Jacobs, harriet ann

1813
7 Marzo 1897

Harriet Jacobs, narratrice di schiavi, riformatrice, attivista contro la schiavitù e soccorritrice per la guerra civile e la ricostruzione, è nata schiava a Edenton, nel North Carolina. Il contributo principale di Jacobs è la sua narrativa, Incidenti nella vita di una schiava: scritti da lei stessa (1861). La più completa autobiografia anteguerra di una donna afroamericana, incidenti è il resoconto in prima persona della narratrice pseudonima di Jacobs, che scrive della sua lotta contro l'oppressione sessuale e della sua lotta per la libertà. Dopo aver pubblicato il suo libro, Jacobs ha dedicato la sua vita a fornire soccorso ai profughi neri della Guerra Civile ad Alexandria, Virginia, e Savannah, Georgia.

Scrivendo come "Linda Brent", Jacobs racconta la storia della sua vita nel sud come schiava e come fuggitiva, e della sua vita come schiava fuggitiva nel nord. Rompendo i tabù che proibiscono alle donne di discutere della loro sessualità, scrive degli abusi subiti dal suo licenzioso maestro, il dottor James Norcom, che lei chiama "dottor Flint". Confessa che per impedirgli di farne la sua concubina, a sedici anni si è fidanzata sessualmente con una vicina bianca. La loro alleanza ha prodotto due figli, Joseph (1829 circa -?), Che lei chiama "Benny", e Louisa Matilda (1833-1917), chiamata "Ellen". Jacobs descrive la fuga da Norcom nel 1835 e i quasi sette anni che trascorse nascosta in un minuscolo spazio sopra un portico nella casa di Edenton di sua nonna.

Jacobs racconta inoltre la sua fuga nel 1842 a New York City, il suo ricongiungimento con i suoi figli, che erano stati mandati a nord, e il suo successivo trasferimento a Rochester, dove entrò a far parte della cerchia degli abolizionisti attorno al giornale di Frederick Douglass La stella polare. Condannando la conformità del Nord al sistema degli schiavi, descrive i tentativi dei suoi padroni della Carolina del Nord di catturarla a New York dopo l'approvazione della legge sugli schiavi fuggitivi del 1850. Jacobs spiega che, nonostante la sua decisione di principio di non piegarsi al sistema schiavista venendo acquistata, nel 1853 il suo datore di lavoro di New York, la signora Nathaniel Parker Willis (chiamata "signora Bruce") la comprò dalla famiglia di Norcom. Come altri narratori di schiavi, conclude il suo libro con la sua libertà e la libertà dei suoi figli.

La maggior parte degli eventi straordinari che "Linda Brent" racconta sono stati documentati come accaduti nella vita di Jacobs. Inoltre, le lettere che Jacobs ha scritto durante la composizione del suo libro presentano uno scorcio unico del suo inizio, composizione e pubblicazione e raccontano le sue complesse relazioni con abolizionisti neri come William C.Nell e abolizionisti bianchi come Amy Post e Lydia Maria Child. Formano anche un interessante commento sul datore di lavoro settentrionale di Jacobs, il letterato Nathaniel Parker Willis, e su Harriet Beecher Stowe, autrice del best-seller in fuga Zio Tom's Cabin, che Jacobs ha cercato di interessare nel suo racconto.

Sebbene il incidenti è stato pubblicato in forma anonima, il nome di Jacobs è stato collegato al suo libro sin dall'inizio; solo nel XX secolo la sua paternità e il suo status autobiografico furono contestati. incidenti fece conoscere Jacobs agli abolizionisti del nord e con lo scoppio della guerra civile usò questa celebrità ritrovata per stabilire una nuova carriera per se stessa. Jacobs raccolse denaro e provviste per il "contrabbando" - profughi neri che si affollavano dietro le linee dell'esercito dell'Unione a Washington, DC e nell'Alessandria occupata, in Virginia - e tornò a sud.

Con il sostegno dei gruppi Quaker e della neonata New England Freedmen's Aid Society, nel 1863 Jacobs e sua figlia si trasferirono ad Alessandria, dove distribuirono aiuti di emergenza, organizzarono cure mediche di base e fondarono la Jacobs Free School, un'istituzione a guida nera che fornisce neri insegnanti per i rifugiati. Nel 1865 madre e figlia si trasferirono a Savannah, dove continuarono la loro opera di soccorso. Durante gli anni della guerra, Harriet e Louisa Jacobs riferirono dei loro sforzi di soccorso del sud sulla stampa nordica e sui giornali in Inghilterra, dove il libro di Jacobs era apparso come Il torto più profondo: incidenti nella vita di una schiava: scritti da lei stessa (1862). Nel 1868 salparono per l'Inghilterra e raccolsero con successo fondi per gli orfani neri e anziani di Savannah.

Ma di fronte alla crescente violenza nel sud, Jacobs e sua figlia si sono poi ritirate in Massachusetts. A Boston erano in contatto con il New England Women's Club. Successivamente, a Cambridge, Jacobs gestì per diversi anni una pensione per docenti e studenti di Harvard. Harriet e Louisa Jacobs in seguito si trasferirono a Washington, DC, dove fondarono una serie di pensioni e la figlia fu impiegata presso la Howard University. Nel 1896, quando la National Association of Colored Women tenne le sue riunioni organizzative a Washington, DC, Harriet Jacobs era costretta su una sedia a rotelle, ma sembra probabile che Louisa fosse presente. La primavera successiva Harriet Jacobs morì nella sua casa di Washington. È sepolta nel cimitero di Mount Auburn, Cambridge.

Guarda anche Douglass, Frederick; Howard University; Associazione nazionale delle donne di colore; Nell, William Cooper; Narrazioni di schiavi

Bibliografia

Garfield, Deborah M. e Rafia Zafar, eds. Harriet Jacobs e Incidenti nella vita di una schiava: Nuovi saggi critici. New York: Cambridge University Press, 1996.

Yellin, Jean Fagan. "Testo e contesti di Harriet Jacobs Incidenti nella vita di una schiava: scritti da lei stessa." In La narrativa dello schiavo, a cura di Charles T. Davis e Henry Louis Gates, Jr., pagg. 262–282. New York: Oxford University Press, 1985.

Yellin, Jean Fagan. Introduzione a Incidenti nella vita di una schiava: scritti da lei stessa. Cambridge: Harvard University Press, 1987, pagg. Xiii-xxxiv.

Yellin, Jean Fagan, Harriet Jacobs: una vita. New York: Basic Books, 2004.

jean fagan yellin (1996)
Aggiornato dall'autore 2005