Galazia

Una regione dell'Asia Minore centrale. Il nome Γαλατία (Galatia) deriva da quello di Γαλάται (Galati), una forma variante di Κελτοί (Celti), il nome di un popolo che parlava la lingua celtica che proveniva dall'Est nell'Europa centrale e occidentale probabilmente intorno all'inizio del il primo millennio a.C.

Nella storia. Nella prima metà del III secolo aC un gruppo di questo popolo gallico o gallico invase i Balcani, la Macedonia, la Tracia e la Grecia. Dopo essere stati respinti dalla Grecia, tre delle loro tribù, abbracciando circa 3 anime, passarono in Asia Minore nel 20,000 aC su invito del re Nicomede I di Bitinia, che cercò il servizio militare. Per il mezzo secolo successivo invasero la maggior parte dell'Asia Minore fino a quando furono sottomessi dal re Attalo I di Pergamo (c. 232 a.C.). Successivamente si stabilirono nell'Asia Minore centrale, sia a est che a ovest della grande ansa del fiume Halys.

In questa regione, la Galazia in senso stretto, gli invasori gallici formavano semplicemente la classe dirigente, a cui erano soggetti i primi abitanti (frigi a ovest e cappadoci a est). Dopo che la Galazia era stata uno stato vassallo di Pergamo e un regno semi-indipendente, divenne uno stato cliente di Roma nel 64 a.C. Quando il re Aminta di Galazia morì nel 25 a.C., il paese fu incorporato nell'Impero Romano e fece parte di un nuovo provincia stabilita, che portava lo stesso nome. Tuttavia, la provincia romana della Galazia come allora costituita era molto più grande della regione originaria della Galazia; comprendeva anche i distretti di Lycaonia e Pisidia a sud e la parte meridionale della Frigia a sud-ovest. Quando l'imperatore romano diocleziano riorganizzò le province dell'impero (c. 295), ha diviso la provincia di Galazia in due province, di cui solo la metà settentrionale (Galazia in senso stretto) era ora chiamata Galazia. Nell'XI secolo il paese fu conquistato dai selgiuchidi e nel XIV secolo cadde in possesso dei turchi ottomani.

Nella Bibbia. Poiché il termine Galazia era usato dagli scrittori antichi per designare la Galazia in senso stretto o la provincia romana della Galazia o anche la Gallia meridionale (poi Francia), il significato esatto del termine usato nella Bibbia è spesso incerto e, in connessione con l'attività missionaria di San Paolo, ancora molto controversa. I Galati menzionati in 2 Mc 8:20 sono, senza dubbio, uomini della Galazia in senso stretto, che spesso hanno servito come truppe mercenarie. Quelli indicati in 1 Mc 8: 2 come sconfitti dai Romani potrebbero essere i Galli dell'Italia settentrionale.

Nel NT la Galazia menzionata in 1 Pt 1: 1 è molto probabilmente la provincia romana con quel nome, poiché tutti gli altri nomi menzionati in questo verso sono quelli delle province romane in Asia Minore. Non è chiaro quale quartiere si intenda per Galazia in cui Crescens andò (2 Tm 4:10); potrebbe essere anche la Gallia meridionale. Nessuna menzione della Galazia stessa è fatta negli Atti degli Apostoli, ma secondo Atti 16: 6 San Paolo "passò attraverso la Frigia e il paese della Galazia [Γαλατική χώρα]" nel suo secondo viaggio missionario, e secondo le 18:23 egli "viaggiò a turno attraverso il paese della Galazia e la Frigia [meglio: un luogo dopo l'altro nel paese della Galazia e la Frigia], rafforzando tutti i discepoli". Entrambi i passaggi si riferiscono probabilmente alla sezione sud-ovest della provincia della Galazia, abitata da Frigi e Galati. In ogni caso, non sembra esserci alcun chiaro riferimento negli Atti al fatto che Paolo abbia mai evangelizzato la Galazia vera e propria. Tutte le prove disponibili sembrano mostrare che al tempo di San Paolo la Galazia in senso stretto era scarsamente ellenizzata, nemmeno nelle sue tre città principali, Pessinus, Ancyra (l'odierna Ankara) e Tavium, e pochissimi ebrei vi si stabilirono. Il contrario è vero per la sezione meridionale del

Provincia della Galazia, evangelizzata da Paolo durante il suo primo viaggio missionario (Atti 13: 13–14: 25).

Tuttavia, ci sono molti studiosi moderni che ancora difendono vigorosamente l'opinione un tempo unica che "le chiese della Galazia" (Gal 1: 2) a cui Paolo indirizzò la sua lettera ai galati erano in Galazia vera e propria. Tra i loro argomenti i più forti sono (1) che Paolo si rivolse ai destinatari della sua lettera come [simbolo omesso] Γαλάται (O Galati: Galati 3: 1), un termine che sembrerebbe adattarsi agli abitanti della Galazia proprio molto meglio di quelli della parte meridionale della provincia di Galazia, e (2) che il "paese della Galazia" ha usato in Atti 16: 6; 18:23 (vedi sopra) può essere inteso come riferito alla Galazia vera e propria.

Bibliografia: w. Ramsay, Geografia storica dell'Asia Minore (Londra 1890). La vera enciclopedia di Pauly dell'antichità classica, ed. g. wissowa et al. (Stoccarda 1893) 7.1: 519–559. h. schlier, Lessico per la teologia e la chiesa (Freiburg, 1957–66) 4:488–489. Dizionario enciclopedico della Bibbia, tr. e adattare. di l. hartman (New York 1963) 829–831.

[lf hartman]