Lafayette, James

Lafayette, James. (1748? –1830). Spia continentale. Da quando è nato schiavo, poco si sa dei primi anni di vita di Lafayette a parte il fatto che William Armistead della contea di New Kent, Virginia, lo rivendicò come proprietà. Nel 1781 Armistead era un commissario di Richmond che riforniva le forze continentali. Quando il marchese de Lafayette si trasferì a sud per combattere gli inglesi del generale Charles Cornwallis, lanciò un tranquillo appello alle spie. James Armistead, come era chiamato allora, ottenne il consenso del suo proprietario a fare volontariato, sperando che il suo servizio potesse fargli guadagnare la libertà. Accettando un lavoro come raccoglitore con gli inglesi a Portsmouth, in Virginia, James si trasferì tra i due eserciti, portando informazioni a Lafayette. Quando gli inglesi gli promisero la libertà di spiare gli americani, James divenne un doppio agente, fornendo false informazioni alla Cornovaglia mentre teneva Lafayette al corrente dei movimenti britannici. Fu lo schiavo James a informare gli americani che Cornwallis intendeva fortificare Yorktown e aspettare lì che la flotta districasse le sue forze, permettendo ai francesi e agli americani di intrappolare le forze britanniche.

Nonostante il suo prezioso aiuto nella vittoria della Rivoluzione, James non ricevette la ricompensa che si aspettava: dopo la resa di Cornwallis, William Armistead reclamò il suo schiavo. Nel 1786 Armistead finalmente riuscì a sostenere la petizione di James per la libertà fintanto che lui, Armistead, riceveva una ricompensa. Armato di una lettera di Lafayette che elogiava il suo coraggio, James vinse un'udienza dal legislatore della Virginia, che pagò ad Armistead la libertà di James nel gennaio 1787. James prese il cognome di Lafayette, rimanendo nella contea di New Kent e diventando lui stesso proprietario di schiavi. Nel 1816 ricevette una piccola pensione dallo stato e nel 1824 fu riconosciuto tra la folla a Yorktown da Lafayette e accolto calorosamente. James Lafayette morì nella sua casa il 9 agosto 1830.