King, martin luther jr.

Durante la seconda metà del ventesimo secolo negli Stati Uniti, Martin Luther King Jr. emerse come il principale leader della moderna movimento per i diritti civili . Ha organizzato un numero enorme di afroamericani e dei loro sostenitori negli anni '1960 per praticare la nonviolenza disobbedienza civile alla ricerca della giustizia razziale e dell'uguaglianza economica.

Si unisce alla famiglia di sacerdoti

King è nato ad Atlanta, Georgia , il 15 gennaio 1929, in una famiglia con profondi legami con la chiesa afroamericana e la lotta per i diritti civili. Suo padre era un ministro battista ad Atlanta. Il nonno materno di King, il reverendo Adam Williams, aveva servito come pastore della chiesa battista di Ebenezer ad Atlanta dal 1894. Sia suo padre che suo nonno erano importanti leader dei diritti civili.

Nella sua infanzia, King era profondamente consapevole delle ingiustizie sociali e della povertà. Ha visto suo padre fare una campagna contro la discriminazione razziale nel voto e nelle differenze salariali tra insegnanti bianchi e afroamericani. L'attivismo di suo padre ha fornito un modello per il ministero politicamente impegnato di King.

King ha frequentato il Morehouse College dal 1944 al 1948. Il presidente di Morehouse Benjamin E. Mays (1894–1984) ha incoraggiato King a vedere il cristianesimo come una forza potenziale per il cambiamento sociale nel mondo secolare (non religioso). King ha lottato con sentimenti contrastanti sulla religione durante

gli anni dell'università, ma ha deciso di entrare nel ministero dopo la laurea, rispondendo a un sentimento interiore che avrebbe dovuto servire Dio e la sua comunità. È stato ordinato (reso ministro della chiesa) durante il suo ultimo semestre a Morehouse. In seguito King continuò la sua educazione religiosa presso la Boston University's School of Theology, dove completò un dottorato in teologia nel 1955.

Stabilisce proteste non violente

Accettando un'offerta del 1954 per diventare pastore della chiesa battista di Dexter Avenue a Montgomery, Alabama , King entrò rapidamente in contatto con i molti problemi del moderno Sud. Nel dicembre 1955, i leader afroamericani di Montgomery formarono la Montgomery Improvement Association per protestare contro l'arresto di Rosa Parks (1913-2005), membro della Associazione nazionale per l'avanzamento della gente di colore (NAACP), per essersi rifiutata di cedere il posto dell'autobus a un uomo bianco. Hanno scelto King per guidare il nuovo gruppo.

Durante un boicottaggio durato un anno (un rifiuto organizzato di fare affari con qualcuno per esprimere disapprovazione), gli afroamericani a Montgomery hanno evitato di usare il sistema degli autobus. (Vedere Montgomery Bus Boicottaggio .) King ha forgiato una strategia di protesta distintiva coinvolgendo le chiese afroamericane e facendo appello anche a un ampio sostegno pubblico. Nella sua organizzazione, King iniziò a utilizzare le idee del leader dell'India orientale Mohandas Gandhi (1869-1948), combinando la nonviolenza di Gandhi con i principi cristiani. Nel tentativo di espandere il suo movimento per i diritti civili nonviolenti, nel 1957 King fondò il Conferenza sulla leadership dei cristiani del sud (SCLC) per coordinare le attività per i diritti civili in tutto il Sud.

Quando si trasferì ad Atlanta nel 1960, King era conosciuto a livello nazionale per il suo libro sulla difesa dei diritti civili, Stride Toward Freedom (1958), e per il suo lavoro per aumentare la registrazione del voto afroamericano nel sud. Ha anche lavorato con un gruppo di lavoratori per i diritti civili orientato agli studenti noto come il Comitato di coordinamento non violento degli studenti (SNCC) nel tentativo di desegregare i ristoranti del sud con una serie di sit-in nonviolenti (una forma di disobbedienza civile in cui i manifestanti si siedono e si rifiutano di muoversi). (Vedere Movimento Sit-in degli anni '1960 .)

Birmingham, alabama, 1963

Nel 1963, King ha partecipato alla campagna per i diritti civili a Birmingham, Alabama, dove le manifestazioni hanno richiesto una serie di cambiamenti nel trattamento degli afroamericani e hanno portato all'arresto e alla breve prigionia di King. (Vedere Proteste di Birmingham .) L'arresto ha portato l'attenzione internazionale su di lui e sul movimento per i diritti civili. King ha parlato con coraggio e intelligenza in discorsi che invocavano principi biblici e costituzionali. Le sue attività hanno attirato l'attenzione del presidente John F. Kennedy (1917-1963; servito 1961-63), che ha introdotto una legislazione significativa sui diritti civili.

"Ho un sogno"

Nel 1963 si radunarono davanti a duecentomila persone Washington, DC , King ha tenuto un discorso conosciuto oggi come il discorso "I Have a Dream". Ha segnato un punto culminante nella crociata di King ed è servito da ispirazione per i sostenitori dei diritti civili. Trasmesso in televisione in tutto il mondo, il suo discorso ha elettrizzato il suo pubblico. La vista delle centinaia di migliaia di persone che avevano partecipato al Marzo a Washington per il lavoro e la libertà a sostegno del movimento per i diritti civili ha notevolmente migliorato la percezione pubblica del movimento.

Per il suo uso dell'attivismo sociale non violento nel perseguimento della giustizia per le minoranze razziali e i poveri, King ricevette il Premio Nobel per la pace nel 1964. Durante la fine degli anni '1960, rimase una voce di moderazione in un movimento afroamericano sempre più diversificato e militante, lasciando il suo segno su vari movimenti di protesta sociale, in particolare controversie di lavoro, il moderno femminismo movimento, il Movimento indiano americano (AIM), il movimento dei lavoratori migranti e il movimento ispanico americano.

Il 4 aprile 1968, mentre King lavorava con gli operatori sanitari in sciopero a Memphis, Tennessee , fu assassinato da un segregazionista bianco, James Earl Ray (1928-1998). L'America pianse profondamente la perdita di King. Tra le molte altre onorificenze assegnate a King dalla sua morte, una festa federale è stata istituita per il suo compleanno, il 15 gennaio, e un monumento a lui è stato eretto a Washington, DC