Islanda, forze americane

Islanda, forze americane. Dopo l'invasione della Norvegia e della Danimarca nell'aprile 1940, la Gran Bretagna si rese conto che la Germania avrebbe potuto conquistare l'Islanda. Pertanto, il 10 maggio 1940 gli inglesi occuparono l'isola senza il consenso del governo islandese. Gli islandesi speravano, invece, di affidare la loro protezione a un non belligerante e chiesero agli Stati Uniti di porre l'isola sotto la sua giurisdizione. Il governo degli Stati Uniti, decidendo che la sicurezza nazionale richiedeva la sopravvivenza della Gran Bretagna e che questa poteva essere mantenuta solo da una linea di convoglio sicura attraverso l'Atlantico, accettò di stazionare truppe in Islanda.

Le prime truppe americane arrivarono il 7 luglio 1941. Le forze americane aumentarono prodigiosamente dopo che gli Stati Uniti dichiararono guerra alla Germania nel dicembre 1941. Entro la metà del 1943 la forza militare raggiunse circa 40,000 truppe e settantacinque aerei da caccia intercettori. Dopo la metà del 1943, mentre la guerra si rivolgeva contro la Germania, gli Stati Uniti ridussero gradualmente la loro guarnigione islandese. Nel settembre 1944 le truppe erano 8,500; entro la fine della guerra, solo 1,000. Questa forza rimanente partì nell'aprile 1947, dopo che gli Stati Uniti consegnarono la base aerea americana di Keflavik all'Islanda in cambio dei diritti di atterraggio nel dopoguerra per gli aerei militari statunitensi.

Le forze americane tornarono nel febbraio 1951, quando l'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, di cui l'Islanda era diventata membro, cercò di rafforzare le sue difese in Europa. Il numero di truppe americane si stabilizzò durante gli anni '1970 a circa 1,000, servendo come personale per le difese antisommergibili, uno squadrone di caccia e una base radar. La presenza quasi continua delle forze statunitensi in Islanda dopo la seconda guerra mondiale ha contribuito a collegare la nazione insulare precedentemente isolata con il resto del mondo.

Bibliografia

Bittner, Donald F. Il leone e il falco bianco: Gran Bretagna e Islanda nell'era della seconda guerra mondiale. Hamden, Connecticut: Archon Books, 1983.

Neuchterlein, Donald E. Islanda, riluttante alleato. Ithaca, NY: Cornell University Press, 1961.

John J.Caccia/em