Legge sui trasporti del 1920

Legge sui trasporti del 1920, nota anche come Legge Esch-Cummins. Il governo degli Stati Uniti subentrò e gestì le ferrovie dal 26 dicembre 1917 al 1 marzo 1920. Durante il periodo di funzionamento del governo, i binari furono obbligati a trasportare un elevato volume di traffico con poca attenzione alle sostituzioni o alla manutenzione ordinaria. Questo era più il risultato delle circostanze che la colpa del governo; tuttavia, le ferrovie erano in condizioni deplorevoli quando, dopo poco più di due anni, furono riportate alla gestione privata.

Di conseguenza, una legislazione correttiva era imperativa. Il risultato fu la legge sui trasporti del 28 febbraio 1920. Il disegno di legge del Senato, introdotto dal senatore Albert B. Cummins, e il disegno di legge della Camera, proposto dal rappresentante John Jacob Esch, richiedevano che una commissione della conferenza producesse una misura di compromesso, che è diventata effettiva il 1 ° marzo, poco più di tre mesi dopo Il presidente Woodrow Wilson restituì le ferrovie a operazioni private.

Per aiutare finanziariamente le ferrovie, il disegno di legge autorizzava i consolidamenti, stabiliva un periodo di garanzia di sei mesi e autorizzava ingenti prestiti per una varietà di scopi. Il Congresso ha previsto l'arbitrato senza potere di esecuzione e ha istituito commissioni di adeguamento volontario per risolvere le controversie di lavoro. Queste disposizioni dovevano essere applicate dal Railroad Labour Board, composto da nove membri e avente giurisdizione nazionale. Molto contestato al Congresso, il Transportation Act del 1920 generò polemiche per anni da allora in poi. I sostenitori hanno sostenuto che erano necessarie condizioni favorevoli per evitare la paralisi del sistema di trasporto nazionale; i detrattori sostenevano che le ferrovie e gli interessi finanziari avevano dettato le condizioni a proprio vantaggio.

Bibliografia

Berk, Gerald. Tracce alternative: la costituzione dell'ordine industriale americano, 1865-1917. Baltimora: Johns Hopkins University Press, 1994.

Himmelberg, Robert F., ed. Cooperazione tra imprese e governo, 1917-1932: The Rise of Corporatist Policies. Vol. 5 di Affari e governo in America dal 1870. New York: Garland, 1994.

W. BrookeGraves/cw