Guerra delle colline nere

Guerra delle colline nere. Le Black Hills del South Dakota occidentale e l'adiacente Wyoming nord-orientale erano terreni di caccia, oltre che territorio sacro, per le bande occidentali dei Sioux, o Dakota, indiani. Secondo i termini del Trattato di Laramie del 1868, le Black Hills furono riconosciute come parte della Great Sioux Reservation. Sebbene i bianchi dovessero essere esclusi dalla riserva, le voci insistenti sulla ricchezza mineraria attirarono i cercatori d'oro. Nel 1874, cedendo alle richieste dei cercatori, il governo degli Stati Uniti inviò truppe nelle Black Hills sotto il generale George Armstrong Custer per stabilire siti per postazioni militari.

Dopo che i Sioux hanno minacciato la guerra per le intrusioni, il governo si è offerto di acquistare la terra, ma gli indiani si sono rifiutati di venderla. Nel novembre 1875 a tutti gli indiani che erano usciti dalla riserva a caccia di bufali fu ordinato di fare rapporto ai loro agenti, ma pochi di loro obbedirono. Nel marzo 1876 il generale George Crook si diresse a nord dal fiume Platte per radunare le bande assenti.

A giugno i militari hanno organizzato un'invasione su tre fronti del paese indiano, con Crook a capo dell'attacco. Crook è stato fermato a Rosebud Creek nel Montana centro-meridionale da Oglala Sioux sotto il capo della guerra Crazy Horse. Crazy Horse si unì a un grande accampamento del Northern Cheyenne sul fiume Little Bighorn, nel Montana, dove sconfissero Custer e le sue truppe il 25 giugno 1876.

Dopo la loro vittoria a Little Bighorn, gli indiani si dispersero e non furono in grado di organizzarsi contro rinnovate offensive militari. Secondo i termini di un trattato nel 1877, i Sioux furono obbligati a cedere le Black Hills per una frazione del loro valore e l'area fu aperta ai minatori d'oro.

Bibliografia

Lazzaro, Edward. Black Hills / White Justice: La nazione Sioux contro gli Stati Uniti: dal 1775 ad oggi. New York: Harper Collins, 1991.

Robinson, Charles M. A Good Year to Die: The Story of the Great Sioux War. New York: Random House, 1995.

Scusa, Mike. Crazy Horse: la vita dietro la leggenda. New York: Wiley, 2000.

Kenneth M.Stewart/hs