John macarthur

John Macarthur (ca. 1767-1834) era un mercante australiano e allevatore di pecore. È diventato un potente leader politico ed è stato un portavoce dei coloni liberi.

La data di nascita di John Macarthur è incerta, ma fu battezzato il 3 settembre 1767 a Stoke Damerel vicino a Plymouth, Devon, Inghilterra, secondo figlio di genitori scozzesi, Alexander e Katharine Macarthur. Nel 1782 divenne guardiamarina nell'esercito ma l'anno successivo si ritirò con metà paga, poiché la guerra americana era finita. Nel 1788 rientrò nell'esercito nel 68 ° reggimento e nel 1789 si trasferì come tenente al New South Wales Corps per il servizio nella nuova colonia. Con la moglie e il figlio arrivò a Sydney il 28 giugno 1790.

Allevatore di pecore

Quasi subito Macarthur stabilì lo standard per una vita di turbolenze litigando con il governatore Arthur Phillip. Ma nel 1792 divenne direttore pagatore di reggimento e l'anno successivo divenne ispettore dei lavori pubblici e fu in grado di promuovere i propri interessi nell'insediamento rudimentale. Ha fondato Elizabeth Farm a Parramatta e con ulteriori concessioni di terra divenne presto un importante allevatore e allevatore di pecore. Nel 1795 fu promosso capitano e consolidò la sua posizione di capo mercante tra gli ufficiali dell'esercito della colonia.

I guai con il secondo governatore, John Hunter, furono seguiti da divergenze più gravi con il terzo, Philip Gidley King. Dopo un duello con il suo ufficiale in comando, William Paterson, nel 1801, Macarthur fu arrestato e inviato in Inghilterra per la corte marziale. Portò con sé alcuni campioni della propria lana e, a causa dei problemi bellici dell'industria laniera britannica, riuscì ad interessare al prodotto coloniale alcuni produttori tessili. Macarthur approfittò astutamente di questa situazione, rassegnò le dimissioni, ottenne una sovvenzione di 5,000 acri della migliore terra della colonia e tornò nel 1805 con la benedizione del governo britannico per concentrarsi sulla coltivazione della lana pregiata.

Ribellione del rum

Macarthur ha preso la sua borsa di studio ai Cowpastures vicino a Camden e tra il 1805 e il 1808 ha ampliato e sviluppato non solo la sua produzione di lana, ma anche il suo interesse commerciale. Ma la sostituzione di Hunter con il governatore William Bligh portò a un deciso tentativo di limitare il commercio illegale, soprattutto di rum, come parte di un piano per riportare l'ordine nella colonia.

Macarthur emerse come il capo leader del gruppo di imprese private influenzato negativamente dalla politica di Bligh; il governatore, per molti versi irascibile e intransigente come Macarthur, provocò anche altri elementi nell'accordo, compresi alcuni degli alti ufficiali dell'esercito. Quando Macarthur fu arrestato nel gennaio 1808 per una presunta violazione dei regolamenti mercantili, l'ufficiale maggiore, il maggiore George Johnston, lo liberò e depose Bligh nella cosiddetta Rum Rebellion. Macarthur è stato segretario coloniale fino a luglio. L'anno successivo salpò per l'Inghilterra per sostenere Johnston alla sua corte marziale. Nel 1817 tornò nel New South Wales.

In sua assenza la moglie di Macarthur aveva allevato con cura le sue pecore Merino, in un periodo di maggiore domanda di lana pregiata che coincise con una depressione commerciale. Macarthur continuò questo processo e, quando nel 1822 il commissario John Thomas Bigge raccomandò di incoraggiare la produzione di lana pregiata nella colonia, Macarthur fu in grado di sfruttare rapidamente le crescenti opportunità.

Nel 1824 Macarthur contribuì a promuovere l'Australian Agricultural Company. Era diventato uno dei più ricchi e influenti coloni liberi, o "esclusivi", del New South Wales. Fu nominato uno dei tre membri del primo Consiglio legislativo nel 1825, ma fu rimosso nel 1832, "dichiarato pazzo". Morì l'11 aprile 1834 e fu sepolto a Camden Park.

Ulteriori letture

Sibella Macarthur-Onslow, ed., Alcuni dei primi record dei Macarthurs di Camden (1914), fornisce un'utile selezione tra le numerose carte lasciate da Macarthur e dai suoi figli. La biografia di MH Ellis, John Macarthur (2d ed. 1967), offre una visione idiosincratica e di approvazione di Macarthur e dispone di un'ampia bibliografia. Un conto generale ben bilanciato è in Charles MH Clark, Una storia dell'Australia (2 voll., 1962-1968). SJ Butlin, Fondamenti del sistema monetario australiano, 1788-1851 (1953), fornisce un'erudita rassegna del contesto mercantile e finanziario in cui operava Macarthur.

Fonti aggiuntive

Ellis, Malcolm Henry, John Macarthur, Sydney: Angus e Robertson, 1978, 1969. □