L’atto di assistenza (1762)

Nel 1761 apparivano crepe nel rapporto tra la Gran Bretagna e le sue colonie nel Nuovo Mondo. In questione erano frequenti controversie sul mandato giudiziario nei tribunali coloniali, l'annullamento delle misure approvate nelle assemblee domestiche popolari e, forse soprattutto, l'adozione dei cosiddetti documenti di assistenza. Una sorta di mandato di perquisizione generale, un tale mandato concedeva agli agenti doganali reali l'autorità senza impedimenti di perquisire le case alla ricerca di merci di contrabbando, con o senza giusta causa. Molti coloni, già sospettosi delle decisioni legislative prese a Londra, consideravano gli atti come un attacco diretto a uno dei principi fondamentali della libertà e della legge, che la casa di un uomo era il suo castello. L'emissione delle Scritture è stata una delle lamentele specifiche menzionate nella Dichiarazione di indipendenza. Successivamente, quando la Carta dei diritti è stata elaborata, il Quarto emendamento ha vietato tali mandati di perquisizione generale al fine di proteggere le persone da perquisizioni e sequestri irragionevoli.

Laura M.mugnaio,
Vanderbilt University

Guarda anche ; .

Giorgio il terzo per grazia di Dio di Gran Bretagna Francia e Irlanda Re Difensore della fede ecc.

A tutti e singolari i nostri giudici degli agenti degli sceriffi di pace e a tutti gli altri nostri ufficiali e sudditi nella nostra suddetta provincia ea ciascuno di voi Saluto.

Sappi che mentre in e da un atto del Parlamento emesso nel tredicesimo anno del [regno del] defunto re Carlo il secondo è dichiarato che [gli ufficiali delle nostre dogane ei loro delegati sono autorizzati e autorizzati andare ed entrare a bordo di qualsiasi nave o imbarcazione diretta verso l'esterno o verso l'interno per gli scopi di detto atto menzionato ed è anche in e da detto atto ulteriormente emanato e dichiarato che sarà] legale [ao] per qualsiasi persona o persone autorizzate da Writ di assistenti sotto il sigillo della nostra Court of Exchequer a portare un Constable Headborough o un altro funzionario pubblico che abita vicino al luogo e durante il giorno per entrare e entrare in qualsiasi House Shop Cellar Warehouse o Room o altro luogo e in caso di resistenza a rompere le porte aperte bauli e altri pacchi lì da sequestrare e da lì portare qualsiasi tipo di merce o merce proibita e non abituata e di mettere e mettere in sicurezza gli stessi nel deposito di Sua Maestà il [nostro] nel porto accanto al postodove deve essere effettuato tale sequestro.

E mentre in e da un atto del Parlamento emesso nel settimo e ottavo anno [del regno del defunto] re Guglielmo, il terzo viene concesso agli ufficiali per la raccolta e la gestione delle nostre entrate e per l'ispezione del commercio delle piantagioni in una qualsiasi delle nostre piantagioni [la stessa autorità di poteri per la visita e la ricerca di navi e anche] per entrare in case o magazzini per cercare e sequestrare qualsiasi merce proibita o non consueta come previsto per gli ufficiali delle nostre dogane in Inghilterra dal suddetto ultimo atto fatto nel quattordicesimo anno del [regno di] re Carlo II, e la stessa assistenza è richiesta per essere data a detti Ufficiali nell'esecuzione del loro ufficio come da detto ultimo atto è previsto per gli Ufficiali in Inghilterra.

E mentre in e da un atto della nostra suddetta baia della provincia del Massachusetts, emesso nell'undicesimo anno del [regno del] defunto re Guglielmo il terzo, è stato emanato e dichiarato che la nostra Corte di Assise e Obiettivo Generale della Corte Superiore di Giustizia la nostra suddetta provincia avrà cognizione di tutte le questioni e le cose all'interno della nostra detta provincia nel modo più completo e completo a tutti gli intenti e scopi come hanno o dovrebbero avere le nostre Corti di King's Bench Common Pleas & Exchequer nel nostro Regno d'Inghilterra.

E considerando che i nostri Commissari per la gestione e la riscossione e la riscossione delle nostre sovvenzioni doganali e altri dazi hanno [per Commissione o Deputazione sotto le loro mani e sigillo datato a Londra il 22 maggio del primo anno del nostro Regno] deputato e incaricato di Carlo Paxton Esquire to be Surveyor & Searcher di tutte le tariffe e i doveri che sorgono e crescono a noi dovuti a Boston nella nostra provincia suddetta e [in e da detta Commissione o Deputazione] gli hanno dato il potere di entrare in [qualsiasi Ship Bottom Boat o altra Nave e anche in] qualsiasi Shop House Warehouse Hostery o altro luogo di qualsiasi tipo per effettuare ricerche diligenti in qualsiasi travatura di cassa del baule o qualsiasi altra parcella o pacco di qualsiasi tipo per merci, merci o merce di cui è vietata l'importazione o l'esportazione o di cui la dogana o altri doveri non sono stati debitamente pagati e lo stesso da utilizzare per il nostro uso In tutte le cose che procedono secondo le disposizioni della Legge.

Pertanto ci uniamo e comandiamo rigorosamente a te ea ciascuno di voi che, con tutte le scuse a parte, tu e ognuno di voi permettete al detto Charles Paxton secondo il vero intento e la forma di detta commissione o delegazione e le leggi e gli statuti in tal senso fatto e fornito, [sia di notte che di giorno di tanto in tanto per entrare e salire a bordo di qualsiasi Nave o altra Nave che viaggia mentendo o trovandosi all'interno o arrivando al suddetto porto di Boston o qualsiasi Luogo o insenatura che appartenga a tale Nave La barca o la nave si sono trovate allora e là per cercare e sorvegliare e le persone in essa dovettero esaminare rigorosamente il contatto con i suddetti locali e anche secondo l'effetto della forma e il vero intento di detta commissione o delegazione] durante il giorno per entrare e entrare nel caveau cantine magazzini negozi e altri luoghi in cui merci proibite forniscono merci o merci o merci merci o merci per le quali le dogane o altri dazi non devono essere stati debitamente e veramente soddisfatti e pagati liscivia nascosti o sono s ci si aspettava che fosse nascosto, secondo il vero intento della legge di ispezionare e sorvegliare e cercare le suddette merci, merci e merci. E inoltre fare ed eseguire tutte le cose che devono essere fatte di diritto e secondo le leggi e gli statuti in questo favore. E inoltre ci uniamo e comandiamo rigorosamente a voi ea ciascuno di voi che al detto Charles Paxton Esqr voi e ognuno di voi di tanto in tanto aiutate assistendo e aiutando nell'esecuzione dei locali come si incontra. E questo tu o qualcuno di [voi] non omettete in alcun modo a vostro rischio e pericolo. Testimone Thomas Hutchinson Esq a Boston il giorno di dicembre del secondo anno del nostro regno Annoque Dom 1761.

Per ordinanza del tribunale

NH Cler.