Lavoro artigianale

Arti del metallo

Con la dinastia Tang (618-907), l'arte del metallo cinese, specialmente oggetti d'oro o d'argento incisi, era diventata elaborata e squisita. Sono stati prodotti ornamenti e utensili in metallo con decorazioni eleganti e colorate. Gli specchi in bronzo divennero lisci e lucenti e le loro schiene erano decorate con rilievi o intarsi in oro e argento. I disegni per questi specchi includevano nuvole e draghi, cavalli volanti, viti, scene di caccia, fiori e giocatori di polo. Sviluppata la tecnologia per realizzare sculture in metallo

durante la dinastia Song (960-1279). Il Buddha alto ventiquattro metri nella Guanyin Hall del Duleshi (Tempio della felicità solitaria) nella contea di Jixian, nella provincia di Hebei, è la più grande figura in bronzo realizzata nella Cina imperiale. Le sue proporzioni del corpo sono equilibrate e le linee del suo drappeggio sono lisce. Lo smalto cloisonné fu il più grande prodotto del periodo Ming (1368-1644). Sottili fili di ottone venivano saldati al bronzo per formare vari disegni, e gli spazi erano riempiti con smalti colorati e dorati con argento o oro. Cloisonne divenne prevalente durante il regno dell'imperatore Ming Jingtai (governato dal 1449 al 1457), quindi fu chiamato "Jingtailan" in cinese. Jingtailan è sontuoso e bello ed è stato ammirato dalla corte e dai nobili. Di conseguenza, è emersa una serie di prodotti e modelli Jingtailan, raccolti dalla corte e dalle famiglie nobili. Durante il regno dell'imperatore Ming Xuande (1425-1435), gli artigiani realizzarono stufe in bronzo dalla forma graziosa e riccamente decorate, che divennero popolari e furono chiamate stufe Xuande.

Seta. Durante la dinastia Tang, l'artigianato dei lavoratori tessili della seta si sviluppò rapidamente in tutta la Cina. Vari prodotti di seta regionali fiorirono, tra cui liangkeling (seta a doppio nido) e dukeling (seta a nido singolo) a Dingzhou, fanyangling (seta fanyang) a Youzhou, kepaojin

(broccato vestaglia ospite) e beijin (broccato trapuntato) a Yangzhou, e jiaoling (misto seta) e shiyang hualing (seta a dieci fiori) a Yuezhou. Questi tessuti luminosi e di alta qualità prendono il nome dalle caratteristiche dei loro colori, disegni o tecniche di tessitura. Il ricamo con codolo è stato notevolmente migliorato dallo sviluppo di nuove tecniche come wangxiu (ricamo a nido), mandixiu (ricamo all-over), favore (seta bloccata), nasi (seta cucita), lusha (sabbia unita) e panjin (oro piatto). Il broccato Tang era particolarmente elegante perché la tecnica di tessitura jacquard utilizzata dai suoi tessitori poteva produrre una varietà di disegni. Furono introdotte nuove tecniche di tintura, stampa o disegno a colori su seta. La maggior parte dei disegni in seta Tang sono stati realizzati con disegni al tratto in disegni come immagini buddiste, cavalli volanti, doppie fenici, pavoni, draghi, unicorni, fiori, erba, foglie e steli. Sono fantasiosi, armoniosi e colorati. Durante le dinastie Song e Yuan, la produzione e il mercato della seta aumentarono, così come la qualità dei materiali e dei design. Sono emersi diversi centri di produzione: Kaifeng, Luoyang e Huzhou dell'impero della canzone settentrionale, così come Hangzhou, Suzhou e Chengdu in quella della canzone meridionale. Il broccato Song è noto per la sua sfrenata profusione di colori e la sua tessitura jacquard è ben fatta. I suoi numerosi design hanno nomi fantasiosi come "Piante verdi e oca delle nuvole", "Erba verde e gru delle nuvole", "Leone verde" e "Sentiero della coperta rossa vera e fiori di neve". Ke sì, una forma di arazzo tessuto con sete fini e fili d'oro, richiedeva un'eccellente maestria. I disegni Ke si potevano essere tessuti in diversi colori e sfumature per copiare dipinti e opere calligrafiche, e quindi gli stili di design cambiarono insieme a quelli della pittura e della calligrafia contemporanee. I governanti mongoli della dinastia Yuan amavano la seta e ne promuovevano la produzione. Il termine loro vogliono (raso) è stato coniato durante questo periodo. La scala della produzione della seta fu notevolmente ampliata durante la dinastia Ming. Furono fondati diversi nuovi centri di produzione regionali, tra cui Jiaxing e Songjiang. Tutte le varie regioni della seta hanno sviluppato i propri stili artistici. Ad esempio, l'alta qualità "Song Brocade" di Suzhou imitava i disegni della dinastia Song, e il robusto "Cloud Brocade" di Nanchino è stato prodotto in colori forti. Colpisce la nuova tecnica di ricamare i bordi dei quadri di seta con filo d'oro. La tecnica Ming di tessere Ke si poteva produrre grandi quadri di seta che gli osservatori scambiavano per dipinti o calligrafia. Le tecniche di ricamo dei Ming variavano a seconda della regione. Il ricamo Gu di Shanghai, il ricamo Xiang dell'Hunan, il ricamo Yue del Guangdong, il ricamo Lu dello Shandong e il ricamo Su di Suzhou avevano ciascuno le sue caratteristiche artistiche distintive. Il ricamo Gu era particolarmente popolare e ben noto per le sue cuciture rigorose ed equilibrate, i disegni artistici, i colori vivaci e la lavorazione raffinata.

Lacca e intaglio. Durante la dinastia Tang gli artigiani iniziarono a intarsiare oro o argento nella lacca. Con le dinastie Song e Yuan l'artigianato della lacca era notevolmente progredito. Di solito, dieci strati di lacca venivano dipinti su legno, quindi sull'oggetto venivano incise varie immagini e disegni - come paesaggi, fiori, piante, uccelli, animali, pietre e figure umane - producendo un oggetto che sembrava tridimensionale. A volte, diversi colori venivano applicati dopo che la lacca era stata incisa e veniva introdotto il contorno dorato. Durante la dinastia Ming, la lacca divenne ancora più avanzata. Lacca intagliata Ming (tihong) è stato realizzato in forme aggraziate con intagli lisci e ricchi disegni. Gli articoli in lacca rossa erano realizzati su basi in oro, argento o legno, spesso con cento strati di lacca rossa, e venivano poi scolpiti in vari disegni. Se veniva usata una lacca gialla, veniva chiamata tihuang. Si chiamava lacca nera tihei. Gli artigiani iniziarono anche a intarsiare oggetti laccati con madreperla. Jiaxing nella provincia di Zhejiang e Yangzhou nella provincia di Jiangsu erano centri importanti per la produzione di oggetti laccati. La tecnica di intagliare giada, avorio e bambù raggiunse un alto livello di raffinatezza durante l'era Ming. Un artigiano Ming potrebbe intagliare un pezzo di bambù in un'imitazione di un antico vaso di bronzo. Zhu Min di Jiading nella provincia di Jiangsu era famoso per le sue sculture in bambù. La giada scolpita, a causa della sua preziosa materia prima, era confinata alla nobiltà. Le sculture in avorio sono state prodotte in molti modelli complessi.