Horace walpole

Lettera al conte di Strafford sulla resa di Cornwallis a Yorktown

Scritto il 27 novembre 1781; estratto da Le migliori lettere di Horace Walpole, 1911

"Oh, mio ​​signore, non ho pazienza con il mio paese e lo lascerò senza rimpianti! Possiamo essere orgogliosi quando tutta l'Europa ci disprezza?"

Horace Walpole

Nel 1779 l'azione bellica si spostò da nord a sud. A quel punto, i francesi avevano accettato di assistere apertamente la causa americana. Con l'aiuto della marina francese, gli americani ottennero finalmente una straordinaria vittoria a Yorktown, in Virginia, il 19 ottobre 1781.

Tornato in Inghilterra, la notizia della resa a Yorktown fu una sorpresa completa (e sgradita). Per due anni, tutto ciò che Londra aveva sentito era stata la notizia di una serie di vittorie del sud. Il 27 novembre 1781 il Parlamento, l'organo legislativo britannico, sarebbe tornato da una pausa. Tutti volevano sapere cosa si sarebbe detto sulla perdita a Yorktown. Ma il re Giorgio III (1738-1820) aveva scritto il suo discorso prima di ricevere la notizia della perdita, e apparentemente non vedeva alcun motivo per cambiarlo. Ha parlato al Parlamento senza menzionare la resa. A quel tempo, Re Giorgio aveva in programma di portare avanti la guerra, ma fu presto costretto a rinunciare a quel piano, perché il Parlamento e l'opinione pubblica britannica si erano rivolti contro la guerra.

Lo scrittore e politico Horace Walpole (1717-1797), che è stato definito il miglior scrittore di lettere in lingua inglese,

era disgustato dalla notizia della resa britannica e dallo spettacolo del Parlamento che ignorava la notizia. È stato spinto a scrivere una lettera a un amico, di cui segue un estratto. Nella lettera, Walpole si lamentava del fatto che l'Inghilterra non avesse mai subito una sconfitta così umiliante. Si chiese se la sconfitta significasse davvero che la guerra era finita. Si lamentava (in una parte della lettera non mostrata) che i giornali parlavano di argomenti frivoli (come quello che la gente della società aveva indossato all'opera la sera prima) mentre l'Inghilterra era disonorata. Ha detto che le storie dei giornali devono essere composte da ragazzi. Ha espresso la sua insofferenza per il suo paese, che tutta l'Europa ha poi disprezzato.

Cose da ricordare leggendo un estratto dalla lettera di Horace Walpole al conte di Strafford:

  • Walpole iniziò a scrivere le lettere per le quali divenne famoso nel 1739. Nel corso della sua vita, Walpole scrisse migliaia di lettere in cui fece osservazioni sulla politica, la letteratura, i principali eventi che si verificarono in Europa e in America e il pettegolezzo del suo tempo. Gli specialisti usano le sue lettere come un importante riferimento al diciottesimo secolo. Le lettere commentavano argomenti così diversi come la scoperta del pianeta Urano, gli esperimenti di Benjamin Franklin con l'elettricità, il volo in mongolfiera, la riforma della prigione e le usanze sociali. Nelle sue lettere, Walpole ha anche analizzato le figure principali della politica britannica.
  • Oltre ad essere uno scrittore di lettere, Walpole era un politico. Entrò in Parlamento nel 1742 e prestò servizio fino al 1769. Walpole si oppose all'oppressione e all'ingiustizia e si espresse in Parlamento contro la tratta degli schiavi neri e le restrizioni alle libertà dei coloni in America.
  • Walpole amava viaggiare e faceva frequenti viaggi a Parigi, in Francia. È possibile che il suo riferimento a lasciare il paese si riferisse a un viaggio del genere.

Estratto dalla lettera di Horace Walpole al conte di Strafford

Quand'è che l'Inghilterra ha visto due interi eserciti deporre le armi e consegnarsi prigionieri? Può indirizzi venali cancellano tali stigmi, che verrà registrato in ogni paese d'Europa? O sarà talele disgrazie non hanno conseguenze? L'America non è persa per noi? Dobbiamo offrire più vittime umane al demone di ostinazione ; e dobbiamo tassarci più a fondo arredare il sacrificio?

Non si penserebbe che i nostri giornali siano stati scritti da ragazzi appena arrivati ​​da scuola…. Siamo scimmie nella condotta e come orsi goffi quando ci proviamo gambol. Oh, mio ​​Signore, non ho pazienza con il mio paese e lo lascerò senza rimpianti! Possiamo essere orgogliosi quando tutta l'Europa ci disprezza? Era non lo farò invidiarci, a volte per odiarci, ma non ci ha mai disprezzato prima. (McMahan, pagg. 233–34)

Quello che è successo dopo …

Walpole era un esperto giardiniere e decoratore di interni e si divertiva a scrivere di questi argomenti. Nel 1749 aveva acquistato un edificio fuori Londra chiamato Strawberry Hill. Lo ha ristrutturato in uno stile architettonico che in seguito divenne noto come gotico vittoriano; lo stile divenne popolare in Europa e negli Stati Uniti. La casa di Walpole era caratterizzata da torri, archi, vetri dipinti, una cappella, una biblioteca e un tetto a spioventi. Il suo interno ospitava collezioni di quadri, mobili e "curiosità" decorative, oltre a libri di ogni tipo. Strawberry Hill è anche degno di nota perché conteneva la prima macchina da stampa situata in una casa privata inglese.

Walpole's Una descrizione della villa di Horace Walpole a Strawberry Hill apparve nel 1774. Fu ampliato nel 1784, poi di nuovo nel 1786. Il libro descriveva la casa unica e piuttosto stravagante di Walpole. Ha scritto nella prefazione: "È stato costruito per soddisfare i miei gusti e in una certa misura per realizzare le mie visioni". L'anno successivo Walpole stampò Racconti geroglifici. Geroglifico (pronunciato hy-uh-ruh-GLIH-fik) significa difficile da capire. Il libro era una raccolta di sei storie di fantasia scritte per divertire i bambini dei suoi amici.

Nel 1791, il settantaquattrenne Walpole divenne il quarto Lord Orford. A quel punto, era turbato da vari disturbi comuni agli anziani. I suoi ultimi anni furono rattristati dalla morte violenta di molti dei suoi amici in Francia che furono uccisi da rivoluzionari arrabbiati durante la Rivoluzione francese (1789-99). All'età di ottant'anni, Walpole si ammalò e morì il 2 marzo 1797.

Nel marzo 1782, il re Giorgio III ammise finalmente la sconfitta e inviò rappresentanti a Parigi per negoziare un trattato di pace con gli americani. Il trattato fu firmato il 3 settembre 1783. Nel trattato di pace, la Gran Bretagna finalmente riconobbe l'indipendenza americana.

Lo sapevate …

  • Nel 1764, Horace Walpole pubblicò Il Castello di Otranto, che è riconosciuto come il primo romanzo gotico. Ritrae personaggi di tutti i giorni coinvolti in incidenti che hanno elementi soprannaturali. A proposito della scrittura di questo romanzo, Walpole ha commentato che "aveva un sogno, di cui tutto quello che ho potuto recuperare è stato che mi ero creduto in un antico castello ... e che sulla ringhiera più alta di una grande scala ho visto una gigantesca mano in armatura La sera mi sono seduto e ho cominciato a scrivere, senza sapere minimamente cosa intendevo ... raccontare. "

Dove saperne di più

"Horace Walpole." Collezione di studi locali di Richmond upon Thames. [In linea] http://www.richmond.gov.uk/depts/opps/leisure/libraries/history/notes/05.htm (accessibile da aprile 6, 2000).

McMahan, Anna B., ed. Le migliori lettere di Horace Walpole. Chicago: AC McClurg, 1911.

Walpole, Horace. Il castello di Otranto e le fiabe geroglifiche. London: Everyman Paperback Classics, 1998.

Walpole, Horace. La storia del gusto moderno nel giardinaggio. New York: Ursus Press, 1995.