Little Egg Harbor, New Jersey

Little Egg Harbor, New Jersey. 5-7 ottobre 1778. Nell'autunno del 1778 Sir Henry Clinton tornò nel New Jersey per condurre una serie di importanti operazioni di foraggiamento. Allo stesso tempo, ha lavorato con la Royal Navy per pianificare un raid per mettere fuori combattimento un fastidioso nido di corsari a poche miglia a nord della moderna Atlantic City. Il 30 settembre, il capitano Henry Collins ha preso il mare con una task force composta dal suo bambino di un anno Zebra (quattordici cannoni), altre quattro navi da guerra, un brigantino e diverse galee. Il contingente dell'esercito era composto da trecento uomini del Seventieth Foot e dei Provinciali del New Jersey (Skinner's Brigade), guidati dal capitano Patrick Ferguson. Oltre a una manciata di miliziani locali, l'unica forza americana nell'area era la Legione di Pulaski. Questa squadra di armi combinate era stata organizzata a Baltimora durante la tarda primavera e l'estate e consisteva in una truppa di lancieri, due truppe di dragoni, una compagnia di fucilieri e due compagnie di fanteria leggera. La maggior parte degli ufficiali erano volontari stranieri e un numero considerevole di uomini erano disertori tedeschi.

Gli inglesi arrivarono al largo il 5 ottobre e nel corso dei due giorni successivi distrussero dieci grandi navi e magazzini assortiti, saline e cantieri navali fino a venti miglia lungo il fiume Mullica. Dopo che i predoni di Ferguson si furono imbarcati nelle loro barche, apparvero sette cavalieri di Pulaski e gli chiesero di parlare con lui. Il loro capo risultò essere Charles Juliat, che aveva disertato dal Reggimento Landgraf Hesse-Cassel nel Rhode Island ed era stato nominato dal Congresso come volontario nella Legione di Pulaski. In cambio di una grazia, guidarono Ferguson all'accampamento di Pulaski durante la notte. Verso le 4 del mattino i predoni caricarono in tre case e uccisero una cinquantina del contingente di fanteria, per lo più con la baionetta. Pulaski arrivò con i dragoni che erano stati inviati in un secondo accampamento, radunò i sopravvissuti della fanteria e ricondusse Ferguson alle sue barche in una certa confusione e con la perdita di diversi uomini catturati.

Gli americani hanno sollevato l'accusa di massacro, ei vincitori di questo colpo di stato hanno offerto le solite smentite. La maggior parte degli storici non è d'accordo sulla data dell'azione, con stime che vanno dal 5 ottobre al 15 ottobre. L'azione costrinse Washington a rimandare indietro la legione dal fronte per essere ricostruita; Collins ha perso il Zebra durante il viaggio di ritorno a New York quando si è arenata in una tempesta. Juliat non trasse profitto dal suo tradimento: rimase ostracizzato dagli Assiani.