Guerra con siluri

Guerra con siluri. Il siluro semovente di Robert Whitehead, un'arma a forma di sigaro con una carica esplosiva e alimentato da un piccolo motore, divenne standard in tutte le principali marine negli anni '1870 dell'Ottocento. I siluri sono aumentati rapidamente in velocità, portata e potenza esplosiva. Alla vigilia della prima guerra mondiale, i siluri si aggiravano effettivamente intorno ai 7,000 iarde con velocità massime superiori ai 40 nodi. I siluri più grandi avevano cariche esplosive di 700 libbre di esplosivo.

Fino al 1900 circa, le torpediniere - piccole navi molto veloci progettate per gli attacchi con i siluri - erano le principali torpediniere. Come protezione contro tali navi, grandi navi da guerra acquisirono batterie di cannoni a fuoco rapido e negli anni 1890 iniziarono a fare affidamento su un nuovo tipo di nave da guerra, il cacciatorpediniere della torpediniera, per la protezione. Allo scoppio della prima guerra mondiale, il cacciatorpediniere, cresciuto fino a circa 1,000 tonnellate, aveva ampiamente usurpato la torpediniera.

I sottomarini, tuttavia, hanno fatto il massimo uso di siluri. Durante la prima guerra mondiale, i sottomarini tedeschi affondarono più di 11 milioni di tonnellate di navi britanniche, costrinsero la flotta britannica a operare con straordinaria precauzione e quasi vinsero la guerra per le potenze centrali.

Tra le due guerre, gli aeroplani hanno aggiunto una nuova dimensione alla guerra con i siluri. Nella seconda guerra mondiale una piccola forza di aerosiluranti britannici "pesce spada" mise fuori combattimento metà della flotta italiana nel porto di Taranto nel 1940, e nel 1941 gli aerosiluranti giapponesi aiutarono a paralizzare la flotta americana a Pearl Harbor.

Nella seconda guerra mondiale, gli U-Boot tedeschi affondarono milioni di tonnellate di navi alleate prima che gli Alleati vincessero finalmente la lunga battaglia dell'Atlantico. Nel Pacifico, i sottomarini americani hanno devastato la marina mercantile giapponese, rappresentando il 28% di tutto il trasporto navale giapponese affondato durante la guerra.

Bibliografia

Gannon, Robert. Hellions of the Deep: The Development of American Torpedoes in World War II. University Park: Pennsylvania State University Press, 1996.

Grigio, Edwyn. Il dispositivo del diavolo: Robert Whitehead e la storia del siluro. Annapolis, Md .: Naval Institute Press, 1991.

RonaldSpector/cw