Leida, Jan van

Leida, jan van (Jan Beuckelson, Giovanni di Leida; 1509–1536), leader religioso olandese. Jan van Leyden era un profeta che divenne famoso come "il re della Nuova Gerusalemme" a Münster, in Westfalia. Si sa molto poco di lui, tranne che per i pochi anni in cui ha raggiunto la fama mondiale. Suo padre era un vice sceriffo; sua madre proveniva dalle vicinanze di Münster. La città di Leida in Olanda era nota per i suoi tessuti. Quando Jan è diventato apprendista da sarto, il suo futuro sembrava luminoso. Tuttavia, quando poté iniziare, i Paesi Bassi furono colpiti da una depressione economica che durò per più di un decennio. Leida fuggì da Leida e visse a Londra per un po ', poi vagò lungo la costa dell'Europa.

Nel frattempo, la Riforma aveva cominciato a diffondersi. Eppure non fu né il luteranesimo né lo zwinglianesimo, stabiliti dal riformatore religioso svizzero Huldrych Zwingli (1484–1531) a Zurigo, a incendiare i Paesi Bassi, ma l'anabattismo. L'anabattesimo ebbe origine nell'Europa centrale ed era un rifugio per le persone che erano diventate disincantate dagli aspetti della Riforma protestante. Gli anabattisti credevano che la fine dei tempi si stesse avvicinando e che dovevano essere ammessi ai pochi eletti di Dio per mezzo del battesimo degli adulti, non dei neonati. Fu Melchior Hofmann (c. 1495–1543 / 44), un profeta tedesco, che nel 1532 portò la nuova fede al confine olandese. Il Giudizio Universale, profetizzò, si sarebbe tenuto a Strasburgo, la città che Dio aveva scelto per la sua Nuova Gerusalemme (Apocalisse, 21: 9). Gli olandesi hanno risposto con entusiasmo e hanno abbracciato Hofmann come il loro profeta. Le autorità, tuttavia, consideravano l'anabattesimo una pericolosa eresia e cercavano di sradicarla.

Fino a quel momento Leida non era anabattista. Si era sistemato dopo i suoi viaggi e aveva aperto una taverna a Leida chiamata Le Tre Aringhe. Lì si esibì nelle sue opere teatrali e satirizzò monaci e sacerdoti. Era stato anche a Münster per ascoltare un famoso predicatore e predicava anche lui stesso, ma una volta tornato a Leida tornò alle sue allegre commedie. Tutto cambiò improvvisamente quando Jan Matthijsz, il nuovo profeta degli anabattisti olandesi, bussò alla sua porta. Leida fu ribattezzata il 13 gennaio 1534 e fu inviata da Matthijsz a battezzare e organizzare i credenti nel nuovo Israele a Münster.

L'idea di andare a Münster era probabilmente di Leida. Nessuno dei seguaci olandesi aveva mai visto Strasburgo, e dopo che la prima previsione di Hofman sulla data della seconda venuta di Cristo (fine del 1533) non si materializzò, sentirono che poiché Hofman si sbagliava sull'ora, probabilmente si sbagliava sulla posizione, pure. Tuttavia, non c'erano dubbi sulla realtà dell'avvicinarsi della Fine dei Tempi, quindi i seguaci olandesi iniziarono a cercare le città da soli. Leida è stata la prima ad arrivare a Münster per preparare il terreno per la seconda venuta di Cristo. In questo compito ebbe molto successo; nel giro di poche settimane si è costruito un enorme seguito.

Ben presto gli anabattisti sapevano ovunque, e specialmente in Olanda, che "il popolo di Dio" era a Münster. In una nevosa mattina del febbraio 1534 gli anabattisti, guidati da Matthijsz, cacciarono molti dei Münsteriti per fare spazio alle migliaia di nuovi arrivati. La proprietà della proprietà privata e del denaro fu abolita e chiese e monasteri distrutti. Gli anabattisti avevano fretta di santificarsi perché Jan Matthijsz aveva predetto che l'Apocalisse sarebbe avvenuta a Pasqua. Quel giorno lasciò la città disarmato, aspettandosi che le forze opposte fossero schiacciate dalla spada del Signore. Fu invece massacrato davanti agli occhi dei suoi fedeli dai soldati del vescovo di Münster, Franz von Waldeck. Leida era il successore designato di Matthijsz.

Leida doveva ora affrontare un compito molto difficile. Dovette cercare di ripristinare la perdita di fede tra la gente e combattere i soldati di Waldeck. È stata una corsa contro il tempo. Il vescovo diventava ogni giorno più forte, ma Leida sperava che il suo popolo crescesse in santità ancora più rapidamente, in modo che Cristo chiamasse il giudizio finale prima che i soldati potessero conquistare la città. Per raggiungere questo obiettivo, ha inventato tutti i tipi di nuove misure, per una delle quali è diventato famoso: il "nuovo matrimonio", o poligamia, per il quale Leida è stata derisa da allora come discepola della lussuria. Ma sebbene non evitasse in alcun modo i piaceri della carne, la sua nuova istituzione della poligamia aveva un fine sacro: degli 8,000 abitanti della Nuova Gerusalemme, 6,000 erano donne e la maggior parte delle persone era senza partner, molti dei quali per altri entro sei mesi. Se non fosse riuscito a trasformare i suoi israeliti in monaci, li avrebbe resi poligami, proprio come molti dei patriarchi ebrei dell'Antico Testamento.

Jan aveva molte mogli. Come "secondo Davide", dopo essere diventato re, ne prese di più. Diverse volte alla settimana predicava sul mercato e amministrava la giustizia. Durante il suo regno, dopo che mantenere l'ordine divenne più difficile, le pene di morte divennero più frequenti. Ma anche in queste circostanze, è stato con la sua guida che la città ha respinto due degli attacchi di Waldeck. Quando arrivò la carestia, Leida cercò di mobilitare il sostegno degli anabattisti nei Paesi Bassi, ma senza successo. Il 12 giugno 1535, la città cadde per atto di un traditore. Leida ha dovuto aspettare sei mesi per la sua morte, avvenuta dopo prolungate torture. Lui e due dei suoi compagni furono messi in gabbie di ferro e appesi in alto nella torre della chiesa Lambertus di Münster. Le gabbie sono ancora appese lì.