Kaufman, Constantine Petrovich

(1818–1882), generale russo (di origine austriaca) che divenne governatore generale (viceré) del Turkestan dopo la sua conquista.

La fama di Konstantin Petrovich Kaufman arrivò come sovrano della nuova colonia russa in Asia centrale. La sua precedente esperienza militare lo aveva appena preparato per la sua carriera come creatore del Turkestan coloniale. Si è formato come ingegnere militare e ha servito per quindici anni nell'esercito russo combattendo le tribù di montagna nel Caucaso. I suoi successi durante il suo servizio lì lo richiamarono all'attenzione di un collega ufficiale, il generale Dimitri Milyutin. Quando Milyutin divenne ministro della guerra nel 1860, aveva bisogno di un ufficiale affidabile ed esperto per governare il Turkestan. Kaufman era la sua scelta.

Quando Kaufman ricevette la sua nomina nel 1867, la conquista del Turkestan era appena iniziata. Divenne comandante delle forze di frontiera russe lì e aveva l'autorità di decidere un'azione militare lungo i confini del suo territorio. Quando i principati turchi vicini iniziarono un'azione militare ostile contro la Russia, o quando ulteriori conquiste apparvero possibili, Kaufman assunse il comando delle sue truppe per la guerra. Alla fine del suo governo, i confini della Russia racchiudevano gran parte dell'Asia centrale ai confini dell'Impero cinese. Solo Khiva e Bukhara rimasero khanati nominalmente indipendenti sotto il controllo russo. I confini del Turkestan con la Persia (Iran) e l'Afghanistan sono stati per molti anni oggetto di controversia con la Gran Bretagna, che vi rivendicava una sfera di dominio.

Kaufman aveva il controllo di un vasto territorio molto lontano dalla Russia europea. I suoi popoli praticavano la religione musulmana e parlavano lingue turche o persiane. Assomigliava così da vicino a una colonia, come quelle dei possedimenti d'oltremare degli imperi europei, che prese esempio dalle loro politiche coloniali per lanciare una missione di civilizzazione russa nel Turkestan. Ha posto fine alla schiavitù, ha introdotto l'istruzione secolare (non religiosa), ha promosso lo studio scientifico dei vari popoli del Turkestan (anche inviando un artista, Vasily Vereshchagin, a dipingere i loro ritratti), ha incoraggiato la coltivazione di migliori raccolti agricoli e ha persino tentato di emancipare le donne dai musulmani controllo patriarcale. I mezzi di Kaufman per raggiungere questi ambiziosi obiettivi erano scarsi, a causa della mancanza di fondi sufficienti e della scarsità di funzionari coloniali russi. Inoltre, temeva che le riforme radicali avrebbero suscitato malcontento tra i suoi sudditi. Il suo periodo di quattordici anni come governatore generale ha portato pochi cambiamenti sostanziali alle condizioni sociali ed economiche in Turkestan. Tuttavia, pose fine all'era del governo dei khan turchi e lasciò la Russia saldamente al controllo della sua nuova colonia.