) mckinley stovall

Lou Stovall (nato nel 1937) è stato accreditato da artisti e critici sia per aver contribuito a trasformare il concetto di stampa serigrafica da un mestiere commerciale a una vera forma d'arte. Era anche un abile disegnatore, nonché designer e costruttore di mobili di pregio.

Luther McKinley (Lou) Stovall è nato ad Athens, in Georgia, il giorno di Capodanno del 1937. Quando era ancora un ragazzino la sua famiglia si trasferì a Springfield, nel Massachusetts, dove nacque l'interesse di Stovall per la stampa. Fu durante un lavoro estivo in un negozio di alimentari che il giovane Stovall scoprì un incisore che faceva cartelli "Saldi" per il negozio. Prima di tornare a scuola alla fine dell'estate, aveva iniziato ad assistere il tipografo.

L'educazione artistica formale di Stovall iniziò nel 1956 presso la Rhode Island School of Design, dove studiò per un semestre prima di dover tornare a casa per aiutare la sua famiglia. Nel 1962 si iscrisse alla Howard University di Washington, DC, sotto James A. Porter, il capo del dipartimento che divenne consigliere e mentore di Stovall e che aveva scritto il libro definitivo sull'arte afroamericana. Stovall ha continuato i suoi studi di incisione a Howard sotto James Lesesne Wells, lui stesso un rinomato incisore. Quando si è laureato nel 1966 con un BFA in storia dell'arte, Stovall si era già affermato come un talentuoso incisore.

Dopo la laurea, Stovall ha iniziato a lavorare come capo designer in un negozio di insegne in un sobborgo di Washington, DC. Adempiva alle sue responsabilità lavorative durante il giorno e poi lavorava ai suoi progetti dopo l'orario di lavoro. Fu durante questo periodo al Botkin's Sign Shop a Silver Spring, nel Maryland, che Stovall produsse innumerevoli poster per comunità, governo e gruppi di lavoro e collaborò con Lloyd McNeill, un musicista e collega artista, su poster per seminari jazz.

Nel 1968 Stovall aveva aperto il suo studio (Workshop, Inc.), insegnando le tecniche della serigrafia ad altri artisti mentre raffinava ulteriormente il suo stile. Successivamente è stato raggiunto dalla sua assistente, Diane (Di) Bagley, che in seguito sarebbe diventata sua moglie e collaboratrice occasionale.

Tradizionalmente, il processo di serigrafia prevede il taglio di uno stencil, che viene attaccato alla serigrafia nelle aree in cui l'artista desidera impedire la fuoriuscita del colore. Il colore viene quindi steso sullo stencil con una lama di gomma, dove passa sulla serigrafia esposta sottostante. Per ogni colore aggiuntivo utilizzato in una particolare stampa, l'artista deve tagliare un nuovo stencil. Non è insolito per un incisore tagliare dozzine di stencil per completare un unico disegno serigrafico.

Utilizzando strumenti e tecniche non normalmente associati alla serigrafia, le stampe di Stovall mostrano una complessità che di solito non si ottiene con il mezzo. Oltre all'uso del tradizionale stencil e lama di gomma, o "seccatoio", Stovall ha dipinto direttamente sulla serigrafia, utilizzando una lacca color block. In altre occasioni ha usato spugne e pennelli grandi per ottenere sfumature sottili. Quando gli strumenti abituali si sono rivelati insufficienti per le sue esigenze, Stovall ha creato i suoi strumenti per produrre le linee sottili simili a incisioni che si trovano in molte delle sue opere.

Sebbene ammettesse prontamente di essere affascinato dalla forma umana, l'arte di Stovall non ha mai rappresentato le persone. Invece, ha impregnato i suoi uccelli e paesaggi con una grazia umana.

È dalla natura che Stovall ha ricevuto gran parte della sua ispirazione. Era forse meglio conosciuto per le sue stampe circolari di fiori e paesaggi, raffiguranti ruscelli fluenti e alberi aggraziati. Nei suoi alberi, un soggetto preferito, lo stile intricato di Stovall può essere facilmente rilevato. Si possono quasi sentire le trame che ha raffigurato sui tronchi. Nel 1986, su richiesta, ha realizzato la stampa, American Beauty Rose per Washington, DC, Convenzione nazionale democratica 1988 del Comitato ospitante di area.

Oltre a produrre i suoi progetti, Stovall è stato spesso incaricato di realizzare stampe serigrafiche di opere di altri artisti, tra cui quella di Joseph Albers, Leon Berkowitz, Peter Blume, Alexander Calder, Chun Chen, Gene Davis, Tom Downing, Sam Gilliam, Sidney T. Guberman, Selma Hurwitz, Jacob Kainen, Jacob Lawrence, Robert Mangold, Mathieu Mategot, Pat Buckley Moss, Robert Newman, Paul Reed, Reuben Rubin, Roy Slade, Brockie Stevenson, Di Stovall, Franklin White e James L. Wells.

La sensibilità di Stovall per la linea e la forma è stata ripetuta nei mobili che ha progettato e costruito nel suo studio. A volte è stato incaricato di creare sia i mobili che le opere d'arte per un cliente e spesso ha costruito le cornici per la visualizzazione delle sue serigrafie.

Il lavoro di Stovall è stato esposto in tutti gli Stati Uniti, in Giappone e a Mosca, nell'URSS. (ora parte della Federazione delle Repubbliche Russe). È stato anche protagonista di vari eventi e benefici di raccolta fondi, dando contributi speciali a diversi gruppi da Amnesty International a The Environmental Law Institute.

Ulteriori letture

Stovall è elencato in Chi è chi nell'arte americana (varie edizioni) .Keith Morrison, Arte a Washington e la sua presenza afroamericana: 1940-1970 (1985) offre uno sguardo al lavoro di Stovall, dei suoi contemporanei e di alcuni degli artisti che li hanno influenzati. Catalogo di Jacquelyn Bontemps, Scegliere, offre un'altra visione delle serigrafie di Stovall. Attraverso i loro occhi: l'arte di Lou e Di Stovall è stato pubblicato in concomitanza con la mostra degli Stovalls all'Anacostia Neighbourhood Museum, Washington, DC, nel 1983. Disponibile anche attraverso lo Smithsonian Museum / Anacostia Neighborhood Museum è un video in cui Stovall spiega il suo mestiere. È stato mostrato insieme a Attraverso i loro occhi. Nel 1993, Stovall è stato intervistato per Ken Oda's Newsletter, una newsletter mensile per collezionisti d'arte e professionisti nell'area di Washington, DC. □