Il principe charles edward louis philip casimir stuart

Il principe Charles Edward Louis Philip Casimir Stuart (1720-1788), chiamato il giovane pretendente e Bonnie Prince Charlie, è stato l'ultimo membro della linea Stuart a perseguire attivamente la rivendicazione degli Stuart sui troni inglese e scozzese.

Charles Edward Stuart nacque a Roma il 31 dicembre 1720, il figlio maggiore di James Francis Edward Stuart, comunemente chiamato Vecchio Pretendente. Sua madre era la principessa Clementina. A seguito di disaccordi tra i suoi genitori, Carlo ricevette un'istruzione occasionale per mano di sacerdoti gesuiti, protestanti e soldati giacobiti. Tuttavia, ha sviluppato un gusto per la musica e le altre belle arti ed è stato un conversatore intelligente.

Carlo prestò servizio sotto il duca di Liria durante l'assedio di Gaeta (1734), e crescendo - affascinante, magnanimo e coraggioso - divenne sempre più il fulcro della declinante causa giacobita. Nel luglio 1745, incoraggiato dalle promesse di aiuti francesi e dalla simpatia scozzese, salpò per la Scozia con due navi, sbarcando nelle Ebridi il 2 agosto. Gli scozzesi gli consigliarono di tornare in Francia. "Sono tornato a casa", ha risposto, "e non tornerò in Francia, perché sono convinto che i miei fedeli Highlanders mi staranno accanto". La maggior parte dei clan delle Highland si unì a Carlo, e il 19 agosto lo stendardo reale fu dispiegato e Carlo iniziò la sua marcia verso sud. Nella battaglia di Prestonpans i giacobiti sconfissero una forza inglese inviata contro di loro, e per la prima volta rappresentarono una seria minaccia per il governo inglese.

Charles e il suo esercito passarono quindi in Inghilterra. Il 27 novembre raggiunsero Preston, dopo aver evitato l'esercito governativo del maresciallo George Wade. La notizia della capitolazione del Derby ha inorridito Londra, dove tutti gli affari sono stati sospesi. I giacobiti, tuttavia, stavano già contemplando la ritirata perché i simpatizzanti inglesi attesi non si erano uniti a loro ei francesi non avevano inviato rinforzi. Il 6 dicembre l'esercito delle Highland iniziò a ritirarsi. Ha sconfitto le forze di Wade a Falkirk, ma un secondo esercito governativo sotto il duca di Cumberland ha completamente sconfitto gli Highlanders nella battaglia di Culloden Moor il 16 aprile 1746.

Culloden ha segnato la fine delle speranze di Charles. Per 5 mesi ha vagato, un fuggitivo, nella Scozia occidentale, prima di scappare nel continente con l'aiuto di Flora Macdonald a bordo di una nave francese. Il re di Francia continuò ad estendere il sostegno morale alla causa giacobita fino al 1748, quando, in conformità con il trattato di Aixla-Chapelle, Carlo fu espulso dalla Francia. I suoi movimenti durante i prossimi anni rimangono incerti. Ha vissuto per un po 'di tempo a Parigi con la sua amante, la signora Wilkenshaw, e diverse volte durante il 1750 ha visitato Londra nel tentativo fallito di rilanciare la sua causa.

A questo punto Charles era diventato un ubriacone incallito e una figura sempre più patetica. Dopo la morte di suo padre nel 1766, Carlo visse a Roma come il sedicente duca di Albany. Nel 1772 sposò la principessa Luisa di Stolberg-Gedern. Si separarono nel 1780 e Carlo, trascurato e solo, visse principalmente a Firenze. Tornò a Roma pochi mesi prima della sua morte, il 31 gennaio 1788. La carriera romantica di Bonnie Prince Charlie è stata celebrata in una grande quantità di poesie scozzesi e inglesi.

Ulteriori letture

Tra la massa di letteratura popolare generata dalla carriera romantica di Stuart, non esiste una biografia adeguata. Forse il più affidabile è James C. Hadden, Prince Charles Edward (1913). Basil Williams, The Whig Supremacy, 1714-1760 (1959; rev. Ed. 1962), fornisce uno sfondo adeguato alla ribellione del 1745. □