Incidente di Chappaquiddick

Incidente di Chappaquiddick. Durante le ore serali e mattutine del 18-19 luglio 1969, una giovane donna in sella al senatore del Massachusetts Edward M. Kennedy morì in un incidente automobilistico sull'isola di Chappaquiddick, nel Massachusetts. Dopo che Kennedy e Mary Jo Kopechne lasciarono una riunione di lavoratori della campagna presidenziale di Robert Kennedy del 1968, Kennedy guidò la sua auto da uno stretto ponte privo di guardrail. Kennedy ha subito una commozione cerebrale ma è riuscito a scappare; Kopechne è annegato. Kennedy ha detto che si è tuffato ripetutamente alla macchina per cercare di salvare Kopechne. Molti hanno messo in dubbio il comportamento di Kennedy, tuttavia, perché aveva bevuto quella notte, non aveva denunciato l'incidente fino a quando la polizia non lo aveva contattato la mattina successiva e aveva fornito spiegazioni insoddisfacenti di ciò che era accaduto. Il 25 luglio si è dichiarato colpevole di aver lasciato il luogo di un incidente e ha ricevuto una pena sospesa di due mesi.

Lo scandalo risultante minacciò il futuro politico di Kennedy. Dopo aver inserito la sua dichiarazione di colpevolezza, ha tenuto un discorso televisivo al popolo del Massachusetts, chiedendo loro un consiglio sull'opportunità di dimettersi dal suo seggio al Senato. Il pubblico generalmente ha sostenuto Kennedy, e lui non si è dimesso, ma l'incidente di Chappaquiddick ha danneggiato in modo permanente le prospettive presidenziali di Kennedy. La questione è emersa frequentemente durante la sua corsa infruttuosa per la nomina presidenziale democratica nel 1980.

Bibliografia

Clymer, Adam. Edward M. Kennedy: una biografia. New York: William Morrow, 1999.

Lange, James ET e Katherine DeWitt Jr. Chappaquiddick: The Real Story. New York: St.Martin's, 1992.

MarkByrnes