Gosudaryev dvor

Letteralmente, "corte del sovrano", un'istituzione gerarchica composta dai servitori d'élite del sovrano tra la fine del XII e il XVII secolo.

I tribunali dei principi slavi orientali di solito includevano membri stretti del seguito, cavalieri di servizio e funzionari domestici. I membri delle famiglie boiardi con legami consolidati con il principe di Mosca costituirono la base della corte moscovita durante il XIV secolo. Il crescente potere politico del sovrano moscovita attirò alla sua corte tra il XIV e il XVI secolo numerosi illustri nuovi arrivati, inclusi membri delle famiglie regnanti lituane e tartare. I governanti moscoviti incorporarono anche i principi dei territori annessi da Mosca alla loro corte, sebbene alcuni di loro, noti come principi di servizio, conservassero una certa autonomia organizzativa all'interno della corte fino alla fine del XVI secolo.

A seguito delle riforme del 1550, la corte del sovrano funzionava sulla base di una miscela di principi gerarchici e territoriali. Nella seconda metà del Cinquecento la corte acquisì una netta gerarchia di ranghi: boiardi, circostante, cavalieri consiglieri, segretari consiglieri, ranghi domestici e segretari di cancelleria, guardia personale del sovrano (stolniki, stryapchie, zhiltsy ), i principi del servizio e i ranghi più bassi (dvorovye deti boyarskie, dopo vybornye dvoryane ). I rapporti di servizio tra cortigiani erano soggetti a regole di precedenza (mestnichestvo ), un sistema complesso che definiva lo status di un cortigiano sulla base della preminenza e degli incarichi di servizio dei suoi antenati e parenti. La territorialità era cruciale per gli strati più bassi della corte, che includevano membri di rami collaterali di famiglie boiardi, persone che erano progredite grazie al servizio fedele e nuovi arrivati ​​di status inferiore. Le persone che detenevano i gradi di corte più bassi erano membri di spicco delle comunità locali di cavalieri ed erano elencate dalla città in cui avevano terre di servizio. Hanno servito a Mosca a rotazione. I segretari entrarono a corte grazie alla loro alfabetizzazione e al patrocinio del sovrano o di influenti cortigiani. La carriera di un servitore a corte dipende quindi dal suo pedigree, dalla sua posizione nella comunità locale dei cavalieri, dalle sue abilità e meriti personali e dal favore dei suoi mecenati.

I principi di Mosca usarono una varietà di mezzi per garantire l'integrità della loro corte. I membri della corte prestarono giuramento di fedeltà e ricevettero sovvenzioni fondiarie a condizione che servissero il principe. I governanti moscoviti si assicurarono la lealtà di illustri nuovi arrivati ​​concedendo loro uno status superiore sui boiardi, manipolando i loro possedimenti terrieri, incoraggiando i matrimoni con i membri della famiglia reale e l'élite locale e sottoponendo gli sleali a disonore ed esecuzioni. Il regno di Ivan IV vide il culmine delle repressioni contro i membri della corte, che fu divisa in due parti durante l'Oprichnina. La composizione sociale e genealogica della corte, tuttavia, rimase stabile fino alla metà del XVII secolo, quando le persone di origine inferiore iniziarono ad entrare negli strati superiori della corte. Allo stesso tempo, i capi delle comunità locali di cavalieri furono esclusi dalla corte. Peter I smise di fare appuntamenti nei ranghi della corte superiore durante i primi anni del 1690.

La corte del sovrano comprendeva le truppe moscovite più degne di combattimento e forniva quadri per compiti amministrativi e diplomatici. Un'efficiente istituzione militare e amministrativa, la corte del sovrano fu vitale per la vittoria dei principi di Mosca sui loro avversari e per il funzionamento dello stato russo durante il XVI e il XVII secolo.