Introduzione alla guerra del 1812 (1812-1815)

La guerra del 1812 potrebbe essere la guerra più paradossale che gli Stati Uniti abbiano mai combattuto. Era una guerra che né gli Stati Uniti né la Gran Bretagna volevano veramente. Una delle principali cause di guerra - il British Orders-In Council - fu liberato due giorni prima che il Congresso votasse per dichiarare guerra. La battaglia più decisiva della guerra - a New Orleans - fu combattuta dopo la firma del trattato di pace, il Trattato di Ghent. In quel trattato, entrambe le parti accettarono di tornare allo status quo che esisteva prima della guerra.

La guerra ha avuto origine nella lunga serie di guerre europee innescate dalla Rivoluzione francese. Nel 1812, la repubblica rivoluzionaria francese era stata sostituita da un impero francese, ma i combattimenti continuarono, trasformandosi in una guerra mondiale. La guerra economica ha accompagnato l'azione militare, interrompendo il commercio americano. I marinai americani furono costretti a entrare nella Royal Navy britannica. Gli Stati Uniti sospettavano che la Gran Bretagna incitasse le nazioni indiane negli Stati Uniti. La guerra iniziò a scoppiare su questi problemi, alimentata dal desiderio americano di afferrare il Canada dalla Gran Bretagna.

La reazione iniziale della Gran Bretagna è stata quella di ignorare la guerra e sperare che finisse. Gli Ordini in Consiglio, ai quali gli Stati Uniti si opposero, erano stati lasciati liberi. La Gran Bretagna sperava che quando questa notizia fosse arrivata negli Stati Uniti, ne sarebbe scaturita la pace. Invece, gli Stati Uniti hanno invaso il Canada.

L'invasione americana è stata confusa. La Gran Bretagna respinse le avances americane e poi scacciò gli Stati Uniti da quello che in seguito divenne il Michigan. Le sconfitte terrestri americane furono bilanciate da una piccola serie di vittorie navali americane nel 1812, che ferirono l'orgoglio britannico e incoraggiarono l'America a continuare la guerra.

Nel 1813, una serie di vittorie britanniche portò gli Stati Uniti a tornare alla diplomazia ea negoziare seriamente i termini di pace. A questo punto, gli atteggiamenti britannici si erano induriti e la Gran Bretagna cercò termini che rendessero impossibile agli Stati Uniti minacciare di nuovo la Gran Bretagna. Si trattava di concessioni territoriali che gli Stati Uniti non erano disposti a fare.

La guerra continuò nel 1814. Gli Stati Uniti riconquistarono i territori precedentemente perduti e minacciarono nuovamente il Canada. La Gran Bretagna ha risposto con una serie di incursioni lungo la costa orientale americana. Entrambe le nazioni potrebbero rendere infelice l'altra. Nessuno dei due riuscì a ottenere un risultato decisivo e di porre fine alla guerra a un prezzo che era disposto a pagare. Le guerre napoleoniche in Europa terminarono nell'estate del 1814, rendendo discutibili le questioni relative al libero scambio e ai diritti dei marinai. Le capacità militari delle nazioni indiane negli Stati Uniti erano state decisamente distrutte. Il sostegno britannico era diventato un non problema.

Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna erano stanchi della guerra. Un trattato di pace fu negoziato a Gand, in Belgio, che stabilì tutte le rivendicazioni territoriali sulla base dello status quo prima del 1812. Le questioni commerciali e le impressioni furono semplicemente ignorate, nella speranza che la pace continuasse.

La guerra del 1812 sigillò le identità nazionali sia del Canada che degli Stati Uniti. Entrambe le parti hanno ottenuto vittorie sufficienti per renderle felici e fornire cibo alla leggenda storica. Nel secolo successivo Gran Bretagna e Stati Uniti cessarono di essere avversari, diventando invece solidi alleati.