Isola di Hutchinson, Georgia

Isola di Hutchinson, Georgia. 7 marzo 1776. I Georgia Patriots prendono il controllo. L'11 maggio 1775, dopo che le notizie di Lexington e Concord arrivarono a Savannah, i "Liberty Boys" sequestrarono cinquecento libbre di polvere dalla rivista provinciale. Quando una goletta britannica armata è apparsa il 2 giugno, una folla ha espresso la sfida della città piantando una batteria a Savannah. Tre giorni dopo hanno eretto il primo palo della libertà della colonia e hanno sfilato sotto le armi. Il 13 giugno hanno convocato un congresso provinciale per riunirsi il 4 luglio, e più tardi nel mese hanno aiutato una forza della Carolina del Sud a guidare il sovrintendente indiano John Stuart nella Florida orientale. Dopo aver sequestrato altra polvere, il governatore Sir James Wright ha rinunciato alla speranza di tenere la rivoluzione fuori dalla sua provincia e ha fatto appello al generale Thomas Gage e all'ammiraglio Samuel Graves per il supporto armato. Sebbene l'autorità in Georgia passò a un consiglio di sicurezza e al Congresso provinciale nel luglio 1775, il governatore reale rimase indisturbato a Savannah fino all'inizio del 1776. Quando due navi da guerra e un trasporto carico arrivarono in risposta tardiva alla richiesta di aiuto di Wright, il consiglio di sicurezza ha ordinato il suo arresto per impedirgli di radunare i lealisti della Georgia. Joseph Habersham, che era insorto come leader dei Patriots, guidò un gruppo che catturò il governatore il 18 gennaio e lo pose agli arresti domiciliari. Fuggì la notte dell'11 febbraio 1776 e si rifugiò a bordo del Scarborough.

Dopo che l'assemblea si rifiutò di rispondere alla sua lettera conciliante del 13 febbraio, Wright fece ricorso alla forza. Le navi da guerra risalirono il fiume il 6 marzo e presero undici navi mercantili riceladen; le truppe del maggiore John Maitland sbarcarono sull'isola di Hutchinson, di fronte alla città. Dopo che i loro avvertimenti agli inglesi di ritirarsi furono ignorati, i ribelli diedero fuoco a due navi mercantili il 7 marzo. Questi si spostarono verso il trasporto delle truppe e causarono il panico. Il colonnello Stephen Bull arrivò all'incirca in questo periodo con quattrocento caroliniani e gli inglesi abbandonarono il loro piano per attaccare la città. Solo due delle navi di riso sono scappate.

Il governatore Wright partì con le navi britanniche, facendo il viaggio di ritorno a Londra, dove esortò la corona a riconquistare la provincia. Tornò a Savannah nel luglio 1779, dopo che gli inglesi avevano riconquistato la città.