La lega internazionale delle donne per la pace e la libertà

La Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà (WILPF) è stata fondata a Ginevra, in Svizzera, nel 1919, una conseguenza del Comitato internazionale delle donne per la pace permanente, formato all'Aia durante la prima guerra mondiale. Composta principalmente da donne bianche, istruite, della classe media, la Sezione statunitense ha iniziato come il Woman's Peace Party, organizzato dall'assistente sociale Jane Addams nel 1915. Ancora funzionante con sede internazionale a Ginevra, il WILPF ha filiali in paesi di tutto il mondo.

Con un numero massimo di membri di circa 16,000 a metà degli anni '1930, la Sezione USA era un'organizzazione attiva e influente nel movimento per la pace americano tra le due guerre mondiali. Ciò era dovuto in gran parte all'astuta leadership del primo presidente Addams, nonché a quella dell'ex professoressa di economia Wellesley Emily Greene Balch e dell'attivista quacchera Hannah Clothier Hull, e ai talenti amministrativi del segretario esecutivo Dorothy Detzer e del segretario organizzativo Mildred Scott Olmsted. Addams e Balch furono insignite del Premio Nobel per la Pace (1931 e 1946, rispettivamente), le uniche donne americane finora ad essere così onorate.

Solo una minoranza di attivisti contro la guerra del WILPF era pacifista assoluto, ma tutti erano impegnati in un mondo che ripudiava l'aggressione e la violenza come un modo per risolvere le controversie tra le nazioni. Accusato erroneamente dai critici dell'isolazionismo, il WILPF tra le due guerre ha appoggiato tutti gli sforzi di cooperazione internazionale che non prevedevano la guerra o la preparazione alla guerra. Ha sostenuto il disarmo, i patti consultivi, l'arbitrato e la Corte mondiale e ha sostenuto gli aiuti agli ebrei e ad altre vittime della persecuzione nazista, ma si è opposto al coinvolgimento degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale.

Dopo il 1945, la Sezione USA fu allarmata dalla Guerra Fredda, con la sua crescente corsa agli armamenti e la proliferazione di armi nucleari. Ora guidato da Olmsted, il WILPF si è opposto al coinvolgimento americano nella guerra di Corea e nel Vietnam; ha continuato a sostenere da molto tempo la parità di diritti per le donne e per le minoranze etniche e razziali; e protestarono contro la guerra a bassa intensità americana in Asia, Africa e America Latina.
[Vedi anche Nonviolenza; Pacifismo; Movimenti pacifisti e contro la guerra; Quaccheri.]

Bibliografia

Harriet Hyman Alonso, Peace as a Women's Issue: A History of the US Movement for World Peace and Women's Rights, 1991.
Margaret Hope Bacon, Passione di una donna per la pace e la libertà: la vita di Mildred Scott Olmsted, 1993.
Carrie Foster, The Women and the Warriors: The US Section della Women's International League for Peace and Freedom, 1915-1946, 1995.

Carrie Foster