Giustizia, dipartimento di

Giustizia, dipartimento di. Il 22 giugno 1870 il Congresso creò il Dipartimento di Giustizia (DOJ), nominando il suo capo il procuratore generale. Il mandato del dipartimento include, tra gli altri obblighi, rappresentare i cittadini degli Stati Uniti, proteggerli da attività criminali attraverso un'adeguata applicazione della legge, garantire una sana concorrenza commerciale e far rispettare le leggi sulla droga, sull'immigrazione e sulla naturalizzazione. Inoltre, il dipartimento rappresenta gli Stati Uniti in ogni caso sostenuto dinanzi alla Corte Suprema che coinvolge interessi statunitensi, assiste il governo in varie questioni legali offrendo consulenza legale e fornisce pareri legali al presidente e ai capi dei dipartimenti esecutivi.

Prima del 1870, il procuratore generale degli Stati Uniti, il cui incarico è stato creato nel Judiciary Act del 1789, serviva come membro del gabinetto del presidente ma non era a capo di un dipartimento specifico. Il procuratore generale è responsabile di garantire che il governo federale non eserciti il ​​potere in modo ingiusto, incoerente o arbitrario. Per molti anni, i procuratori generali hanno servito quasi esclusivamente come consulente legale del presidente. Altri dipartimenti di gabinetto usavano i propri avvocati per gli affari legali; i procuratori distrettuali statunitensi che processavano casi federali operavano in modo indipendente. (Il procuratore generale era a capo di uno staff così piccolo che dovevano essere chiamati consiglieri speciali e investigatori ogni volta che si presentava un caso importante).

Con l'aumento del numero di reati federali e il contenzioso civile, il Congresso ha ampliato l'ambito del Dipartimento di giustizia, affidando al procuratore generale la responsabilità di sostanzialmente tutte le azioni penali e le controversie federali e creando un'organizzazione che potrebbe crescere in risposta alla legislazione futura e alle esigenze del governo . Durante l'era progressista verso la fine del ventesimo secolo, molti americani arrivarono a credere che il governo avesse bisogno di intervenire nella vita quotidiana per creare giustizia. Di conseguenza, è stata percepita la necessità di espandere il Dipartimento di giustizia.

Il 26 luglio 1908, il procuratore generale Charles Bonaparte nominò un gruppo di ex dipendenti dei servizi segreti e investigatori del Dipartimento di giustizia a incarichi come agenti speciali del Dipartimento di giustizia. Questo braccio investigativo, guidato dall'esaminatore capo Stanley W. Finch, è stato soprannominato Bureau of Investigation, che in seguito ha ampliato il suo nome al Federal Bureau of Investigation (FBI). Nel 1909, il DOJ istituì una divisione penale incaricata di far rispettare e supervisionare l'applicazione del diritto penale federale.

Il crescente interesse del governo federale per lo sviluppo di terre pubbliche portò allo sviluppo di una divisione delle terre nel 1910; questa divisione divenne in seguito la divisione terra e risorse naturali. Alla fine, altre leggi, come le leggi antitrust, hanno creato la necessità di uffici più speciali. Nella vasta riorganizzazione dipartimentale del 1933, molti di questi uffici furono espansi in divisioni, tra cui la divisione fiscale e la divisione antitrust, incaricata di mantenere i mercati competitivi attraverso atti di polizia che limitano il commercio o il commercio. Da questa riorganizzazione è emersa anche la divisione sinistri, divenuta poi divisione civile. La più grande assemblea legale del Dipartimento di Giustizia, la divisione civile rappresenta legalmente gli Stati Uniti, i suoi dipartimenti e agenzie, membri del Congresso, funzionari di gabinetto e altri impiegati federali quando se ne presenta la necessità.

Continuano a essere create altre divisioni specializzate. Nel 1940, il governo trasferì ufficialmente il controllo dell'ufficio del Servizio di immigrazione e naturalizzazione (INS) dal Dipartimento del lavoro al Dipartimento di giustizia. Nel 1957, un momento in cui il movimento per i diritti civili era al suo apice, il DOJ creò una divisione per i diritti civili e le diede il compito di far rispettare gli statuti federali che proibivano la discriminazione. Nel 1964, il DOJ creò l'Ufficio di giustizia penale. L'anno successivo, il DOJ ha esteso i suoi sforzi in materia di giustizia penale creando l'Ufficio di assistenza per le forze dell'ordine, che aveva il compito di aiutare gli stati e le giurisdizioni locali a migliorare i loro sistemi di giustizia penale. Il mandato del dipartimento per garantire i diritti civili è stato rafforzato nel 1966 quando il Servizio per le relazioni con la comunità è stato trasferito dal Dipartimento del Commercio al DOJ. Creato dal Civil Rights Act del 1964, il Community Relations Service ha la missione di prevenire e risolvere gli incidenti che si verificano a causa di differenze di razza, colore o origine nazionale.

Con il fiorire del traffico di droga negli anni '1960, il Congresso autorizzò la creazione del Bureau of Narcotics and Dangerous Drugs nel 1968. Nel 1972, il presidente Richard Nixon creò l'Ufficio per l'applicazione della legge sull'abuso di droghe, incaricato di coordinare tutti gli sforzi federali e statali, e l'Office of National Narcotics Intelligence, che è stato sviluppato per essere un centro di smistamento per le informazioni sul traffico di droga. L'anno successivo, il presidente Nixon razionalizzò la guerra alla droga unendo cinque agenzie federali di contrasto alla droga per creare la Drug Enforcement Administration (DEA) all'interno del Dipartimento di Giustizia. La DEA è il principale tutore nazionale delle leggi federali sulla droga e ha la responsabilità esclusiva di coordinare e portare avanti le indagini statunitensi sulla droga all'estero. Nel 2002, il DOJ ha nuovamente intensificato gli sforzi per fermare la crescita, l'importazione e la vendita di droghe illegali quando ha istituito il National Drug Intelligence Center, che era il principale centro della nazione per l'intelligence nazionale strategica contro la droga.

A seguito di importanti atti terroristici sul suolo americano nel 2001, il DOJ ha spostato la sua attenzione dalla lotta alla droga alla lotta al terrorismo. Il 5 marzo 2002, il dipartimento ha creato il Consiglio di coordinamento della sicurezza nazionale del Dipartimento di giustizia; la sua missione principale è facilitare il coordinamento continuo delle funzioni del dipartimento relative alla sicurezza nazionale e al terrorismo. Il consiglio comprendeva il procuratore generale, il direttore dell'FBI, il commissario dell'INS, il capo del personale del procuratore generale, l'assistente procuratore generale della divisione penale e l'assistente procuratore generale per i programmi dell'Ufficio di giustizia.

Il Dipartimento di Giustizia, che è il più grande studio legale del mondo, è cresciuto dai suoi magri inizi a un'organizzazione che comprende quasi quaranta componenti e più di 30,000 dipendenti.

Bibliografia

Huston, Luther A. Il Dipartimento di Giustizia. New York: Praeger, 1967.

Longevo, Albert George. Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Baltimora: Johns Hopkins University Press, 1927.

James T.Scott