Germania, battaglia per

Germania, Battle for (1945) .Durante la battaglia del 1945 per la Germania, gli americani guidarono efficacemente lo sforzo alleato della seconda guerra mondiale in Occidente; ma nell'accogliere i sovietici, la cui Armata Rossa stava invadendo dall'Est, ottennero la vittoria militare a caro prezzo geopolitico.

Mentre i loro eserciti si riprendevano dai temporanei rovesci subiti alla fine del 1944 durante la liberazione della Francia e la Battaglia delle Ardenne, i generali americano, britannico, canadese e altri concordarono su alcuni obiettivi chiave della prossima campagna per la Germania. Alla fine di gennaio 1945, gli eserciti anglo-americani avevano 4 milioni di uomini, due terzi dei quali americani; gli eserciti sovietici erano quasi 7 milioni. Gli alleati occidentali si stavano preparando a conquistare la Ruhr, sede di gran parte dell'industria degli armamenti tedesca. Anche la pianura della Germania settentrionale con i suoi porti baltici era un obiettivo importante. Gli alleati desideravano inoltre colpire in altri punti lungo il fronte renano in modo da avvolgere la Wehrmacht. Dopo aver raggiunto i loro obiettivi iniziali, avrebbero quindi attraversato il cuore della Germania, forse effettuando un raccordo con le forze sovietiche ma sicuramente ponendo fine alla guerra europea.

Eppure esisteva una notevole discordia. Il feldmaresciallo britannico Bernard Law Montgomery ha espresso disprezzo per le tattiche deliberate e di "ampio fronte" del comandante supremo alleato Dwight D. Eisenhower. Montgomery ha insistito sul fatto che avrebbe dovuto comandare non solo le truppe britanniche e canadesi, ma anche due eserciti statunitensi e fare quello che aveva predetto sarebbe stato una spinta rapida e concentrata attraverso la valle del Reno a nord della Ruhr e infine sulla stessa Berlino. Lui e altri generali britannici - raggiunti da alcuni storici britannici del dopoguerra - credevano che "Ike" fosse stato vacillante e inaffidabile. Ma ai generali americani e alle loro truppe non piaceva Montgomery e non volevano servirlo. Per loro, "Monty troppo ordinato" ha perso troppo tempo nella preparazione della campagna e talvolta non è riuscito a portare a termine. E si risentivano del suo atteggiamento nei confronti di Eisenhower.

Come la maggior parte degli storici ha concluso, Eisenhower esercitò con tatto ma con decisione un fermo comando. Ha risolto controversie tra generali controversi mantenendo una rigida disciplina. Durante la battaglia per la Germania, Ike ascoltò i consigli ma fece le sue scelte.

Sebbene entrambe le unità americane e britanniche fossero entrate in Germania già il 12 settembre 1944, i primi massicci attraversamenti del Reno avvennero nel marzo 1945. Dopo aver catturato 250,000 prigionieri e aver inflitto 60,000 vittime tedesche mentre si trovavano sulla riva occidentale, gli alleati cercarono teste di ponte sul fiume. Il 7 marzo elementi della Nona Armata degli Stati Uniti trovarono una campata leggermente difesa a Remagen, e in un giorno 8,000 americani si trovavano sulla sponda orientale del Reno. Nel giro di alcuni giorni, non solo la testa di ponte di Remagen ma anche molte altre resero possibile l'attraversamento di tutti i 7 eserciti alleati, principalmente perché 62 ponti furono costruiti da 75,000 uomini del Corpo degli ingegneri dell'esercito americano. Entro il 25 marzo la più grande aggregazione di armature mai assemblata nell'Europa occidentale stava colpendo il Reich.

Il doppio involucro della Ruhr procedette quindi con brillante successo. La prima armata americana di Courtney Hodges e la nona di William Simpson catturarono le forze del Reichswehr all'interno di un cerchio di 80 miglia di diametro. Con un enorme supporto aereo, di artiglieria e navale, le colonne corazzate alleate in rapido movimento costrinsero 400,000 soldati tedeschi alla resa. All'inizio dell'aprile 1945 la resistenza tedesca era inutile e Adolf Hitler non aveva né il materiale né il personale per bloccare gli eserciti alleati dall'ovest o i sovietici dall'est.

Mentre le truppe britanniche e canadesi avanzavano attraverso la Germania settentrionale dopo aver sigillato l'Olanda e la Danimarca, ei soldati francesi si muovevano attraverso il sud, il 63 aprile la nona armata degli Stati Uniti fece irruzione entro 21 miglia da Berlino. Più a sud, la Terza Armata di George S. Patton ottenne risultati ancora più spettacolari, coprendo a volte 100 miglia al giorno, prendendo Francoforte il 27 marzo e imperversando attraverso la Cecoslovacchia, la Baviera e l'Austria nel mese di aprile. La settima armata statunitense si diresse a sud, e all'inizio di maggio, al Brennero, collegata alle truppe americane dell'ex teatro di guerra italiano. Il 25 aprile si è svolto a Torgau, sul fiume Elba, luogo d'incontro prestabilito, lo storico incontro delle pattuglie sovietiche con le unità avanzate della Nona Armata americana.

Il potere travolgente e l'abilità logistica erano i principali responsabili del successo americano. L'esercito americano aveva enormi vantaggi numerici in termini di manodopera, carri armati e artiglieria, e le forze aeree di supporto che comandavano i cieli potevano interrompere l'industria tedesca, i movimenti delle truppe e le forniture. Il Corpo degli Ingegneri dell'Esercito ha utilizzato efficacemente le proprie attrezzature di collegamento e l'Aeronautica Militare dell'esercito, con oltre 1,600 "vagoni merci volanti" e altri velivoli, ha trasportato 60,000 tonnellate di rifornimenti, inclusi 10 milioni di galloni di benzina, sul fronte in rapida avanzata durante l'aprile 1945. .

Non volendo rischiare vite americane e di altri alleati in un attacco a Berlino poiché ai sovietici era stata promessa una zona di occupazione del dopoguerra, Eisenhower, agli ordini di Washington, trattenne gli eserciti alleati sul fiume Elba, consentendo così all'Armata Rossa di conquistare Berlino, est Germania e altri territori dell'Europa centrale.

L'invasione della Germania portò anche alla liberazione dei campi di concentramento e di sterminio tedeschi. I generali Eisenhower e Omar N. Bradley visitarono personalmente Ohrdruf il 12 aprile e presto Buchenwald, Dachau e molti altri furono liberati. Al mondo, gli americani hanno esposto questi orrori orrori della crudeltà nazista, provocando shock e repulsione.

Per la Germania c'è stata solo una sconfitta completa e umiliante. Mentre l'Armata Rossa combatteva a Berlino, Hitler si suicidò lì il 30 aprile 1945. Al comando del suo successore, il Grandammiraglio Karl Doenitz, il feldmaresciallo Alfred Jodl si recò al quartier generale avanzato di Eisenhower a Reims, in Francia, e firmò una resa incondizionata di 7 Maggio. Josef Stalin ha chiesto una seconda firma a Berlino l'8 maggio, che è stata salutata come il V-E Day - la Giornata della Vittoria in Europa - che segna la fine formale della guerra in Europa. Il 5 giugno 1945, la Germania fu posta sotto un Consiglio di controllo alleato e divisa in quattro zone di occupazione.
[Vedi anche Germany, US Military Involvement in; Olocausto, sforzo bellico degli Stati Uniti e; Seconda Guerra Mondiale: Corso Militare e Diplomatico; Seconda guerra mondiale: operazioni aeree statunitensi in: La guerra aerea in Europa.]

Bibliografia

John Toland, The Last 100 Days: The Final Fighting in Europe, 1966.
Hubert Essame, La battaglia per la Germania, 1969.
Alfred D. Chandler, ed., The Papers of Dwight David Eisenhower, Vol. V: Gli anni della guerra, 1970.
Russell F. Weigley, Eisenhower's Lieutenants: The Campaign for France and Germany, 1944-1945, 1981.
Stephen E. Ambrose, Eisenhower, 1983.
Gerhard L. Weinberg, A World at Arms, 1994.

Richard Anderson