Leggi sull’ispezione della carne

Leggi sull'ispezione della carne. Nel 1906, pubblicò Upton Sinclair La giungla, un romanzo sulle condizioni antigeniche negli stabilimenti di confezionamento della carne di Chicago e sulle disuguaglianze sociali subite dalle classi lavoratrici che vi lavorano. Mentre il commento sociale è stato in gran parte ignorato, il pubblico è stato indignato per le raccapriccianti descrizioni della produzione di carne, compreso il modo in cui gli imballatori hanno trattato la carne bovina malata con cherosene per nascondere il suo cattivo odore prima di immetterla sul mercato. Sinclair ha affermato che tale "carne bovina imbalsamata" aveva ucciso più soldati americani nella guerra ispano-americana di quanti ne fossero morti in battaglia.

Gli orrori della salute descritti in The Jungle tagliare quasi della metà la vendita di prodotti a base di carne. La spinta alla regolamentazione quindi non è arrivata solo dal pubblico, ma anche da alcune aziende di confezionamento della carne che ritenevano necessaria una regolamentazione della qualità degli alimenti per ripristinare la fiducia del pubblico nei prodotti a base di carne lavorata. Spinto da tali pressioni, il presidente Theodore Roosevelt ordinò un'indagine segreta sulle accuse di Sinclair. Dopo meno di tre settimane a Chicago, gli investigatori di Roosevelt hanno confermato le affermazioni di Sinclair. In risposta a questi risultati, il Congresso approvò due importanti leggi, il Pure Food and Drug Act del 1906, che regolava la lavorazione di alimenti e farmaci, e il Federal Meat Inspection Act (FMIA) del 1907, incentrato sull'industria della carne.

La FMIA, che rimane in vigore ancora oggi, richiede l'ispezione di tutti gli animali prima della macellazione per impedire l'uso commerciale di carne e prodotti a base di carne adulterati. La legge richiede anche l'ispezione post-mortem di tutte le carcasse e parti di animali per determinarne l'idoneità

per il consumo umano. La legge include anche disposizioni per la corretta etichettatura della carne e impone rigorosi standard di igiene per gli impianti di macellazione e confezionamento.

La FMIA è stata tra le prime misure di protezione dei consumatori della nazione e ha stabilito una base per un'ampia supervisione del governo. Attualmente più di mille pagine del Code of Federal Regulations regolano l'ispezione, la lavorazione e il commercio degli animali. Il Food Safety and Inspection Service (FSIS), un'agenzia all'interno del Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti, attualmente ispeziona e regola tutti i movimenti di carne e pollame nel commercio interstatale, in conformità alla FMIA.

Il FSIS è stato criticato per l'utilizzo di metodi obsoleti e inflessibili che non possono identificare, monitorare e controllare efficacemente le malattie legate al cibo. Quasi un secolo dopo l'approvazione della FMIA, più di 9,000 persone morivano ancora ogni anno negli Stati Uniti a causa di malattie legate al cibo e altri 6.5-33 milioni di persone stavano ancora sviluppando malattie di origine alimentare non fatale.

Bibliografia

Sinclair, Upton. La giungla. New York: Doubleday, Page, 1906.

Giovane, James Harvey. Pure Food: Garantire il Federal Food and Drug Act del 1906. Princeton, NJ: Princeton University Press, 1989.

KentGreenfield