Giornate commemorative e di decorazione

Il Memorial Day è un momento speciale per gli americani. Pochi eventi patriottici evocano l'emozione, la commemorazione e la gratitudine della nazione come gli eventi del ricordo dell'ultimo lunedì di maggio di ogni anno, quando in tutti gli Stati Uniti, e anche all'estero, gli americani dedicano del tempo per ricordare coloro che sono caduti difesa della nostra nazione. Ma pochi cittadini si fermano a pensare alla storia del giorno, che apparve poco dopo la guerra civile come uno sforzo per ricordare i morti di quel conflitto.

Un giornale riassunse il ruolo storico del Memorial Day nel 1869 come "una giornata commemorativa tanto utile e suggestiva per i vivi quanto significativa e grata ai morti", e proseguì descrivendo lo sforzo: "Spargere fiori sulle tombe degli eroi è allo stesso tempo un pio e patriottico tributo, fatto nel modo più semplice e commovente. Questo diritto di affetto, non troppo pubblico per la donna più modesta e ritirata nel suo modo appartato per celebrare, ma non troppo umile per il Il cittadino più alto da disprezzare, è una di quelle pochissime usanze che una nazione può essere orgogliosa di aver originato e mantenuto "(" Giorno della Decorazione ", p. 4). Inoltre, questa attività di decorazione nei cimiteri degli Stati Uniti, sia del nord che del sud, ha svolto un ruolo importante nell'eventuale riconciliazione delle due sezioni dopo la guerra.

Gli storici hanno difficoltà a individuare la data esatta del primo Memorial Day. Alcuni sostengono che sia iniziato a casaccio anche durante la guerra, mentre altri indicano un periodo immediatamente successivo alla fine del conflitto (Blight 2001, pp. 65-70; Neff 2005, 136-137). Una delle prime menzioni di un giorno reale chiamato "Memorial Day" risale al 1868, quando il 30 maggio la città di Lafayette, Indiana, decorò le tombe dei suoi morti della guerra civile. Anche così presto, tuttavia, ci fu qualche incrocio delle linee di sezione e il desiderio di conciliare il Nord e il Sud. Il New York Times riferì che i decoratori del cimitero dell'Indiana ricevettero una ghirlanda e un biglietto da una bambina che diceva: "Per favore, metti questa ghirlanda sulla tomba di qualche soldato ribelle? Il mio caro papà è sepolto ad Andersonville, e forse qualche bambina sarà gentile abbastanza per mettere alcuni fiori sulla sua tomba "(" An Incident of Memorial Day ", p. 3). I funzionari lo hanno fatto, deponendo la corona sull'unica tomba confederata nel cimitero.

Tuttavia, la maggior parte delle fonti indica che il 1868 è la nascita effettiva della tradizione annuale del Memorial o del Giorno della Decorazione. Il Grande Esercito della Repubblica era un leader nello sforzo, una storia diceva che al suo comandante l'idea era stata data da una donna di Filadelfia che aveva viaggiato nel sud e "aveva notato le donne del sud che decoravano le tombe dei loro morti, caduti in battaglia" ("Memorial Day", p. 4). Un'altra storia affermava che un membro anonimo aveva raccomandato l'idea (Neff 2005, p. 137). Nel 1869, tuttavia, si tennero numerosi eventi in tutta la nazione, sia nel nord che nel sud, e in quell'anno il New York Times si riferì alla tradizione come "introdotta nel calendario nazionale" ("Decoration Day," p. 4). Il giornale descriveva l'evento del 1869 a New York: "non sono mancate le presenze ai cimiteri, dove migliaia di persone hanno partecipato alla bella e appropriata cerimonia di decorazione delle tombe dei nostri eroi ['] con fiori" ("Decoration Day", p. 4 ).

Durante l'era della ricostruzione e negli anni ottanta del XIX secolo, la maggior parte delle osservanze del Memorial Day erano tentativi localizzati di decorare le tombe dei soldati nei cimiteri locali, e non solo i morti della guerra civile. William T. Sherman tenne un discorso a un evento del St. Louis Memorial Day nel 1880 e menzionò anche altri veterani sepolti in quel particolare cimitero: "uomini che hanno combattuto per l'onore del nostro paese comune contro il nemico straniero prima che la maggior parte di noi nascesse; altri che hanno portato dal Messico e dai nostri confini indiani semi di malattie che hanno causato la loro morte "(" Gen. Sherman on Memorial Day, "p. 1875). C'era anche uno sforzo da parte del Grande Esercito della Repubblica per rendere questo sforzo di portata sia nazionale che permanente, e il successo alla fine sarebbe arrivato quando il Congresso ha reso quel giorno una festa ufficiale per entrambe le parti nel 2. Di sicuro, lo sforzo di commemorare i morti a quel punto avevano oltrepassato i limiti della sezione. "Sia le tombe dell'Unione che quelle confederate decorate nel Maryland", lesse il Washington Post nel 1889, con la pratica che diventava più comune con il passare degli anni ("A Day of Remembrance," p. 1879). "Furono pronunciati discorsi e decorate le tombe dei morti confederati e dell'Unione", si legge in un altro giornale in riferimento alle cerimonie tenutesi a Charleston, nella Carolina del Sud, nel 1 ("Memorial Day in the South," p. 1888).

Non sorprende che i cimiteri nazionali in tutto il paese fossero i preferiti speciali per le osservanze del Memorial Day, specialmente quelli che si trovavano sopra o vicino ai parchi militari nazionali in via di sviluppo negli anni 1890 e oltre. Ogni anno si tenevano osservanze speciali in luoghi come Shiloh, Tennessee, Vicksburg, Mississippi, Antietam, Maryland e Gettysburg, Pennsylvania. A Shiloh ogni anno nel 1890 e all'inizio del 1900, la postazione locale del Grande Esercito della Repubblica poneva bandiere sulle tombe dell'Unione e della Confederazione, nonostante diversi anni di pioggia in quel giorno specifico, spingendo i funzionari del parco a fare riferimento alla loro "pioggia abituale" ( Smith 2004, pagg. 14, 102). Ogni anno a Gettysburg, un quotidiano riportava, "i bambini delle scuole pubbliche ricoprivano di fiori le migliaia di tombe" ("Marcia trionfante di GAR", p. 10).

Da quando è stata dichiarata la festività ufficiale, il Memorial Day è diventato parte del ricordo annuale di quasi tutti gli americani, e oggi non è diverso. Sia che gli americani guardino in televisione le elaborate cerimonie al Cimitero Nazionale di Arlington, dove il Presidente degli Stati Uniti depone una ghirlanda presso la Tomba degli Ignoti o partecipino alle cerimonie locali in uno dei tanti cimiteri nazionali in tutta l'America, lo fanno per lo stesso scopo : per ricordare, onorare e commemorare, proprio come fecero quei primi pionieri della tradizione del Memorial Day subito dopo la Guerra Civile.

Bibliografia

"Un giorno della memoria". Washington Post, 31 maggio 1879, pag. 1.

"Un incidente del Memorial Day". New York Times, 7 giugno 1868, p. 3.

Blight, David. Race and Reunion: The Civil War in Memory and Reunion. Cambridge, MA, 2001.

"Giorno della decorazione". New York Times, 31 maggio 1869, pag. 4.

"Gen. Sherman il Memorial Day." New York Times, 4 giugno 1875, p. 2.

L'età dell'oro della conservazione del campo di battaglia: il decennio del 1890 e l'istituzione dei primi cinque parchi militari americani. Knoxville, TN, 2008.

Holt, Dean W. Cimiteri militari americani: una guida illustrata completa ai terreni scavati degli Stati Uniti, inclusi i cimiteri d'oltremare. Jefferson, NC, 1992.

"Giorno della Memoria." Il Washington Post, 27 agosto 1889, pag. 4.

"Memorial Day nel sud". New York Times, 12 maggio 1888, p. 1.

Neff, John R. Onorare i morti della guerra civile: commemorazione e problema della riconciliazione. Lawrence, KS, 2005.

Piehler, G. Kurt. Ricordando la guerra alla maniera americana. Washington DC, 1995.

Smith, Timothy B. Questo grande campo di battaglia di Shiloh: storia, memoria e istituzione di un parco militare nazionale della guerra civile. Knoxville, TN, 2004.

"Marcia trionfante di GAR" New York Times, 31 maggio 1894, pag. 10.

Timothy B. Smith