Guerra Cherokee del 1776

Guerra dei Cherokee del 1776. Quando iniziò la guerra rivoluzionaria, gli inglesi tentarono di trattenere i Cherokee dall'attaccare gli insediamenti di backcountry mantenendoli fedeli all'Inghilterra. A giugno, tuttavia, le forze combinate Cherokee e Lealiste hanno attaccato gli insediamenti nella Carolina del Sud e nel Tennessee. I governi coloniali della Carolina del Sud, della Georgia, della Carolina del Nord e della Virginia organizzarono rapidamente spedizioni di rappresaglia. Il colonnello Samuel Jack era sul campo entro luglio, incendiando villaggi Cherokee nel nord della Georgia. Ad agosto, il colonnello Andrew Williamson, con 1,800 soldati e alcuni esploratori Catawba, ha marciato nella Carolina del Sud nordoccidentale, bruciando altri villaggi Cherokee mentre si muovevano. Dalla Carolina del Sud, Williamson si spinse nella Carolina del Nord occidentale per incontrarsi con il generale Griffith Rutherford.

Rutherford lasciò il Davidson's Fort (l'attuale Old Fort, North Carolina) il 1 ° settembre con circa 2,500 miliziani del North Carolina e si diresse a ovest attraverso l'aspro paese degli Appalachi fino ai villaggi del Middle Cherokee lungo il fiume Little Tennessee. Non trovando Williamson, Rutherford divise le sue forze, lasciandone 800 a Nuquassee (ora Franklin, North Carolina). Con il resto marciò più a ovest per attaccare le città della valle. Williamson alla fine trovò la riserva di Rutherford e, prendendo una rotta diversa verso ovest, si incontrò con Rutherford a Hiwassee (ora Murphy, North Carolina). Dopo aver bruciato tutti i villaggi lungo le loro rotte, sono tornati a casa. Una terza colonna di 2,000 miliziani della Virginia e della Carolina del Nord, sotto il colonnello William Christian, scese lungo il fiume Holston da nord (territorio di Over Mountain Men) e incendiò l'Overhill Cherokee. Scoraggiati e rendendosi conto che gli inglesi avrebbero fornito poca assistenza, gli indiani iniziarono a fare causa per la pace. Nei trattati di Dewitt's Corner, South Carolina, firmati il ​​20 maggio 1777 con South Carolina e Georgia, e di Long Island of Holston, nel moderno Tennessee, firmati il ​​20 luglio 1777, i Cherokee cedettero tutte le loro terre a est della Blue Ridge e rinunciarono alle loro pretese di sbarco a nord del fiume Nolachucky. Alcuni si sono trasferiti a ovest per continuare la lotta contro l'insediamento e l'espansione dei bianchi.