Legge federale sulla protezione civile del 1950

David G. Delaney

Sebbene il governo degli Stati Uniti abbia sponsorizzato un programma di protezione civile durante la prima guerra mondiale, la difesa civile americana moderna non iniziò fino al maggio 1941, quando il presidente Franklin D. Roosevelt creò l'Ufficio della difesa civile (OCD). Gli sviluppi tecnologici militari dalla prima guerra mondiale, specialmente negli aeroplani e nei sottomarini, avevano reso gli attacchi al suolo americano reali possibilità e sfidato il governo a difendere gli Stati Uniti e proteggere i civili senza militarizzare eccessivamente la società americana.

L'OCD ha creato programmi relativi alla difesa come procedure antiaeree ed esercitazioni di black-out per ridurre al minimo i danni causati dai bombardamenti aerei e si è affidato ai volontari della comunità per portarli a termine. L'OCD ha anche sponsorizzato programmi come asili nido e servizi di salute familiare per rafforzare i legami sociali delle comunità. Sebbene l'OCD sia stato chiuso nel giugno 1945, i responsabili politici di fronte all'inizio della Guerra Fredda hanno ristabilito un piccolo programma di protezione civile nel marzo 1949 sotto il National Security Resources Board (NSRB), un'agenzia creata dal National Security Act del 1947. Entro due anni, tuttavia, eventi internazionali spingerebbero il Congresso a espandere significativamente questo programma e ad adattare i programmi di protezione civile americani all'era della guerra nucleare ai sensi del Federal Civil Defense Act del 1950 (64 Stat. 1245).

La minaccia di una guerra nucleare

Quando fu istituito l'NSRB, solo gli Stati Uniti possedevano armi nucleari. Il successo del test della bomba nucleare dell'Unione Sovietica nell'agosto 1949 sorprese i pianificatori della difesa americani e li costrinse a riconsiderare la preparazione e le capacità militari e civili dell'America. Poi, nell'ottobre di quell'anno, Mao Zedong, il capo del Partito Comunista Cinese diventato leader della nazione, dichiarò la Cina uno Stato comunista. Nel novembre 1950 la Cina stava sostenendo gli attacchi nordcoreani contro la Corea del Sud e una forza delle Nazioni Unite guidata e composta principalmente da membri delle forze armate degli Stati Uniti. Questi eventi hanno costretto i leader del governo a riconsiderare se potevano prevenire una guerra nucleare con l'Unione Sovietica o un governo comunista alleato, o almeno se la pianificazione del governo poteva aiutare gli Stati Uniti a sopravvivere a una guerra.

Il compito di scongiurare la guerra nucleare rientrava in gran parte nell'ambito della politica militare ed estera. Sopravvivere a una guerra divenne la missione centrale dei pianificatori della protezione civile. Il Congresso e i responsabili politici hanno riconosciuto l'impossibilità di fornire una protezione assoluta dalle armi nucleari. Sebbene considerassero sistemi di bunker completi a livello di comunità, questi sono stati respinti in quanto troppo costosi o troppo difficili da raggiungere per la maggior parte dei 150 milioni di persone d'America durante un attacco. Invece, hanno deciso un programma che ha incoraggiato gli americani a imparare a proteggersi fino a quando il governo non avesse potuto rispondere. Tornando al volontariato che ha caratterizzato la protezione civile durante le guerre mondiali, questo concetto di "auto-aiuto" ha attratto repubblicani e democratici, conservatori e liberali allo stesso modo. Molti volevano ridurre la spesa federale all'indomani del New Deal o erano scettici riguardo a una maggiore responsabilità militare per i programmi civili in tempo di pace. Altri semplicemente hanno ritenuto inutile o poco saggio implementare sistemi di rifugio elaborati, piani di evacuazione o programmi sanitari e sociali basati sulla mera possibilità di un attacco nucleare. Educare gli americani a proteggersi dalle armi nucleari è diventato il fulcro della politica di difesa civile.

Obiettivi e risultati dell'atto

Il 1 ° dicembre 1950, il presidente Harry S. Truman emise un ordine esecutivo che creava una nuova agenzia, l'Amministrazione federale della protezione civile (FCDA), e le trasferiva le responsabilità della protezione civile dall'NSRB. Con il Federal Civil Defense Act del 1950, il Congresso ha incaricato la FCDA di creare ripari, evacuazione e programmi di formazione che i governi statali e locali avrebbero implementato. I governi locali potrebbero richiedere fondi federali per questi programmi e per l'assistenza sanitaria e la ricostruzione post-attacco. Tuttavia, la legge federale sulla protezione civile non ha finanziato nessuno di questi programmi e la legislazione successiva in tutte le amministrazioni di Truman e Dwight D. Eisenhower ha fornito solo risorse minime per realizzare questi obiettivi. Sia il Congresso che il ramo esecutivo hanno preferito invece investire in programmi militari e diplomatici che potrebbero prevenire la guerra nucleare ed eliminare la necessità di costosi programmi di ricostruzione a lungo termine.

Con i suoi finanziamenti limitati, la FCDA ha prodotto film, opuscoli e altri materiali che insegnano agli americani come costruire rifugi familiari e rifornirli di cibo e provviste. In collaborazione con le principali università, la FCDA ha anche studiato gli effetti psicologici della minaccia e del verificarsi di una guerra nucleare per preparare meglio i propri piani di istruzione e assistenza. E attraverso ampi programmi di pubbliche relazioni con i media della stampa e della televisione, la FCDA ha rafforzato l'idea che, a parte una difesa efficace e una politica estera, la preparazione individuale fosse la prossima migliore risposta alle minacce nucleari.

Protezione civile dopo il 1958

La FCDA durò solo fino al 1958, ma i programmi di protezione civile supervisionati e finanziati dal governo federale continuarono durante, e anche oltre, la Guerra Fredda. Il Federal Civil Defense Act ha adattato il modello della seconda guerra mondiale che aveva combinato programmi di difesa e sociali, ma ha ridimensionato notevolmente quest'ultimo. Per fugare le preoccupazioni sulla militarizzazione di una società democratica, l'atto ha reso la FCDA un'agenzia a guida civile. Ma la protezione civile è rimasta una questione secondaria dietro programmi diplomatici e di difesa più ampi. Le teorie del contenimento - prevenire la diffusione del comunismo - e le strategie militari hanno plasmato le priorità di bilancio dei responsabili politici. Tuttavia, i programmi ai sensi del Federal Civil Defense Act hanno spinto un gran numero di americani a impegnarsi più profondamente nei processi politici che modellano la politica estera, la spesa per la difesa e le politiche nucleari. Ancora oggi, l'eredità della legge sulla protezione civile è evidente nel Dipartimento per la sicurezza interna a guida civile, i cui programmi sono organizzati attorno a una diversa minaccia alla sicurezza nazionale: il terrorismo internazionale.