Jean mayer

Riconosciuto come uno dei principali nutrizionisti del mondo, Jean Mayer (1920-1993) è stato ricercatore, professore universitario, consigliere presidenziale, consulente del governo e di organizzazioni internazionali e presidente e successivamente cancelliere della Tufts University.

Cittadino anaturalizzato, Mayer è nato a Parigi, Francia, il 19 febbraio 1920. Il maggiore di due figli, era il figlio di André e Jeanne Eugenie Mayer, entrambi fisiologi. Suo padre, presidente dell'Accademia francese di medicina e membro della Commissione della Società delle Nazioni sulla fame, in seguito ha svolto un ruolo importante nella fondazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO). Durante la giovinezza di Jean, le conversazioni a casa erano spesso incentrate sulla fame e sulla malnutrizione, oltre che sul tema della fisiologia.

Dopo aver completato la sua istruzione secondaria, Jean si iscrisse all'Università di Parigi, dove ottenne un B.Litt. laurea (1937), BS (1938) e M.Sc. (1939). Una visita negli Stati Uniti e all'Università di Harvard nell'estate del 1939 impressionò notevolmente Mayer e alla fine lo influenzò a lasciare la sua patria.

Catturato prigioniero durante la seconda guerra mondiale

Lo scoppio della seconda guerra mondiale costrinse il rinvio dei suoi piani, poiché fu incaricato di un sottotenente nell'esercito francese. Sebbene catturato dalle truppe tedesche nel 1940 e portato in un campo di prigionia, Mayer riuscì a scappare sparando a una guardia. Ha prestato servizio nella metropolitana francese e successivamente ha combattuto con le forze francesi libere e alleate in Francia, Italia e Nord Africa. È stato il destinatario di 14 decorazioni militari, tra cui la Croix de Guerre con stella d'oro, stella di bronzo e due palme e la medaglia di resistenza.

Durante la guerra Mayer viaggiò con documenti falsi negli Stati Uniti e lì sposò la bostoniana Elizabeth Van Huysen il 16 marzo 1942. Era il padre di cinque figli: André, Laura, John-Paul, Theodore e Pierre.

Uso consigliato dell'esercizio per il controllo del peso

Dopo la guerra ha studiato alla Yale University, ha scritto una dissertazione sulla vitamina A e ha ottenuto il dottorato di ricerca. in chimica fisiologica nel 1948. Frequentò anche la Sorbona, dove ottenne un D.Sc. in fisiologia summa cum laude nel 1950. In seguito iniziò una lunga collaborazione con l'Università di Harvard che iniziò nel 1950 come assistente professore di nutrizione e che lo vide promosso a professore ordinario nel 1965. Come ricercatore che ha studiato l'obesità, i controlli fisiologici sulla fame e il relazione alla malattia, Mayer divenne anche un forte sostenitore dell'esercizio fisico e ne promosse i benefici nel controllo del peso e nel mantenimento di una buona salute.

Crociata contro la fame nel mondo

Altrettanto preoccupante per Mayer era il problema della mancanza di cibo e dei suoi compagni: fame, malnutrizione e povertà. Ha studiato i modi per alleviare la carestia e le sue conseguenze sulle missioni di Harvard in India nel 1955 e in Ghana nel 1961; è stato membro delle missioni consultive FAOWHO (Organizzazione mondiale della sanità) delle Nazioni Unite in Ghana nel 1959 e in Costa d'Avorio e Africa occidentale nel 1960; e nel 1969 è andato al Biafra, in Nigeria.

Nel 1967 Mayer si unì alla Crociata contro la povertà dei cittadini statunitensi e successivamente contribuì a fondare il Consiglio nazionale sulla fame e la malnutrizione negli Stati Uniti, diventandone il primo presidente nel 1969. Ha svolto un ruolo nel richiamare l'attenzione della nazione sui problemi nutrizionali dei poveri. in America e ha testimoniato su questi problemi davanti ai comitati del Congresso.

Durante gli anni '1960 i problemi della povertà e della fame ricevettero un'ampia attenzione pubblica che portò il presidente Richard Nixon a nominare Mayer come suo consulente speciale per l'alimentazione nel 1969. Il suo compito era quello di pianificare e dirigere la prima Conferenza della Casa Bianca su cibo, nutrizione e salute. Aperta il 2 dicembre 1969, la conferenza di tre giorni è stata affrontata da Nixon, che si è impegnato a eliminare la fame negli Stati Uniti. Tra i 3,000 ospiti invitati c'erano scienziati, trasformatori di cibo, rappresentanti del governo, leader per i diritti civili, personale medico, rappresentanti dei consumatori e portavoce dei poveri. Rappresentanti scontenti dei poveri, le cui priorità differivano da quelle degli altri ospiti, tenevano sessioni separate. Ma Mayer ha affermato che la conferenza è stata un successo nel drammatizzare la fame e la povertà per la stampa e tutti i segmenti della società. È accreditato di persuadere Nixon a includere un programma di buoni alimentari per i poveri nei suoi piani per la riforma del welfare e un programma di mensa scolastica ampliato per i bambini bisognosi.

Diventa Presidente della Tufts University

Nel 1970 Mayer tornò all'Harvard's Center for Population Studies e nel luglio 1976 divenne il decimo presidente della Tufts University. Durante gli anni '1970 ha ricevuto nomine presidenziali e congressuali, comprese le nomine al President's Consumer Advisory Council, 1970-1977; come presidente della Divisione Nutrizione della Conferenza della Casa Bianca sull'invecchiamento, 1971; come coordinatore generale del National Nutrition Policy Study del Senato degli Stati Uniti, 1974; e sulla Commissione presidenziale sulla fame nel mondo, 1978-1980. Alle Nazioni Unite è stato membro del Protein Advisory Group, 1973-1975, e direttore del Project on Priorities in Child Nutrition, United Nations International Children's and Educational Fund (UNICEF), 1973-1975.

Nel 1989, l'allora presidente Bush ha conferito a Mayer il Presidential End Hunger Award. Nel consegnare il premio a Mayer, il presidente Bush ha detto: "L'obiettivo di porre fine alla fame richiede il coinvolgimento, e Jean Mayer è un esempio della razza rara di un individuo che non ha mai esitato a mettersi in gioco quando ha visto un bisogno". Mayer in seguito ha ricevuto anche un altro premio presidenziale da Bush per il suo lavoro sull'ambiente e la conservazione.

Il 1 settembre 1992 Mayer è diventato il Cancelliere della Tufts University. Durante i suoi 16 anni di mandato come Presidente di Tufts, gli è stata attribuita la creazione di una scuola di specializzazione in nutrizione e la costruzione dell'unica scuola di medicina veterinaria nel New England. Durante il suo mandato di presidente è stato anche istituito un centro per la gestione ambientale. Mayer morì di infarto a Sarasota, in Florida, il 1 ° gennaio 1993 durante le vacanze.

Meccanismi ricercati dell'obesità

Mayer era noto per le sue ricerche sui meccanismi che regolano l'assunzione di cibo e lo sviluppo di obesità sperimentali e umane. Ha pubblicato circa 750 articoli scientifici, oltre a numerosi articoli per il pubblico su riviste popolari. I suoi libri includono Sovrappeso: cause, costi e controllo (1968) Nutrizione umana (1972) Un glossario nutrizionale (1973) Politiche nutrizionali statunitensi negli anni Settanta (1973) Salute (1974) Una dieta per vivere (1975) Alimentazione e nutrizione in salute e malattia (1977) World Nutrition: A US View (1978), e Politica alimentare e nutrizionale in un mondo che cambia (1979). Una colonna di giornale sindacato sulla nutrizione è stata pubblicata settimanalmente in 150 giornali.

Ulteriori letture

Le biografie appaiono in Uomini e donne americani della scienza (1982) e World Who's Who in Science (1968). Gli articoli vengono visualizzati in VITA, Novembre 28, 1969; TEMPO, 12 dicembre 1969; Forbes, ottobre 1969; e New York Times, 1 dicembre 1969. Vedi anche il New York Times 2 gennaio 1993. □