Li shimin (taizong)

di 598-649

Fondatore della dinastia Tang

Grande monarca. Li Shimin, o Taizong, è stato considerato uno dei più grandi monarchi della storia cinese, sebbene abbia ottenuto il trono uccidendo suo fratello e costringendo suo padre, anche lui chiamato Taizong, a dimettersi. Il fondatore della dinastia Tang (618-907), Li impiegò una serie di ministri capaci, che arrivarono a incarnare il rapporto ideale tra un imperatore e i suoi consiglieri. Conservando molte caratteristiche del governo di suo padre, si interessò personalmente alle carriere dei funzionari regionali e inviò commissari per verificare la qualità del loro lavoro.

Clan imperiale. Li impiegò alcune persone a corte provenienti da aree diverse dal suo nativo nord-ovest, ma il suo governo rimase nelle mani degli aristocratici del nord-est, identificati come semibarbariani. Durante la sua amministrazione la distanza tra l'imperatore e la gente comune iniziò ad aumentare. Un esempio di questa tendenza fu il tentativo di Li di creare la superiorità della linea imperiale su quella delle quattro categorie di clan, le famiglie leader del Nordest. Ordinò che fosse compilata una genealogia per definire l'importanza di varie famiglie in tutto l'impero, e in seguito rifiutò la prima bozza del documento nel tentativo di declassare uno dei grandi lignaggi dell'Hebei. Nel 638 fu pubblicata una genealogia nazionale rivista, che mostrava il clan Li in una posizione preminente.

Guerre straniere. Negli affari esteri Li ha perseguito una politica forte, espansiva e aggressiva, dando inizio a una straordinaria espansione del potere cinese nell'Asia centrale. Con l'assistenza dei turchi orientali, Li divise con successo i turchi occidentali e ripristinò l'influenza cinese nelle regioni occidentali come fece la dinastia Han (206 a.C.-220 d.C.). Le campagne militari del 647 ridussero i turchi occidentali a vassalli della corte Tang e fecero avanzare l'impero fino ai confini della Persia. Allo stesso tempo Li inviò spedizioni punitive contro la Corea, che un tempo faceva parte dell'impero Han e ora era un affluente del Tang. Il trono di Koguryo fu rovesciato nel 640 e il nuovo sovrano arrivò a rappresentare una minaccia per il regno di Silla nella Corea del sud, il fedele affluente di Tang. La minaccia di una Corea unificata incoraggiò Li ad agire e nel 645 invase Koguryo. La spedizione procedeva lentamente e dovette essere ritirata a causa del rigido clima invernale. Una campagna simile fallì in Corea nel 646. Li pianificò di lanciare una campagna ancora più grande nel 649, ma morì prima che potesse essere realizzata. Alla fine Li spinse il potere cinese più a ovest rispetto alla dinastia Han e con il potere Tang esteso alle montagne del Pamir (nell'attuale Tagikistan), il commercio fiorì.

Vita Religiosa. Li, come quegli imperatori della dinastia Sui (589-618), si affidò alla religione per legittimare il suo regno. Nel 629 ordinò la costruzione di sette monasteri dove sarebbero state offerte preghiere per le anime dei soldati uccisi in combattimento. Successivamente ha approvato misure per controllare la corruzione nella chiesa buddista. Nel 637 emanò un editto che criticava la posizione di rilievo che il buddismo aveva occupato e ordinò che il clero taoista avesse la priorità sul clero buddista. Nello stesso anno fu promulgato un codice legale, che includeva una sezione che regolava i monaci buddisti e limitava la loro partecipazione agli affari secolari. È stato attento a non isolare i buddisti, ma come i suoi predecessori ha cercato di tenere sotto controllo l'establishment buddista. Poiché gli imperatori Tang sostenevano di discendere da Lao Zi, fondatore del daoismo, anche Li favorì quella religione. Ad esempio, ha ordinato a Xuanzang, un famoso buddista, di tradurre il Daodejing in sanscrito a beneficio dei buddisti indiani. Questo testo è stato incluso negli esami del servizio civile, che era una delle principali roccaforti dell'influenza confuciana. In contrasto con le dinastie precedenti, Li enfatizzava pochi riti incentrati sui suoi antenati e amava i rituali più pubblici eseguiti dall'imperatore per il bene di tutti.

Istruzione. Li creò un sistema di scuole e college statali, uno dei quali era riservato ai figli della famiglia imperiale e ai funzionari di alto rango. Molti studenti vennero a Chang'an per studiare e lo stato sponsorizzò una serie di progetti accademici, in particolare la scrittura delle storie dell'impero, che servì a legittimare la successione della dinastia Tang. Gli esami si sono svolti regolarmente. La grande maggioranza dei funzionari continuava a provenire dai grandi clan, ma coloro che avevano superato uno degli esami di letteratura potevano occupare le posizioni più alte.

L'anno scorso. Negli ultimi anni Li è rimasto deluso dai suoi figli ed eredi. Il principe ereditario divenne così ossessionato dai modi nomadi che visse in una yurta e in seguito fu deposto. Il figlio prediletto dell'imperatore era troppo coinvolto nelle macchinazioni sulla successione per poterci fidare. Alla fine la successione andò a un debole giovane principe che, dopo la morte di Li, divenne l'imperatore Gaozong.