John howard northrop

Il chimico biologico americano vincitore del premio Nobel John Howard Northrop (1891-1987) ha stabilito che gli enzimi sono proteine ​​e ha anche dimostrato che un virus batterico è un complesso acido nucleico-proteina.

Il 5 luglio 1891, JH Northrop nacque a Yonkers, NY. Ha frequentato la Columbia University, laureandosi in chimica e conseguendo una laurea in scienze nel 1912 e un master in scienze nel 1913. Ha studiato la natura del fosforo nell'amido per la sua tesi di ricerca e ha conseguito un dottorato in chimica nel 1915. Northrop ha accettato una posizione con il biologo Jacques Loeb presso il Rockefeller Institute for Medical Research di New York City.

Ricerca iniziale

All'inizio della sua carriera, Northrop si occupava dell'effetto dei fattori ambientali sulle proprietà ereditarie dei moscerini della frutta (Drosophila). Ha iniziato coltivando le mosche in modo asettico, senza microrganismi patologici. Probabilmente era la prima volta che gli animali venivano coltivati ​​privi di microrganismi. Northrop ha scoperto che sebbene la produzione di anidride carbonica, una misura dell'energia spesa, fosse maggiore a 15 ° C che a 22 ° C, le mosche vivevano più a lungo a 15 ° C che a 22 ° C. Questa scoperta ha fatto esplodere l'ipotesi esistente che la durata della vita fosse regolata da un limite energetico.

L'ingresso degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale interruppe la ricerca sulla mosca della frutta della Northrop. I suoi talenti erano necessari al governo federale per produrre acetone per lo sforzo bellico. È stato incaricato di un capitano nel servizio di guerra chimica dell'esercito. In breve tempo Northrup sviluppò un metodo di fermentazione delle patate che produceva notevoli quantità di acetone.

Lavora sugli enzimi

Dopo la guerra Northrop tornò al Rockefeller Institute e iniziò a studiare gli enzimi. In primo luogo ha cercato di determinare le condizioni che influenzano l'azione degli enzimi digestivi pepsina e tripsina. Nel 1929 aveva ottenuto cristalli di pepsina suina, ma fu solo nel 1931 che il fallimento di uno qualsiasi dei suoi metodi per separare l'attività enzimatica dal materiale proteico lo convinse finalmente che la pepsina doveva essere una proteina: un'altra scoperta significativa.

Lavora sui virus

Per tutta la sua carriera Northrop ha avuto un interesse per i sistemi di auto-duplicazione, una delle caratteristiche principali delle unità abitative. Questo interesse lo portò a esaminare, negli anni '1920, il modo in cui si riproducono il virus del mosaico del tabacco ei virus batterici (batteriofagi). Questi studi lo prepararono per il lavoro alla fine degli anni '1930 in cui dimostrò che i batteriofagi dello stafilococco altamente purificati contenevano acido nucleico e proteine. Questa è stata una delle prime dimostrazioni della presenza di acido nucleico nel virus. Successivamente ha richiamato l'attenzione sulla possibilità che l'acido nucleico nei virus batterici possa corrispondere all'acido desossiribonucleico libero (DNA) del principio trasformante, che nel virus è racchiuso in un'unità proteica che serve a proteggere il DNA e ad introdurlo la cellula sensibile.

Riconoscimento dei risultati

Northrop divenne membro a pieno titolo del Rockefeller Institute for Medical Research (ora Rockefeller University) nel 1923, dopo la morte di Loeb. Ha mantenuto quella posizione per tutta la vita. Fu eletto membro della National Academy of Sciences nel 1934. Ha condiviso il Premio Nobel per la chimica nel 1946 con il suo collega Rockefeller Wendell F. Stanley e con James B. Summer della Cornell University per il loro lavoro sulla purificazione e cristallizzazione degli enzimi.

Dopo la chiusura dei Rockefeller Laboratories a Princeton, nel New Jersey, Northrop si trasferì a Berkeley, in California. Lì divenne professore di batteriologia e biofisica presso l'Università della California a Berkeley, e continuò a lavorare sui meccanismi mediante i quali i virus sorgono in cellule apparentemente sane. Ha lavorato come redattore collaboratore del Journal of General Physiology, a partire dal 1925.

Northrop morì nella sua casa di Wickenberg, in Arizona, il 27 maggio 1987, dopo un lungo pensionamento. Anche suo genero, Frederick Robbins, è stato insignito del premio Nobel, vincendo il premio 1954 in fisiologia e medicina.

Ulteriori letture

La maggior parte dei documenti di ricerca di Northrop sono stati pubblicati nel Journal of General Physiology; ha anche scritto un libro, Enzimi cristallini (1939; rev. Ed. 1948); La Fondazione Nobel Chimica (3 voll., 1964-1966) contiene una biografia di Northrop; Informazioni su Northrop e sul suo lavoro si trovano anche in Eduard Farber, ed., Vincitori del premio Nobel per la chimica, 1901-1950 (1953); e in Paula McGuire, ed., Vincitori del Premio Nobel (1992). □