Lascia fare

Il laissez faire è una teoria economica che favorisce il libero mercato ed è sospettosa dell'intervento del governo nella condotta degli affari e dell'industria. Incoraggia la proprietà privata e l'iniziativa personale come i mezzi migliori per arricchire gli individui e le società. La maggior parte degli economisti del laissez-faire ammetterebbe che ci sono situazioni in cui l'intervento del governo è essenziale, ma preferirebbero mantenere al minimo il ruolo dello stato. Il termine è nato nel diciassettesimo secolo, quando un mercante francese ha risposto al ministro reale che ha chiesto come il governo potesse aiutarlo dicendo: "Laissez nous faire". La frase è probabilmente tradotta meglio: "Cerchiamo di essere". Alla fine del diciottesimo secolo un gruppo di economisti francesi noti come fisiocratici rese popolare la teoria come reazione contro un sistema di controllo statale sull'economia noto come mercantilismo. Hanno mantenuto le leggi della natura, non la regolamentazione statale, promuoveranno la prosperità. Anche l'economista britannico Adam Smith 1723–90), che è stato definito il "padre dell'economia moderna", ha sostenuto che il mercato regolerebbe le imprese in modo più efficace dei governi. La teoria è stata ampiamente accettata in Gran Bretagna e negli Stati Uniti nel diciannovesimo secolo, ma all'inizio del ventesimo secolo è stata in parte screditata dalla miseria associata alla rivoluzione industriale. Alla fine del ventesimo secolo, tuttavia, ci fu una reazione contro la regolamentazione intrusiva del governo e la tassazione elevata, e la reazione fu aiutata dal fallimento del socialismo nell'Europa orientale. I principi del laissez-faire furono nuovamente celebrati negli Stati Uniti sotto il presidente Ronald Reagan (1980–1988) e in Gran Bretagna sotto il primo ministro Margaret Thatcher (1979–1990). Il suo programma di vendita di industrie di proprietà del governo a investitori privati, chiamato privatizzazione, è stato adottato da molti paesi in tutto il mondo.